laRegione
01.06.22 - 22:02
Aggiornamento: 22:22

Johnny Depp è stato diffamato dall’ex moglie

Amber Heard condannata a pagare 15 milioni di dollari, ma ne riceverà 2 per una contro-diffamazione

Ansa, a cura de laRegione
johnny-depp-e-stato-diffamato-dall-ex-moglie
Keystone

Johnny Depp ha vinto, Amber Heard lo ha diffamato: la giuria del processo di Fairfax in Virginia ha raggiunto il verdetto. Questo il verdetto della giuria dopo sei settimane di processo e 13 ore di deliberazioni in camera di consiglio.

Amber ha accolto a capo chino la lettura della sentenza. Johnny è ancora in Gran Bretagna e poco prima della lettura del giudizio a lui favorevole era stato fotografato in un pub di Newcastle. L’attore aveva fatto causa all’ex moglie chiedendo "almeno" 50 milioni di dollari di danni sulla scorta di un op-ed da lei firmato sul Washington Post nel 2018. L’articolo intitolato "Ho parlato contro la violenza sessuale e dovuto far fronte alll’ira della nostra cultura. Questo deve cambiare" non menzionava Depp per nome. Amber aveva rilanciato con una controquerela quando un avvocato di lui aveva definito le sue accuse "un imbroglio". Amber Heard dovrà pagare all’ex marito 15 milioni di dollari di danni per averlo diffamato: una cifra inferiore ai 50 milioni chiesti dall’attore ma pur sempre gigantesca e più del doppio degli alimenti ricevuti al momento del divorzio.

Il processo

Il processo ad altissimo contenuto mediatico è durato sei settimane durante le quali Depp e la Heard si sono fatti a pezzi a vicenda descrivendo, da opposti punti di vista, un matrimonio degli orrori a base di violenze reciproche sotto gli effetti della gelosia di lui, dell’alcol e della droga. Amber e Johnny, che si erano conosciuti nel 2011 sul set di "The Rum Diary", si erano sposati nel 2015, ma l’unione era naufragata quasi subito e nel 2016 lei aveva chiesto il divorzio ottenendo anche un’ingiunzione della magistratura per evitare che l’ex marito le si potesse avvicinare. Chiedendo "almeno" 50 milioni di dollari di danni, Depp ha accusato la Heard di avergli distrutto la carriera e la reputazione con un editoriale sul Washington Post uscito nel dicembre 2018 in coincidenza con il suo film "Aquaman". Nell’articolo, scritto in realtà da avvocati dell’organizzazione per i diritti civili American Civil Liberties Union, Amber si era definita "una figura pubblica che rappresenta la violenza domestica". Dopo oltre un anno di schermaglie legali, l’attrice aveva contro-querelato Johnny, affermando di esser stata diffamata a sua volta quando un avvocato di lui, Adam Waldman, aveva definito "un imbroglio" le sue accuse. Per questo Johnny Depp dovra’ risarcire Amber Heard seppure in misura minore di quanto tocchera’ a lei. I giurati hanno assegnato infatti all’attrice un compenso di 2 milioni di dollari.

Sette persone - cinque uomini e tre donne - hanno lavorato al verdetto. Per determinare chi dei due ha vinto la causa hanno dovuto esaminare una montagna di elementi valutando chi ne avesse portati di più, e con maggior peso, per dimostrare di esser stato diffamato e se c’è stata "chiara e convincente prova che è stato fatto con vera malizia".

Depp non era in aula

Johnny Depp non è stato presente alla lettura del verdetto perche’ si trova ancora in Gran Bretagna dove ha suonato con Jeff Beck alla Royal Albert Hall di Londra. "A causa di impegni di lavoro presi prima del processo, fisicamente non sara’ in aula, ma si colleghera’ per guardare l’esito della vertenza dal Regno Unito", aveva detto una fonte vicina all’attore. Johnny Depp e’ stato poi fotografato in un pub di Newcastle poco prima del verdetto. "La sua assenza dimostra quali sono le sue priorità. Johnny suona la chitarra in Gran Bretagna mentre Amber aspetta un verdetto in Virginia. Depp porta in tournée il suo cinismo e la sua mancanza di serietà", aveva detto un portavoce di Amber Heard commentando l’assenza dell’ex marito dall’aula di Fairfax in Virginia. Una piccola folla, nulla rispetto alle giornate "calde" del processo, si e’ radunata fuori dalla corte. Una donna aveva in mano un cartellone decorato con cuoricini e la scritta "Giustizia per Johnny".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Letteratura
3 ore
Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre
Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
7 ore
Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online
Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
7 ore
Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)
Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
Libri
8 ore
‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali
Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
1 gior
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
1 gior
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
1 gior
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
1 gior
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
2 gior
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
2 gior
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
© Regiopress, All rights reserved