laRegione
08.08.22 - 15:11

Thomasina e Martha ascoltano il futuro con ‘Lola’

Nel film di Andrew Legge, con tutti i rischi del caso, due sorelle inventano un dispositivo in grado d’intercettare onde radio dal futuro

di Sebastiano Caroni
thomasina-e-martha-ascoltano-il-futuro-con-lola
Emma Appleton e Stefanie Martini

Inghilterra, 1941: le sorelle Thomasina e Martha inventano un dispositivo, che chiamano Lola, in grado di intercettare onde radio dal futuro. Scoprono anzitempo le tendenze musicali degli anni a venire e intuiscono lo spirito ribelle del rock del futuro, ma non solo. La loro scoperta viene integrata, quale arma di spionaggio, nelle manovre strategiche del governo britannico, che sfrutta il vantaggio tecnologico per anticipare le manovre dei nazisti. Ma cosa succede quando qualcuno interviene in modo premeditato sul corso della storia? Come la buona fantascienza insegna, quando il futuro viene manipolato, le cose cominciano a complicarsi, e non poco…

Girato in bianco e nero, Lola è un film fantascientifico-sperimentatale, non privo di una certa eleganza, che ben presto prende la piega di una vera e propria ucronia. Ma è un’ucronia ambiguamente legata ai doppi giochi della finzione, fatta di intrecci di luce e ombra tipici del cinema: una mise en abyme che mette letteralmente in scena il potenziale creativo del cinema, e la capacità del montaggio di fare e disfare la realtà attraverso le immagini e le parole. Notevole il lavoro sul suono e sulla musica, elemento che contribuisce all’interesse di un film complesso ma per nulla pesante. Anzi, piuttosto gradevole, spesso riflessivo e poetico, sapientemente ritmato; a tratti anche divertente.

Lola (Andrew Legge, Irlanda, Gran Bretagna,2022), fuori concorso.

Ultima proiezione questa sera alle 21.30 al Cinema Rialto 1

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
5 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
13 ore
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
17 ore
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
1 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
2 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
3 gior
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
3 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
3 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
© Regiopress, All rights reserved