laRegione
laR
 
10.08.22 - 08:52

A proposito di Robert Walser

Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai

di Marco Stracquadaini
a-proposito-di-robert-walser
Wikipedia
Robert Walser, 1878-1956

"La segretaria a cui dettavo i miei poemi si è sposata e ha due figli, quando la incontro mi saluta, ecco che cos’è rimasto dell’amore. La mia macchina da scrivere l’ho prestata a un amico, addio addio. Che simpatico ragazzo (…) da cinque anni è lontano, avremo mai più sue notizie? La mia stilografica si è rotta. L’ho lasciata cadere per sbaglio, il pennino d’oro si è fessurato. A uno di quei banchetti specializzati che posteggiano sulle piazze mi hanno detto che non c’è niente da fare…". Così girovagava Dino Buzzati di strumento in strumento di scrittura, con la sintassi svagata di uno che potrebbe scrivere in trenta stili diversi le stesse righe ma questo è l’unico che gli importa. Vedremo come continua il resoconto ma ora passiamo a Robert Walser. Il quale, o fu sempre matto o non lo fu mai. Si dice che passò gli ultimi 28 anni della sua vita in cliniche psichiatriche, a Waldau prima, poi a Herisau, ed è vero ma l’affermazione richiede alcune correzioni: fu per sua scelta, sembra, e non volle più lasciarla ancora per sua scelta. Poteva uscirne liberamente e aggirarsi nei dintorni, andare nei paesi vicini dal gran camminatore che era. Gli fu fatta un’unica diagnosi, all’ingresso, poi più niente. Ma tanto non voleva uscire.

Detto questo, Walser nella sua clinica non smise di scrivere ma elesse la matita a unico strumento di scrittura. Quanto scrisse dal 1924 al ’32 entra in tre volumi per un totale di un migliaio di pagine, fu scritto su fogli sciolti, pagine di calendario, fatture, biglietti da visita, inviti… 526 fogli ricoperti di una grafia alta due o tre millimmetri in principio, poi sempre più piccola fino al millimetro. Da qui il nome di ‘microgrammi’.

Scrive Walser in una lettera: "Per l’autore di queste righe ci fu un momento in cui si sentì colto da una spaventosa avversione per la penna, un momento in cui ne fu nauseato in modo indescrivibile, in cui appena cominciava ad usarla diventava stupido di colpo: per liberarsi di quel tedio della penna iniziò a schizzare, sbozzare, scarabocchiare".

La conversione dalla penna alla matita, anche se non così definitiva, avviene prima dell’ingresso in clinica. Da quel momento cominciò a scrivere ‘con’ la matita nel senso di ‘insieme’ alla matita. Sotto la sua dettatura, dice altrove, reimparo a scrivere come un bambino.

La vita di Robert Walser è disseminata di segnali della volontà di non lasciar traccia. Vera propensione a sparire. Cercava di proposito lavori servili. Mestieri in cui dovevi eseguire, obbedire a qualcosa che fosse di esecuzione non troppo impegnativa, e in cui l’iniziativa nasceva fuori di te. Uno ti chiede una cosa e tu la fai. Impiegato, copista. Non soltanto quello dei microgrammi, il suo stile è stato sempre di una leggerezza, mutevolezza, vaporosità che difficilmente può tollerare in quelle dosi, senza vacillare, una mente sana. La mente di Walser poteva entrare e uscire da tanta incorporeità restando al di qua della follia. Sebbene non di molto. Righe tanto ondulanti e tanto aeree venivano vergate senza un ripensamento. Quattro romanzi e una quantità di raccolte di racconti, ritratti, articoli, brevi ‘saggi’, scritti quasi senza una correzione come poi i microgrammi di Herisau. L’uso della matita non era dunque per poter, nel caso, cancellare, eppure sapeva che volendo avrebbe potuto far sparire pure quei tratti abbozzati. Il segno della matita resta, ma lascia una traccia meno visibile. Il desiderio di sparire, mettersi in un angolo a guardare. La gioia dell’esserci sparendo. E il giorno che sparì per davvero fu in una delle sue passeggiate, camminando nella neve. Lo scrittore da tanti anni solo a matita traccia un cammino nella neve, un passo dopo l’altro, non deviando per non affondare, ma sempre guardando fuori e dentro di sé. Procede secondo quella linea e quella via segnata, nella libertà del paesaggio intorno, bianco di neve, e nella libertà di dentro.

Dino Buzzati, nel raccontino che avevamo cominciato, è alquanto walseriano nel procedere disarticolato, fluido e singhiozzante insieme: "E la antica mia penna che adoperavo da bambino – ci deve essere ancora – chi è più capace di trovarla? Avevo anche, per scuola, un piccolo calamaio tascabile, vi ricordate? Ma miliardi di uomini nel frattempo sono morti e nati, e con essi deve essere stato sepolto. Perciò scrivo con la matita. Un mozzicone, veramente, trovato in una vecchia scatola, per caso. Gli ho fatto la punta, amici miei, e sulla poca carta bianca che rimane stasera io scrivo".


Keystone
A Zurigo

TOP NEWS Culture
Spettacoli
22 min
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
11 ore
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
15 ore
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
16 ore
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
17 ore
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Scienze
20 ore
Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale
Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
L’intervista
1 gior
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
© Regiopress, All rights reserved