laRegione
17.07.22 - 17:59
Aggiornamento: 18.07.22 - 12:02

L’attività fisica nel weekend basta per una vita salutare

Più che il numero di sessioni settimanali, a contare è il tipo e la quantità di esercizi totali svolti. Lo indica uno studio americano

Ansa, a cura di Red.Web
l-attivita-fisica-nel-weekend-basta-per-una-vita-salutare
Ti-Press
Anche solo il weekend va e fa bene

Se non si ha tempo a sufficienza per una regolare attività fisica quotidiana, non bisogna demotivarsi. Anche lo sport del fine settimana può essere sufficiente per avere effetti positivi sulla salute.

Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine, infatti, sembrerebbe indicare che un’‘esplosione di esercizio’ durante il weekend avrebbe gli stessi benefici che una diffusa attività durante la settimana.

L’attività fisica, come noto, riduce il rischio di malattie cardiache e circolatorie come infarto e ictus. Meno chiaro è quanto e quanto spesso serva farne per averne benefici.

Per lo studio, guidato da ricercatori della Harvard T. H. Chan School of Public Health di Boston, ma che ha visto coinvolte molte altre università, sono state arruolate 350’000 persone, con età media di 41 anni, seguite per 10 anni per vedere come se la cavavano i cosiddetti ‘guerrieri del fine settimana’.

Ai partecipanti è stato indicato di fare almeno 150 minuti a settimana di esercizio di intensità moderata, come una camminata veloce, una pedalata leggera in bicicletta. Oppure almeno 75 minuti di attività vigorosa, come correre, nuotare o giocare a calcio.

Molti dei partecipanti allo studio hanno accumulato questo importo in una settimana, ma alcuni lo hanno concentrato in una o due sessioni, piuttosto che distanziarlo. Coloro che hanno raggiunto il livello di attività raccomandato, sia svolgendola durante la settimana che nel fine settimana, hanno avuto un rischio di morte inferiore rispetto a coloro che non raggiungevano l’obiettivo richiesto.

I risultati suggeriscono quindi che, a contare, sono più il tipo e la quantità totale di esercizi svolti, piuttosto che la numerosità delle sessioni. In sostanza, la cosa più importante è fare sport, a prescindere se con cadenza quotidiana o concentrata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
39 min
Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona
Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
9 ore
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
La recensione
15 ore
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Mostra
1 gior
Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno
La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
1 gior
È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’
L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
1 gior
Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro
Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
1 gior
‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’
L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Concorso
2 gior
La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante
Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
2 gior
In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8
Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Fuori concorso
2 gior
‘Tori et Lokita’, e i Dardenne d’Onore
Premiata con il Castello d’Onore la coppia di registi, e una storia senza sconti di minori migranti non accompagnati che ha ferito Cannes
© Regiopress, All rights reserved