laRegione
cinematheque-suisse-lo-sguardo-etnologico-a-locarno
Da ‘Written Face’, 1995
laR
 
05.08.22 - 09:49
Aggiornamento: 14:52
di Mattia Lento

Cinémathèque suisse, lo sguardo etnologico a Locarno

‘Les derniers passementiers’ e ‘Written Face’: presentati al Festival due nuovi restauri di due grandi autori svizzeri

La Cinémathèque suisse presenta al festival due nuovi restauri di due grandi autori svizzeri. Quando nel 1974 Les derniers passementiers / Die letzten Heimposamenter [Gli ultimi passamantieri] ha iniziato a circolare, poche persone potevano immaginare che in Svizzera esistessero ancora le strutture sociali ed economiche descritte da questo documentario. L’opera diretta da Yves Yersin, coadiuvato dal collega Eduard Winiger, fu commissionata al regista dalla Società Svizzera per le Tradizioni Popolari e ritrae gli ultimi lavoratori e le ultime lavoratrici della passamaneria attivi in ambito domestico.

Un settore fondamentale

Questo tipo d’industria era sorta in Svizzera a partire dal XVI secolo, in particolare nella zona di Basilea, e aveva vissuto il suo apogeo nel XVIII. L’industria della passamaneria (dal francese passement, ovvero pizzo o merletto), molto florida in passato, produceva bordure che servivano per decorare o rifinire abiti civili e militari od oggetti d’arredamento di vario genere. I fabbricanti basilesi di passamanerie producevano soprattutto nastri decorativi per l’industria tessile, per i cappellifici e per le confezioni dell’industria alimentare. Secondo quanto affermato da uno dei protagonisti a inizio del documentario, è stata proprio la presenza dell’industria della passamaneria, bisognosa di tinture e sostanze coloranti, a fare di Basilea una città ai vertici dell’industria chimica mondiale.

Le fabbriche si trovavano soprattutto a Basilea città, mentre buona parte del lavoro veniva svolto nelle case contadine di Basilea campagna. Yersin entra con la macchina da presa nelle case di lavoratori e lavoratrici, ormai anziani, di Basilea campagna e ci mostra con delicatezza la loro quotidianità fatta di gesti lenti, sapienti e meticolosi a ridosso delle macchine installate nella parte più luminosa della casa. Sono persone orgogliose del proprio mestiere, consapevoli di essere gli ultimi rappresentanti di una professione che si avviava ormai al suo definitivo declino. Quello che stupisce sono le caratteristiche del lavoro domestico: le donne e gli uomini davanti alla macchina da presa lavorano per lunghe ore sul loro macchinario, di proprietà esclusiva del datore di lavoro e, inoltre, si occupano spesso anche dei campi, degli animali o, quantomeno nel caso delle donne, dei lavori domestici e di cura dei figli. Ci troviamo confrontati con una dimensione industriale che conserva ancora degli elementi fortemente artigianali e premoderni. Le stesse case dei passamantieri sono prive degli elettrodomestici e delle comodità tipiche di una casa svizzera degli anni Settanta.

Yersin, che aveva già diretto oltre una dozzina di documentari sui mestieri in via di sparizione, riesce a mettere a proprio agio i protagonisti del documentario, lasciando loro la libertà di esprimersi in dialetto ed evitando di effettuare interviste classiche e frontali. L’autore romando non ha nascosto nemmeno gli aspetti più sgradevoli della condizione economica e sociale di questi lavoratori, pagati poco e sottoposti al ricatto della perdita del lavoro, ma nello stesso tempo ha dato voce anche agli stessi industriali, quasi tutti appartenenti a famiglie impegnate nel settore da generazioni.

Il gioco dell’identità

Il secondo film della Cinémathèque in programma nella sezione Histoire(s) du cinéma s’intitola ‘Written Face’ (1995). In questo documentario Daniel Schmid, grande nome della cinematografia elvetica di lingua tedesca, si reca in Giappone per conoscere da vicino la star del teatro kabuki Bandō Tamasaburō, interprete di ruoli femminili in costume tradizionale giapponese. Schmid non rinuncia all’intervista tradizionale, ma lascia enorme spazio alle performance del suo protagonista che spazia dal teatro kabuki ad altri generi più moderni della cultura scenica giapponese. Written Face è metà documentario e metà riflessione dell’autore sull’identità di genere, sul rapporto tra finzione e realtà. La recitazione di Bandō Tamasaburō è giocata attraverso il linguaggio del corpo, la gestualità stilizzata, l’utilizzo di costumi sgargianti e di un trucco pesante. Il tutto accompagnato dalla musica tradizionale giapponese suonata in scena da un ensemble di musicisti. Queste performance, con la prevalenza del visivo sul verbale, si sposano perfettamente con il medium cinematografico e ci riportano allo splendore di certo muto giapponese d’inizio Novecento.

Schmid gioca molto sull’identità scenica ed extrascenica di Tamasaburō che, secondo Haruko Sugimura, star del cinema giapponese intervistata da Schmid nel film insieme ad altre personalità artistiche del Sol levante, è capace di rendere i personaggi femminili meglio delle sue colleghe donne. Tamasaburō stesso non vuole rappresentare figure femminili, ma interpretare la sostanza di una donna. Lo ripete più volte durante il film. Si tratta di una concezione essenzialistica difficile da capire per noi occidentali, ma il risultato restituito dallo schermo è fortemente affascinante e squisitamente cinematografico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinémathèque suisse les derniers passamentiers locarno 75 restauri written face
TOP NEWS Culture
Locarno 75
5 ore
‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta
Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
7 ore
A proposito di Robert Walser
Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
10 ore
Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’
Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Musica
17 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
17 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
21 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
1 gior
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
1 gior
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
1 gior
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
1 gior
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
© Regiopress, All rights reserved