laRegione
i-consumatori-chiedono-un-bollino-di-riparabilita
Un caffè riparazione dell'Acsi (prima del Covid) (Archivio Ti-Press)
Economia
21.10.20 - 09:450
Aggiornamento : 10:07

I consumatori chiedono un ‘bollino di riparabilità’

Secondo un sondaggio dell’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori gli svizzeri sono pronti a pagare di più per prodotti riparabili

I consumatori svizzeri vogliono prodotti che durino più a lungo e siano riparabili, anche a costo di pagarli di più. È quanto emerge da un sondaggio realizzato a livello nazionale dall’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori.

Una larga maggioranza (98%) vuole per un sistema di etichettatura che valuti la riparabilità di prodotti come elettrodomestici o apparecchi elettronici, una richiesta che verrà ora portata in Parlamento a Berna.


Al sondaggio hanno partecipato 2’665 consumatori svizzeri. Una partecipazione, osserva l'Acsi (Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana) in un comunicato, che dimostra il forte interesse suscitato dalla tematica della riparabilità. In seguito all’introduzione da parte dell’Ue del concetto di diritto alla riparazione, in Francia a partire dal 2021 smartphone, computer portatili, televisori, lavatrici e tagliaerba saranno i primi prodotti a dover essere muniti di un’etichetta denominata “indice di riparabilità”, che valuterà il grado di riparabilità dei prodotti secondo criteri oggettivi. Ciò porterà i produttori a proporre prodotti più longevi e riparabili, a vantaggio dell’ambiente e del portafoglio. 

Per la maggioranza dei partecipanti al sondaggio la possibilità che un elettrodomestico duri a lungo è un fattore decisivo (64%) o importante (35%) nella scelta di acquisto. Solo l’1% lo ritiene un fattore secondario. Un’etichetta che valuti secondo criteri oggettivi la riparabilità dei prodotti sarebbe un fattore decisivo (58%) o importante (39%) per la netta maggioranza dei consumatori. Il 96% sarebbe disposto a pagare di più per un prodotto che fornisca precise garanzie in fatto di riparabilità, anche se il 38% precisa: solo di poco. Il 97% afferma di aver già dovuto buttare almeno una volta un oggetto ancora in buono stato soltanto perché il costo della riparazione era troppo elevato o non erano disponibili i pezzi di ricambio. Al 34% è successo “molte volte”. Il 77% sarebbe favorevole a un divieto alla vendita di alcuni prodotti impossibili da riparare.

 

TOP NEWS Economia
Economia
4 gior
Svizzera, edilizia e industria soffrono a causa del covid
Il settore secondario ha conseguito un fatturato, nel terzo semestre, in calo del 6%. Lo rende noto l'Ufficio federale di statistica
Economia
4 gior
Germania, Thyssen taglia 11 mila posti di lavoro
L'industria del metallo ha annunciato la misura, che sarà attuata nel giro di tre anni. Una decisione da ricondurre all'impatto del coronavirus sui mercati
Economia
6 gior
Causa pandemia, in calo i prelievi ai bancomat in Svizzera
Secondo Six, nel 2020 atteso un calo del 20-25% dei prelievi di contante. Entro 5 anni il numero dei bancomat potrebbe essere il 30-40% in meno
Economia
1 sett
La piazza finanziaria ticinese si sta stabilizzando
Secondo l'annuario 2019 del Centro studi Villa Negroni il processo di concentrazione in atto nel settore bancario cantonale è stato ‘meno rilevante’
Economia
1 sett
Il più grande accordo di libero scambio con la Cina
Quindici Paesi dell'Asia-Pacifico hanno firmato l'intesa commerciale storica. L'influenza di Pechino crescerà di molto
Economia
1 sett
Ubs, ‘per il momento nessuna ristrutturazione del personale’
Il presidente del CdA Axel Weber afferma che ‘non vogliamo far pagare le incertezze del futuro ai collaboratori’
Economia
1 sett
'Meno regole per produrre dolci e biscotti in Svizzera'
Lo chiede l'associazione di categoria Biscosuisse visto il calo delle esportazioni. Il prezzo delle materie prime e gli eccessivi oneri amministrativi
Economia
1 sett
Le banche potranno dedurre le multe ricevute all'estero
Lo prevede la modifica di legge proposta dal Consiglio federale. La deducibilità varrà solo a determinate condizioni
Economia
1 sett
Coronavirus, servono nuovi crediti per le aziende
Lo sostiene il direttore del Kof, il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo
Economia
1 sett
Raiffeisen: ‘Indipendenti per favorire i nostri clienti’
Karin Valenzano Rossi del Cda di Raiffeisen Svizzera spiega le ragioni dell’abbandono dell’Associazione svizzera dei banchieri
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile