laRegione
17.09.22 - 18:09
Aggiornamento: 18.09.22 - 09:58

C’è una relazione tra menopausa e demenza

È quanto indica uno studio condotto dall’Università Monash di Melbourne, che ha evidenziato un invecchiamento più pronunciato del cervello

Ansa, a cura di Red.Web
c-e-una-relazione-tra-menopausa-e-demenza
Keystone
Ci sono delle differenze tra anziani e anziane

La menopausa accelera l’invecchiamento del cervello delle donne e le espone a maggior rischio di sviluppare demenza, secondo una nuova ricerca dell’Università Monash di Melbourne. Per lo studio, guidato dai professori Velandai Srikanth e Chris Moran e pubblicato sul sito dell’università stessa, le donne post-menopausa tendono a esibire un invecchiamento più pronunciato del cervello, rispetto a uomini sani della stessa età. Una conclusione che porta a rivalutare i comuni marker della demenza.

Usando statistiche della banca dati britannica Biobank raccolte lungo un periodo di 10 anni, gli studiosi si sono concentrati sui modelli di declino del volume cerebrale come indicatori del rischio di demenza, per meglio comprendere lo sviluppo della condizione degenerativa. I dati raccolti, che hanno ‘un elemento di sorpresa’ – scrivono i due studiosi del Centro nazionale per l’invecchiamento sano – permetteranno un approccio più mirato nel combattere e trattare la demenza, specie fra le donne. Una condizione che in Australia è la seconda causa di morte.

Mentre il rischio di condizioni cardiovascolari come attacchi cardiaci e ictus era considerato inizialmente come maggiore responsabile degli alti tassi di demenza per le donne più che per gli uomini, lo studio mette fine a tale teoria, sostengono gli autori. Mentre le donne attraversano la menopausa, passano in poco tempo da essere a un rischio minore di condizioni come attacchi di cuore e ictus, a un rischio più alto. "Abbiamo riscontrato che donne anziane in buona salute hanno volumi cerebrali minori degli uomini, anche se quegli uomini hanno fattori di rischio cardio-metabolico come diabete e ictus", scrivono. "È sempre importante ridurre il rischio di attacchi cardiaci e ictus, ma per ridurre il rischio di demenza nelle donne più tardi nella vita, dobbiamo guardare al di là di questi fattori… Questa ricerca ci aiuta a capire meglio la demenza per trovare le sue cause dirette, per comprendere a cosa puntare con interventi preventivi per ridurre rischi futuri di demenza, e in che misura tali sforzi debbano essere differenti per gli uomini e per le donne", aggiungono.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
13 ore
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
16 ore
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
22 ore
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
1 gior
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
1 gior
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Scienze
1 gior
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
2 gior
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
© Regiopress, All rights reserved