laRegione
28.04.21 - 13:34
Aggiornamento: 16:40

Svegliare i 'fantasmi' per predire peggioramenti del Parkinson

Un test cerebrale per valutare lo stato di salute mentale dei pazienti affetti dal morbo è stato sviluppato dai ricercatori del Politecnico federale di Losanna

Ats, a cura de laRegione
svegliare-i-fantasmi-per-predire-peggioramenti-del-parkinson
Anticipare le allucinazioni

I ricercatori del Politecnico federale di Losanna (Epfl) hanno sviluppato un test cerebrale per valutare lo stato di salute mentale dei pazienti affetti dal morbo Parkinson. Il metodo consiste nel risvegliare ‘fantasmi’ nascosti in alcune aree del cervello al fine di prevedere la comparsa di allucinazioni tipiche della malattia, sintomo precursore di disturbi mentali e cognitivi più gravi. Il morbo di Parkinson, il secondo disturbo neurodegenerativo più diffuso nel mondo dopo l'Alzheimer, è noto per rallentare i movimenti e indurre rigidità muscolare e tremori incontrollabili degli arti. Ma oltre a queste alterazioni motorie, circa la metà dei malati sperimenta allucinazioni. Queste possono manifestarsi come la sensazione di presenza di persone o animali oppure come allucinazioni della visione nella coda dell'occhio. Sono state riscontrate anche percezioni errate di oggetti e persino allucinazioni visive complete e colorate.

“Con le allucinazioni, una grande difficoltà sta nel fatto che non si può prevedere il loro verificarsi e che molti pazienti non le segnalano apertamente, forse per paura”, spiega Fosco Bernasconi, co-autore della ricerca pubblicata su Science Translational Medicine. Tutto ciò rende molto complicato per i medici quantificare la loro comparsa, la fenomenologia e l'intensità. Sempre più dati clinici suggeriscono che le allucinazioni possono essere precursori di disturbi mentali e cognitivi più gravi; ma esse rimangono sotto-diagnosticate. “Questo è il motivo per cui abbiamo progettato un dispositivo medico robotico e una procedura che può indurre in modo sicuro un'allucinazione specifica nell'ambiente controllato di un ospedale”, aggiunge Fosco Bernasconi, citato in un comunicato odierno.

"Stiamo sviluppando qualcosa di simile all'elettrocardiogramma da sforzo, ma per esaminare il cervello invece del cuore", spiega Olaf Blanke, neuroscienziato dell'Epfl. Il ‘Robot ghost test’ è stato provato su 26 pazienti. È fra l'altro risultato che quelli con preesistenti allucinazioni di presenza sono più sensibili alla stimolazione robotica rispetto a quelli che non hanno mai sperimentato questi miraggi. In una seconda parte dello studio, gli scienziati sono stati in grado d'identificare le reti dei neuroni coinvolte. Su questa base, in collaborazione con l'équipe di Jaime Kulisevsky dell'ospedale Sant Pau (Barcellona), si è riusciti a prevedere con precisione la gravità dei sintomi in base alle scansioni cerebrali.

“Questa procedura, compreso il dispositivo robotico adattato allo scanner, potrebbe potenzialmente servire come un biomarcatore per le forme più gravi della malattia, associate ad allucinazioni e deficit cognitivi”, sottolinea Eva Blondiaux, co-prima autrice dello studio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
1 ora
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
3 ore
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
7 ore
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Spettacoli
14 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
22 ore
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
2 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
3 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
© Regiopress, All rights reserved