laRegione
carla-bruni-piano-piano-sottovoce-come-piace-a-marzullo
Rien de rien (Keystone)
Figli delle stelle
24.10.20 - 11:000

'Carla Bruni': piano piano, sottovoce (come piace a Marzullo)

★★✩✩✩ - Ben suonato e impeccabilmente prodotto, un sospiro dopo l'altro dell'ex Première Dame e si arriva (finalmente) alla fine

“Meno male che c’è Carla Bruni”, gridava Simone Cristicchi, anche in versione con Frankie Hi-NRG, nel suo periodo incazzoso durante il quale voleva cantare come Biagio Antonacci. È tornata l’ex modella ed ex Première dame de France con i suoi valzerini e i suoi swinghini che tanto c’intrattengono sin dai tempi del 4-accordi-4 ‘Quelq’un m’a dit’, spacciato per canzone d’autore e sdoganato dal Sanremo 2003 di Fabio Fazio, tornato (quest’ultimo) a ospitarla in un suo programma per lanciare ‘Carla Bruni’, nuovo album eponimo anche in versione Deluxe (nella diretta dalla stanzetta della musica della oggi cantante è apparso anche l’ex presidente. Perché “siamo fatti così, Sarkonò Sarkosì”).

Già supermodella, già attrice – il fan di Woody Allen riesce a dimenticarsi la sua apparizione in ‘Midnight in Paris’, visto due volte – Carla Bruni torna per “esprimere se stessa in totale serenità attraverso la musica e le parole delle sue canzoni”, in un album “tra amore e malinconia” che include anche una dedica al marito (‘Le garçon triste’). Primo lavoro d'inediti dopo 7 anni, ‘Carla Bruni’ è ‘il solito, grazie’: voce attaccata al microfono e un sospiro dietro l’altro. E sospiro dopo sospiro ci vogliono grandi motivazioni per andare oltre la graziosa ‘Quelque chose’ e trascinarsi zuccherosamente – una volta transitati per lo swinghino ‘Le petit guépard’, accompagnato da una finta live session tutta faccine e mossette – fino a ‘Voglio l’amore’, imbarazzante duetto rap con la sorella Valeria Bruni Tedeschi.

'HYour lady'

A questo nuovo album che ben s’addice al soprannome dato alla sua interprete da Kate Moss in epoca di fashion (‘Boring Carla’), si ha la sensazione di riuscire ad arrivare fino in fondo solo perché l’album, registrato negli Studi Ferber di Parigi, è prodotto impeccabilmente – e impeccabilmente è anche arrangiato – da Albin de la Simone (già con la meglio eterea Pomme e con Vanessa Paradis), acustico sino all’osso e divinamente suonato (le stelle sono tutte per lui). Ma per giungere al termine del viaggio si deve sopravvivere a ‘Your lady’, anzi, ‘Hyour lady’, episodio in lingua inglese nel quale la cantautrice, a scanso di equivoci – o per abuso di sospiri – infila la ‘h’ dappertutto (‘So hI’ll never be hyour lady, so hI’ll never be hyour girl’). Arrivati, infine, a ‘La mort des amants’, e cioè a Charles Baudelaire messo in musica, le soluzioni sono due: recuperare la versione di Léo Ferré oppure ascoltare Auroro Borealo (vedi in basso a sinistra).

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Culture
Castellinaria
31 min
Luce, Domenica e le piccole cose di un 'Palazzo di giustizia'
È l'opera prima di Chiara Bellosi, già affermata documentarista, in concorso nella sezione 'Young'. Con due esordienti che strappano applausi.
Castellinaria
23 ore
A Castellinaria una Antigone contro le violenze della polizia
La regista canadese Sophie Deraspe porta ai nostri giorni la tragedia di Sofocle. Ma il dilemma resta: obbedire alla legge degli uomini o a quella del cuore?
Culture
1 gior
Come si dice lìdatè? Il Cantone indaga le varietà dell’italiano
L’indagine sociolinguistica si aggiorna con un sondaggio online. Ne parliamo con Laura Baranzini dell’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana
Culture
2 gior
Le libertà di Emilio Bossi a cent’anni dalla sua morte
Laicità, attenzione alle minoranze: il liberalismo di Milesbo al centro del libro di Edy Bernasconi sul politico e giornalista ticinese
Figli delle stelle
2 gior
'Power Up': AC/DC, dinamica dell'immutabile
AC/DC, 'Power Up' - ★★★★✩ - Non è molto diverso dagli altri. Non chiedevamo di meglio.
Società
3 gior
I tanti generi della discriminazione
Intervista al filosofo Lorenzo Gasparrini, sabato ospite di un incontro virtuale organizzato da Comundo e nateil14giugno
Culture
3 gior
‘Salviamo il giornalismo, non ci sono click che tengano’
Troppo odio nei post: il Giornale di Brescia in lockdown da Facebook. ‘Per il rispetto dei lettori e del nostro mestiere’. La direttrice, Nunzia Vallini
Castellinaria
4 gior
'Semina il vento': Nica come Greta, tra gli ulivi e l'Ilva
Atto secondo del tarantino Danilo Caputo, nella sezione 'Young'. Una storia 'local', mai tanto attuale e universale.
Castellinaria
4 gior
‘Balloon’, il Tibet cinese per un giorno a Castellinaria
Fuori concorso il film del regista sino-tibetano Pema Tseden, disponibile solo oggi in streaming
Spettacoli
4 gior
C'è un musical sul Viagra: lo dirige Spike Lee
L'opera è ispirata agli eventi realmente accaduti intorno alla scoperta di un farmaco che inizialmente era stato pensato come rimedio per l'angina pectoris.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile