laRegione
04.10.22 - 13:07
Aggiornamento: 05.10.22 - 12:20

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello

Ansa, a cura di Red.Web
epilessia-alla-base-forse-una-iper-comunicazione-cerebrale
Ti-Press

Una delle cause dell’epilessia del lobo temporale, la più comune forma di epilessia, potrebbe essere una eccessiva comunicazione tra diverse aree del cervello. È quanto hanno scoperto ricercatori dell’Irccs Eugenio Medea e dell’Università di Padova in uno studio pubblicato sulla rivista Cortex. "La concezione dell’epilessia è cambiata nel tempo, passando dall’essere considerata un’alterazione specifica di una porzione del cervello a un disturbo più sistemico che può coinvolgere uno o più network cerebrali", spiegano le due istituzioni in una nota. In particolare, negli ultimi anni è emerso che, affinché le reti cerebrali funzionino correttamente, è necessario che esse siano ben organizzate al loro interno, con ogni nodo della rete in grado di elaborare le informazioni che riceve, e allo stesso tempo ben differenziate dagli altri circuiti.

Secondo lo studio è emerso che proprio questi due meccanismi risultano alterati nei pazienti con epilessia del lobo temporale. "Nel cervello caratterizzato da epilessia abbiamo riscontrato uno sbilanciamento a favore di una iper-comunicazione tra diverse aree cerebrali, perfino quando il cervello non è impegnato in nessun compito", dice il primo firmatario dello studio Gian Marco Duma, ricercatore dell’Irccs Medea di Conegliano. "Uno dei risultati più importanti di questo studio è che maggiori livelli di integrazione tra i network cerebrali correlano con prestazioni peggiori del funzionamento cognitivo nei pazienti con epilessia, e in particolare nei test di memoria e attenzione – sottolinea il coordinatore dello studio Giovanni Mento, docente all’Università di Padova –. Questa è una dimostrazione che flessibilità e integrazione dei network cerebrali sono in un delicato equilibrio e una loro alterazione può impattare le nostre funzioni cognitive".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
3 ore
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
9 ore
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
10 ore
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
12 ore
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Illustrazione
1 gior
Cesare Lombroso e la fissa per il cranio
La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
1 gior
Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre
Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
2 gior
Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online
Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
2 gior
Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)
Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
Libri
2 gior
‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali
Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
2 gior
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
© Regiopress, All rights reserved