laRegione
attraente-e-inquietante-la-milano-di-giorgio-scerbanenco
Giorgio Scerbanenco, 1911-1969
Estate giallo-nera
laR
 
25.06.22 - 20:00
di Marco Stracquadaini

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra

"Ca’ Tarino fa parte di Romano Banco, che è una frazione di Buccinasco, che è un comune vicino a Corsico, che è vicino a Milano, praticamente è sempre Milano". Giorgio Scerbanenco divenne famoso per la ‘sua’ Milano, e una certa Milano si fece famosa, attraente o inquietante grazie ai romanzi di Scerbanenco. ‘Sua’ tra virgolette perché era di padre ucraino e madre romana, e visse fino a sedici anni a Roma.

Sei fai conto di non aver letto un solo giallo in vita tua, ne leggi uno di Scerbanenco e noti per prima cosa lo squallore. Ambiente, voci, parole non finte, o meglio non false rispetto all’argomento. Tutto è finzione quando diventa scrittura, ma c’è la falsa e la vera. La reale conquista, per la letteratura italiana degli anni Sessanta, è il territorio dello squallido urbano che mancava ancora ovunque e perfino nei gialli, che si muovono in sordidi ambienti. Tale virata si deve a lui. Duca Lamberti, protagonista degli ultimi quattro romanzi, nasce singolare non solo nel nome. Ex medico radiato dall’ordine per eutanasia, indolente e solerte, dubbioso e risoluto, in Traditori di tutti si ritrova una valigetta con dentro un mitra, e due morti, poi un altro, poi un altro tutti finiti nel Naviglio. Poi un altro ancora… La valigetta gliela lascia una donna, tornerà qualcuno a prenderla, lui nel frattempo, visto che è un medico, dovrà ‘ripristinare’ la verginità di lei che sta per sposarsi. Traffico d’armi e prostituzione, forse terrorismo, droga. Una catena di misfatti, malfattori e malfattrici che Duca Lamberti andrà tirando verso di sé, con l’esca della valigetta, stimolando da ognuno il tradimento di tutti.

Scerbanenco soffriva di non essere preso per italiano. Cambia con una ‘c’ la ‘k’ del cognome, italianizza il secondo nome e lo sceglie come primo. Dopo vari lavori tutti improbabili, fresatore, magazziniere, barrelliere, contabile, arriva ai settimanali Rizzoli: codirettore, responsabile delle rubriche di lettere, inizia a pubblicare romanzi a puntate. Romanzi rosa già con decise pieghe di giallo e di nero. Ma non far finire male un romanzo lo fa soffrire. Lo racconta Oreste Del Buono. Un romanzo rosa deve finire bene. E a un certo punto si stanca e nasce, con Duca Lamberti, ‘Venere privata’. È il 1966 e ha 55 anni. Quello stesso anno esce ‘Traditori di tutti’. È l’inizio della nuova unilaterale carriera – quella vera e interamente nera – che si interromperà, per la morte, dopo soli tre anni e due romanzi.

"Il profano – scrive – pensa che l’ispirazione sia qualche cosa di magico che chi scrive deve star lì ad aspettare (…) Ma non è così. Si scrive quando si vuole, e l’ispirazione, forse, non esiste. Come in tutte le cose, bisogna soltanto aver voglia di scrivere (…) Non è l’ispirazione che manca al poeta che guarda il cielo azzurro, è la voglia (…) A me piace scrivere. Ho scritto da per tutto, e nelle condizioni meno confortevoli. Non mi occorre né solitudine né silenzio né scrivanie speciali. L’unica cosa di cui ho bisogno è la macchina per scrivere – una qualsiasi, anche la più scassata – perché voglio vedere subito chiaro e ben allineato quello che scrivo".

Un talento feroce per la scrittura e un’esperienza del mondo maturata sulla conoscenza della cronaca e sulla propria vita. Capacità di osservazione e amore del dettaglio, curiosità onnivora, spregiudicatezza in ogni campo, inclusa quella verso il protagonista dei suoi ultimi e maggiori romanzi, del quale non si innamora. Distacco, gioco (sempre feroce) e disinvoltura anche verso la propria scrittura, che nasce e resta com’è quasi senza correzioni. Manca qualcosa per fare un vero scrittore, ma lui ce l’ha: coraggio e compassione, impietosità e pietà, amore-dolore per la vita con quello che c’è dentro.

Così è anche in ‘Traditori di tutti’. Una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra. Una Milano vista di scorcio correndo in macchina, complice e insieme distante da ciò che vede accadere, colta di sorpresa da una smagliante primavera.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
estate giallo nera giorgio scerbanenco milano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
5 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
11 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
17 ore
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
19 ore
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
19 ore
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior
‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita
I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Estate giallo-nera
1 gior
‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca
‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior
Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina
Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
© Regiopress, All rights reserved