laRegione
08.11.22 - 18:10
Aggiornamento: 19:36

Morto Michel Bühler, cantante e scrittore vodese

Aveva 77 anni e in cinquant’anni di carriera ha scritto e composto oltre 250 canzoni; è anche autore di romanzi, saggi e pièce teatrali

Ats, a cura di Red.Cultura
morto-michel-b-hler-cantante-e-scrittore-vodese
Keystone
Michel Bühler (77 anni)

Il cantante vodese Michel Bühler è morto improvvisamente ieri all’età di 77 anni al Centro ospedaliero universitario di Losanna. L’artista, che era anche scrittore e poeta, ha condotto una carriera di più di 50 anni nella canzone.

Bühler è deceduto a causa di un problema di cuore, ha indicato oggi il suo editore Bernard Campiche a Keystone-Ats. Una cerimonia di addio è prevista probabilmente all’inizio di settimana prossima a Sainte-Croix (Vaud).

Nato a Berna nel 1945, si era presto spostato con la famiglia a Sainte-Croix, nel Giura vodese. Il padre, svizzero-tedesco, non ha mai perso il suo accento. Bühler è cresciuto in una famiglia politicamente coinvolta, in particolare nel socialismo, nella quale i canti popolari la facevano da padrone. "Ho passato un’infanzia meravigliosa", aveva confidato in un lungo colloquio alla Rts.

Fino al 1965 Bühler frequenta il seminario per insegnanti a Losanna e insegna per quattro anni. Alla fine degli anni 60 conosce il poeta e cantautore canadese Gilles Vigneault e decide di dedicarsi alla canzone. Trascorre poi una vita spensierata da bohème a Parigi, firma i suoi primi successi con la casa discografica L’Escargot fondata dall’amico Vigneault. Alla fine degli anni 70 fa ritorno a Sainte Croix, dove siede numerosi anni nel Consiglio comunale.

Bühler è stato cantante professionista dal 1969. Ha scritto e composto più di 250 canzoni. Dalla sua penna sono scaturiti anche una ventina di romanzi, saggi e pièce teatrali.

Politicamente impegnato nei suoi testi come nella vita, Bühler ha difeso il diritto d’asilo e si è opposto alle pale eoliche, attualmente in costruzione nel suo comune. Era inoltre preoccupato per il crescente divario tra ricchi e poveri. Nel 2020, insieme a diverse personalità, ha lanciato un manifesto per costruire un mondo più unito dopo la crisi del coronavirus.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
53 min
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 ora
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
3 ore
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
5 ore
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
7 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
1 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
1 gior
Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare
Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior
‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure
Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
© Regiopress, All rights reserved