laRegione
26.07.22 - 07:14
Aggiornamento: 15:46

Chiara Dubey: il lago, le stelle e gli alberi d’eucalipto

L’ultima tappa di ‘Constellations’ si è tenuta domenica scorsa sulle isole di Brissago. Una ‘fuga notturna’ fra musica d’autore e la bellezza del cosmo

chiara-dubey-il-lago-le-stelle-e-gli-alberi-d-eucalipto
Ti-Press
Chiara Dubey, Constellations live @ Isole di Brissago
+1

«Prima di cominciare vorrei dirvi in breve come nasce l’album ‘Constellations’, – Inizia a raccontare Chiara Dubey. Non a ‘tu per tu’ in un’intervista ma davanti al suo pubblico, poco prima che inizi il concerto –. Tutto parte da alcuni ricordi d’infanzia. Io come, credo, tantissimi altri bambini e bambine ticinesi sono cresciuta passando le estati in montagna. Con amici e parenti passavo le nottate a osservare il cielo stellato, cercando di vedere qualche cometa. Ma non solo: lì, sotto le coperte a oltre mille metri di altezza, ho anche cominciato a elaborare i miei primi pensieri più profondi. I dilemmi esistenziali e le riflessioni su me stessa come persona, ma anche come individuo. Ho deciso quindi di mettere insieme questi elementi, trasformandoli in testi e suoni racchiusi in questo cofanetto».

Non sarà l’unica volta che l’artista ticinese si rivolgerà alla gente, in un intermezzo tra un brano e l’altro. Lo fa in modo spontaneo a un evento che, fin dalle prime battute, è intimo, romantico, magico. Grazie alla notevole capacità della cantautrice e polistrumentista di accogliere lo spettatore nel suo mondo, attraverso una voce limpida quanto calda e a un sound musicale ibrido, in grado di scivolare con naturalezza tra pop e classica. Ma anche grazie alle particolari atmosfere delle Isole di Brissago che, per una notte, si sono trasformate in un palcoscenico, nonché accompagnamento, naturale. Il fruscio dell’acqua sulla spiaggia, il gracidare delle rane, lo stormire delle foglie mosse dal vento.

Suoni, ma anche dolci visioni. Come le luci della città dall’altra parte della sponda che paiono quasi costellazioni. E poi ancora le installazioni portate per l’occasione. I fari Led posti di lato e sopra il piccolo palco creano suggestivi giochi di colore con gli alberi di eucalipto, la cui particolarità sta proprio nella corteccia: quando essa ‘muta’ dà vita a uno spettacolo cromatico unico, tingendosi dei colori dell’arcobaleno.

Costellazioni di emozioni

‘Stranger’, ‘The Hunt’, ‘Choral of Thoughts’, ‘Microcosm’ ma anche la romantica – e anche unica canzone a tema ‘amore’ scritta – ‘Souls’ sono solo alcuni dei brani contenuti nell’album e interpretati da Dubey e band (a sé, le italiane ‘Bella Sera’ e ‘Anima Nuova’). Un album che, come detto, raccoglie ricordi e sensazioni dell’artista. Riflessioni mai banali accompagnate da melodie per niente scontate. C’è molto studio dietro, così come per la performance di livello. Ma il concerto spicca anche per le sue parti ‘meno seriose’ come il racconto che la stessa cantautrice fa sull’allestimento: «Sapete, dietro a questo spettacolo vi è molto lavoro organizzativo. È da molto che lo stavamo progettando. Volevo che tutto fosse perfetto. Oggi, mentre stavamo scaricando gli strumenti dal battello, mi è scivolato il cellulare dalla tasca, finendo nell’acqua. Non ci ho pensato due volte e mi sono buttata per recuperarlo. Perché lì avevo salvato tutti i numeri importanti...». E dopo un altro paio di canzoni e il bis di rito l’artista, fra gli applausi, conclude: «È stata un’esperienza fantastica. Mi ha molto emozionato esibirmi e terminare il ciclo di concerti in Ticino. Qui, su quest’Isola a pochi passi – o bracciate – da dove sono cresciuta (Dubey è originaria di Ronco s/Ascona, ndr)».

Il ritorno

È tempo di prendere il battello per tornare sulla terraferma. "Pesca forza tira pescatore… ", un uomo canticchia, poco dopo essere salpati. Certo, al Verbano manca quel sapore di salsedine che ti lascia addosso il mare, ma è bello lo stesso e in questa notte stellata pare di navigare lungo l’ignoto. La gente a bordo, neanche a dirlo, passa la maggior parte del tempo col naso all’insù, ad ammirare il cosmo. Il cielo è limpido e, se si guarda bene, si scorge pure la Via Lattea. Il Lago Maggiore segna il punto più basso del Ticino e di tutta la Svizzera. Le vette fresche dei monti sono lontane eppure, grazie al modo spontaneo e profondo di Dubey di creare un legame magico con chi l’ascolta, pare ancora di essere sdraiati con lei a osservare il cielo. E ci si sente davvero così piccoli di fronte a questo universo di stelle.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
1 ora
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L‘attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ’Lost’
Spettacoli
4 ore
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L'intervista
8 ore
Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle
Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Culture
20 ore
Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi
Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
22 ore
Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage
Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Distopie
1 gior
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
1 gior
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
1 gior
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
1 gior
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
3 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
© Regiopress, All rights reserved