laRegione
17.01.22 - 13:59

In 500 anni si è estinto il 10% delle specie conosciute

Lo dice uno studio coordinato tra università delle Hawaii e Museo di storia naturale di Parigi pubblicato su Biological Reviews

Ats, a cura de laRegione
in-500-anni-si-e-estinto-il-10-delle-specie-conosciute
‘Stiamo davvero assistendo all’inizio della sesta estinzione di massa nella storia della Terra’

La sesta estinzione di massa è in atto: negli ultimi 500 anni si sono estinte circa il 10% delle specie note. Questa la stima di uno studio coordinato dall’università delle Hawaii e il Museo di storia naturale di Parigi e pubblicato su Biological Reviews. Lo studio in questione ha analizzato in particolare la perdita di biodiversità dei molluschi.

“Il drastico aumento dei tassi di estinzione delle specie e il calo dell’abbondanza di molte popolazioni animali e vegetali sono ben documentati – ha spiegato Robert Cowie, primo autore dello studio – tuttavia alcuni negano che questi fenomeni equivalgano a un’estinzione di massa”. A dare supporto a queste tesi, spiegano i ricercatori, è una visione parziale del problema che tende a osservare solo quel che sta avvenendo tra specie più facilmente ‘visibili’ come i mammiferi e gli uccelli che però costituiscono solo una parte ristretta della biodiversità mondiale.

Ma secondo i ricercatori focalizzandosi invece nel mondo degli invertebrati il quadro che ne emerge è invece particolarmente drammatico: a partire dal 1500 si stima che delle quasi 2 milioni di specie viventi conosciute siano scomparse tra le 150mila e le 260mila (tra il 7,5 e il 13% del totale). “L’inclusione degli invertebrati è la chiave che conferma che stiamo davvero assistendo all’inizio della sesta estinzione di massa nella storia della Terra”, ha detto Cowie. Ovviamente il tasso di estinzione non è lo stesso nei vari ecosistemi e nei vari gruppi di viventi, ad esempio nei mari la scomparsa di specie sembra essere molto più ridotta che sulla terra. Purtroppo, sul tema esistono molti ‘negazionisti’ – aggiungono i ricercatori – oppure tesi che sostengono che il cambiamento in atto vada interpretato come una sorta di ‘correzione’ degli ecosistemi ad opera dell’uomo. “Negare la crisi, accettarla senza reagire, o addirittura incoraggiarla – conclude Cowie – costituisce un’abrogazione della responsabilità comune dell’umanità e apre la strada nel continuare in questa triste traiettoria verso una sesta estinzione di massa”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Arte
3 ore
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
7 ore
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
8 ore
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
8 ore
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Scienze
12 ore
Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale
Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
L’intervista
17 ore
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
1 gior
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
© Regiopress, All rights reserved