laRegione
il-morbillo-minaccia-le-balene-e-si-teme-il-salto-di-specie
Perché non siano solo una foto...
Italia
28.07.20 - 15:150
Aggiornamento : 15:58

Il morbillo minaccia le balene, e si teme il salto di specie

Cinque dei sei capodogli spiaggiati in Italia nel 2019 era ammalato. Si pensa che l'infezione possa passare anche a lontre e foche

L'uomo e il morbillo sono le principali minacce per la vita dei cetacei, e in particolare del capodoglio, già considerato a rischio estinzione. Lo afferma Greenpeace in un rapporto sulle principali cause di spiaggiamento lungo le coste italiane commissionato ai veterinari del dipartimento di biomedicina comparata e alimentazione dell'università di Padova. Rapporto rilasciato oggi in occasione della Giornata mondiale per la conservazione della natura.

Virus che potrebbe far ammalare anche lontre e foche

Il virus in particolare "preoccupa i veterinari", soprattutto perché "associato ad altri stress ambientali". Ma non solo. Un po' come successo per Sars e Covid-19 da pipistrello a uomo, questo morbillo potrebbe effettuare un salto di specie e infettare anche animali geneticamente "lontani come lontre di fiume e foche".

Dopo gravi epidemie di stenelle tra il 1990 e il 2008, il morbillo dei cetacei sembra adesso riemergere tra diverse specie di cetacei. Cinque dei sei capodogli analizzati spiaggiati nell'estate 2019 sono risultati positivi al virus.

"Non possiamo permettere che attività illegali e il degrado ambientale causato dall'uomo, a partire dall'inquinamento da plastica - osserva Giorgia Monti, campagna Mare di Greenpeace - facciano scomparire questi animali dai nostri mari. La vulnerabilità dei cetacei a un virus dipende anche dallo stress causato da un ambiente malato, l'uomo è quindi complice di questa epidemia".

L'uomo

"Un quarto dei cetacei analizzati spiaggiati negli ultimi anni - scrive ancora Greenpeace – è morto per cause imputabili all’uomo, in particolare interazioni con attività di pesca. Preoccupa l’intrappolamento nelle reti, che sempre più spesso si trovano abbandonate in mare e che vanno ad acuire la contaminazione da plastica, ma anche l’uso di reti illegali, come le spadare, che nei giorni scorsi hanno intrappolato ben due capodogli al largo delle Eolie". E ancora la plastica: "L’84 per cento dei capodogli spiaggiati tra il 2008 e il 2019, su cui si sono condotte delle analisi, aveva nel proprio stomaco frammenti di plastica, con il ritrovamento straordinario di ben 22 chili di plastica nella femmina spiaggiata a Olbia a inizio 2019. La causa? Sono i grandi teli usati per l’agricoltura, le buste, i filamenti derivati dalla frammentazione della plastica, che si accumulano nei loro stomaci. Anche se non uccidono i cetacei li debilitano, alterando la loro funzionalità intestinale, facendoli faticare per nutrirsi e favorendo l’emergere di altre problematiche".

TOP NEWS Culture
Spettacoli
7 ore
'Maestra e donna franca'
Un ritratto di Franca Valeri, spentasi oggi all'età di cent'anni. E il ricordo di Ippolita Baldini, che è anche un po' figlia sua.
Spettacoli
10 ore
Buon viaggio a due Grandi della scena
Renato Reichlin, ex direttore del Teatro Sociale di Bellinzona, ricorda Franca Valeri e Gianrico Tedeschi
Spettacoli
17 ore
È morta Franca Valeri, sora Cecioni e signorina snob
Aveva da poco compiuto cent'anni. È celebre per le sue caricature intelligenti e critiche, e fu tra le prime donne della commedia italiana
Culture
1 gior
Brevi cronache notturne, tra territori e poesia
Microcosmi: sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone, tra passato, presente e futuro
Spettacoli
1 gior
Da Brahms a Morricone, le musiche del sestetto Linz
Intervista a Nikolay Shugaev, violoncellista e fondatore dell’ensemble in concerto sabato a Gentilino
Locarno 2020
1 gior
Donne, voi siete il cinema
'Made in Bangladesh' della regista Rubaiyat Hossain, prodotto grazie agli Open Doors. E poi 'Aparisyon' di Isabel Sandoval. Peccato che online non fiocchino gli applausi.
Locarno 2020
1 gior
La malinconia della vita cavalca i pardi
Ci si alza con un ghiacciaio che frana nelle Alpi, con una pandemia senza spiragli, con la Beirut distrutta: cosa deve fare allora chi scrive con il cinema? 
Società
1 gior
Raccontò gli abusi su Netflix: Daisy Coleman si è uccisa
Nel 2016, in ‘Audrie & Daisy’, il destino oggi perfettamente identico di due vittime di stupro: “Mi credevo invincibile. Era un pensiero stupido”.
Classica
1 gior
Settimane Musicali, la tre giorni di 'Piemontesi & Friends'
Versione Covid-compatibile ricca di stelle, dal 18 al 20 settembre nella chiesa del Papio di Ascona
Spettacoli
1 gior
Una storia d’amore di fine regime ai Secret Screening
La seconda proiezione segreta della direttrice artistica è una prima mondiale: ‘Walden’ di Bojena Horackova
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile