laRegione
La recensione
02.10.22 - 21:28

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit

di Giovanni Medolago
alla-fine-per-salvarci-non-c-e-altro-che-l-immaginazione
Anahì Traversi e Simon Waldvogel

Nell’ambito della 31esima edizione del Fit (Festival internazionale del teatro, a Lugano sino al prossimo 11 ottobre), il Lac ha ospitato la "prima" di "Amor fugge restando". È l’ultimo tassello della trilogia dedicata al tema dell’amore dal Collettivo Treppenwitz. Come le due performance che l’hanno preceduto ("L’amore ist nicht une chose for everyboy" e "KISS") ha quale significativo sottotitolo "Loving kills".

In effetti, nella prima scena Anahì Traversi – che accoglie il pubblico passeggiando serenamente sul palco – è travolta da una serie di ondate immaginarie che la sballottolano di qua e di là. Una metafora dello sconquasso che coglie tutti gli spasimanti in odore d’innamoramento, un’esca narrativa o addirittura una mîse en abîme anticipata? C’è un lui (Simon Waldvogel) che la osserva fischiettando, apparentemente indifferente. Poi però deve darsi da fare per metterla al riparo dai flutti sempre più minacciosi e i due si trovano così nella prima posizione paraerotica dello spettacolo: saltando da un tiglio anch’esso immaginario, lei finisce sovrastata da quel corpo virile dal quale si ritrae subito, dando l’idea di una Robinson naufraga sulla spiaggia con un partner non voluto. È l’inizio di una sarabanda di situazioni con cui la coppia ci trasmette le emozioni vissute da chi si trova a passare dall’innamoramento all’amore vero e proprio sino alla fine di tutto il bailamme e l’inevitabile separazione.

Ci si ritrova allora con un vuoto da riempire, si riecheggia il mito di Telemaco (costretto ad aspettare per ben vent’anni il ritorno del padre Ulisse), e alla fine per salvarci sembra non esserci altro che l’immaginazione. Si sogna di ritrovare una realtà dorata, ma si finisce pure in balìa di un amore non voluto: si sa che Cupido non guarda in faccia a nessuno! La coppia di attori (che firma lo spettacolo) ironizza sui comportamenti bizzarri dei piccioncini che vogliono – e temono – di toccare l’altro, di assaggiarlo con baci travolgenti. Lui che dapprima svolazza dinnanzi alla "sua" lei ricordando le goffe mosse quasi animalesche dello spasimante (sembra di sentire la voce off dei documentari del National Geographic: "Giunta l’epoca degli amori, i maschi sogliono danzare attorno alla femmina…"). Poi cerca d’attaccar bottone col classico approccio d’antan: "Sigaretta?", offerta con tono di voce e sguardo ammiccante. Si denuncia l’amor fou che spinge ad annullare la propria personalità – votandosi totalmente all’altro sino a sfociare nel catasterismo –, fenomeno che ha nelle "Metamorfosi" di Ovidio il suo archetipo. C’è pure un accenno al tragico fenomeno del femminicidio, quando i due litigano – bardati anni 50 – e lui le spara, come faceva James Cagney nei suoi gangstermovie. Altro giro, altra corsa ed ecco Waldvogel en travesti (e bravissimo a sostenere lo scomodo tacco 12!) che parla tedesco quand’è Helga e in francese quando diventa Marion, con diretto richiamo al precedente e già citato "L’amore ist nicht…".

In una scenografia semplice quanto funzionale (un’enorme tela bianca che scende sul palco squarciando il drappo nero del fondale, pensata da Marianna Peruzzo, cui si devono anche i costumi), Anahì Traversi e Simon Waldvogel sono accompagnati da una colonna sonora techno dai toni talvolta pinkfloydiani, ma contraddistinta pure da ripetute sventagliate di mitra sparate a tutto volume: l’amore è anche una battaglia, o no?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
2 ore
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
8 ore
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
9 ore
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
11 ore
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Illustrazione
1 gior
Cesare Lombroso e la fissa per il cranio
La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
1 gior
Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre
Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
2 gior
Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online
Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
2 gior
Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)
Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
Libri
2 gior
‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali
Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
2 gior
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
© Regiopress, All rights reserved