laRegione
Lac
24.01.23 - 14:33

Noa per la Memoria, Teresa Mannino per ‘Il giaguaro’

Giovedì 26 gennaio, grande musica con la cantante israeliana. Sabato 28 e domenica 29 gennaio, il ‘one woman show’ dell’artista siciliana

noa-per-la-memoria-teresa-mannino-per-il-giaguaro
Noa

Ferma sostenitrice della pace, Noa ha portato il suo messaggio sui palcoscenici più prestigiosi del mondo, come Carnegie Hall, Lincoln Center, la Casa Bianca e più volte in Vaticano, collaborando con artisti del calibro di Stevie Wonder, Sting, Andrea Bocelli e molti altri, oltre che con Pat Metheny e Quincy Jones. Figura che ben si sposa con il Giorno della Memoria, l’artista israeliana torna a esibirsi al Lac: l’appuntamento è per giovedì 26 gennaio alle 20.

Di origine yemenita, formatasi negli Stati Uniti per tornare poi in Israele all’età di 17 anni, Noa – pseudonimo di Achinoam Nini – è capace di fondere jazz, rock e musica classica. Il suo concerto luganese sarà introdotto in videocollegamento da Edith Bruck, scrittrice, autrice di numerosi best seller, reduce dell’Olocausto, che ha dedicato gran parte della sua vita a divulgare la terribile esperienza della deportazione per mantenerne viva la memoria. Nel 2021, Bruck è stata insignita del titolo di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana (la serata è organizzata in collaborazione con Asi – Ticino e sostenuta dal Dipartimento delle istituzioni, Fondazione Henry Krenter e Union Bancaire Privée - Ubp).

Doppio appuntamento, invece, con Teresa Mannino. Sabato 28 gennaio alle 20.30, con replica domenica 29 alle 18, l’artista siciliana è la protagonista de ‘Il giaguaro mi guarda storto’, one woman show del quale è anche regista. Di questo ironico ma impietoso ritratto della nostra società, Mannino dice: "Dai racconti d’infanzia alla difficile relazione che abbiamo con l’attesa, dalla perplessità nei confronti degli animali umani alla stima per le formiche, il filo conduttore dello spettacolo è il desiderio, lo stupore vitale che accende sogni, infuoca cuori e libera movimento" (lo spettacolo è in collaborazione con My Nina Spettacoli).


Giuseppe La Spada
Teresa Mannino

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
6 ore
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
18 ore
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
1 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
1 gior
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
1 gior
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
1 gior
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
2 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
© Regiopress, All rights reserved