laRegione
harry-potter-i-venticinque-anni-di-un-maghetto-bestseller
Da sinistra, Emma Watson (Hermione Granger), Daniel Radcliffe (Harry Potter) e Rupert Grint (Ron Weasley)
Letteratura
laR
 
25.06.22 - 05:30
di Vivian Piaggi

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero

Sabato 25 giugno, 25 come gli anni passati dalla pubblicazione del primo capitolo della saga che ha fatto perdere la testa a bambini, ragazzi e adulti: ‘Harry Potter e la pietra filosofale’ celebra le sue nozze d’argento insieme a tutti i potterhead più accaniti. In occasione di questo glorioso compleanno vale la pena ripercorrere la storia di una delle cronache più amate e venerate di sempre.

La sua creatrice Joanne Rowling, in arte J. K. Rowling, è la terza autrice al mondo per numero di copie vendute, e una delle donne più ricche della Gran Bretagna. Dato incredibile, considerando il suo passato di disoccupazione, sussidi statali, enorme difficoltà economica, il divorzio difficile con un ex marito presumibilmente violento, la depressione che dovette affrontare con una bambina piccola da mantenere. Ma è proprio in questo periodo buio che l’autrice comincia a scrivere del fantastico mondo di Harry Potter, il coraggioso maghetto protagonista, dando vita a quella che diventerà una benevola ‘ossessione’.


Keystone

Uno tira l’altro

Nonostante la fervida fantasia, Rowling fece non poca fatica nel trovare, in primo luogo, un editore che la volesse rappresentare, e poi una casa editrice. Dopo numerosi tentativi di ricerca di agenti letterari e ben dodici rifiuti da parte delle case editrici, la Bloomsbury. Il primo di una lunga lista di libri sulla vita di Harry Potter e la sua immortale cicatrice venne pubblicato il 25 giugno 1997. Il clamoroso successo del libro aiutò l’uscita dei successivi sei. Il secondo, ‘Harry Potter e la camera dei segreti’ (1998), riscosse un successo universale. Il terzo, dal titolo ‘Harry Potter e il prigioniero di Azkaban’ (1999), fece vincere all’autrice lo Smarties Prize per tre volte di fila. Nel 2000, ‘Harry Potter e il calice di fuoco’, che superò i record di vendita nel Regno Unito e negli Stati Uniti, facendo di Rowling ‘autrice dell’anno’ al British Book Awards. ‘Harry Potter e l’ordine della fenice’ (2003), vendette 5 milioni di copie in 24 ore, e ‘Harry Potter e il principe mezzosangue’ (2005) ne vendette 9 milioni in 24 ore. Il settimo e ultimo libro, infine, ‘Harry Potter e i doni della morte’ (2007), uscì vendendo 20 copie al secondo in Gran Bretagna e 72 milioni di copie in tutto il mondo solo nel primo fine settimana, diventando il libro più venduto di sempre.

Al cinema

Da questa fruttuosa saga, a partire dal 2001 grazie alla Warner Bros, furono tratti otto film, l’ultimo dei quali prodotto dieci anni dopo. Le pellicole vennero affidate ad Alfonso Cuarón, David Yates, Mike Newell e Chris Columbos. A interpretare i personaggi principali furono i giovanissimi Daniel Radcliffe (Harry Potter), Emma Watson, nei panni dell’intelligentissima Hermione Granger, Rupert Grint, nel ruolo di Ron Weasley, il migliore amico di Harry Potter, e Tom Felton, lo spocchioso Draco Malfoy. Tra i grandi attori sul set, Helena Bonham Carter (Bellatrix Lestrang), Ralph Fiennes (Lord Voldemort), Robert Pattinson (Cedrig Diggory) e Alan Rickman, il professore più amato e odiato di tutti: Severus Piton.

Oggi, molti di questi attori si sono smarcati fortemente dai personaggi cui hanno dato vita per ben 10 anni: Daniel Radcliffe ha recitato in ‘Giovani ribelli’, ‘The Woman in Black’, e ‘The Lost City’, con Sandra Bullock; Emma Watson, un Bafta quest’anno, è un’attivista per la parità di genere e per la tutela delle donne, e ha recitato in ‘La bella e la bestia’ e ‘Piccole donne’; Rupert Grint ha partecipato al videoclip di Ed Sheeran ‘Lego House’ ed è stato Daniel Glass in ‘Sick Notes’; Tom Felton rimane uno degli attori più legati al suo ruolo, ma ha recitato in numerosi film come ‘La Ragazza del Dipinto’ e ‘Feed’.

La Reunion

L’anno scorso, per il 20esimo dall’uscita del primo film, è stato organizzato lo speciale televisivo ‘Harry Potter 20° anniversario - Ritorno ad Hogwarts’. Lo speciale è una retrospettiva sul cast originale e i registi della saga. Non tutti hanno preso parte al progetto, anche a causa della pandemia: uno dei grandi assenti, per motivi di lavoro, è stato Rupert Grint, che ha girato le sue scene da Toronto ed è poi stato inserito digitalmente con Emma Watson e Daniel Radcliffe. Altra mancanza è stata quella di J. K. Rowling, la cui unica presenza nel film si limita a video d’archivio e vecchie interviste. L’assenza potrebbe spiegarsi con lo scandalo mediatico del 2020 che le attribuì dichiarazioni transfobiche. La maggior parte del cast di ‘Harry Potter’ si è pubblicamente dissociato dalle opinioni dell’autrice.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
harry potter j.k. rowling maghetto saga
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
5 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
12 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
17 ore
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
19 ore
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
20 ore
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior
‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita
I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Estate giallo-nera
1 gior
‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca
‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior
Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina
Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
© Regiopress, All rights reserved