laRegione
nessuno-veda-nessuno-il-lascito-di-biancamaria-frabotta
Uscito nella collana dello Specchio di Mondadori
Pagine scelte
23.06.22 - 08:04
Aggiornamento: 19:10
di Maurizio Cucchi

‘Nessuno veda nessuno’, il lascito di Biancamaria Frabotta

Scomparsa a inizio maggio, non è riuscita ad avere tra le mani il suo ultimo libro, opera straordinaria

Un triste addio prematuro e per di più con una beffa del destino. Biancamaria Frabotta se ne è andata all’inizio di maggio, mentre il suo nuovo libro, ‘Nessuno veda nessuno’, era in uscito nella collana dello Specchio di Mondadori. E così non ha neppure avuto la possibilità di averlo tra le mani...

Frabotta, che era nata a Roma nel giugno del 1946, è stata una figura tra le più solide e importanti della poesia in lingua italiana degli ultimi decenni, a partire dalla giovinezza e dal primo libro importante, ‘Il rumore bianco’, uscito da Feltrinelli nel 1982, con prefazione di Antonio Porta. Un carattere insolito, un pregio di quest’autrice è stato nel movimento evolutivo del pensiero che l’ha variamente mossa, come si avverte nelle fasi della sua poesia. Partendo da quella che potremmo ben chiamare una passione ideologica si è espressa cogliendo i valori di un sentimento dell’esistere, tra memoria e realtà presente, con un’energia (stilisticamente controllata) sempre più nitida, pur nel segno di una quasi classica forma di pacatezza riflessiva. E non dimentichiamo che Frabotta è stata anche docente universitaria di letteratura e dunque figura in grado di affrontare il testo a un alto livello di consapevolezza. In ogni caso è necessario rimandare alla raccolta di ‘Tutte le poesie 1971-2017’, uscita da Mondadori nel 2018, dove troviamo un felice nomadismo della mente, prima di arrivare a una condizione di normale stanzialità, del resto rinnovata giorno dopo giorno e sempre riacquisita in quella che Roberto Deidier, nel suo saggio compreso in quel volume riassuntivo, definiva "una stanza nuziale ampliata a dismisura". Ricordiamo allora una ritrovata e nobile normalità d’accenti, paradossalmente anticonformista, come in quello splendido attacco semplice: "Mio marito ha un cuore generoso"... Qui, tornando a Deidier, avveniva, mirabilmente, "la proiezione della propria identità nello sguardo dell’altro". Il che ci regala il senso di una umana saggezza generosa, nell’adesione partecipe (ma anche turbata) a quella che io definirei la solo apparente orizzontalità delle cose.

Ma è necessario arrivare ai tempi più recenti e dunque al libro da pochissimo uscito e che l’autrice non ha purtroppo potuto vedere stampato, appunto ‘Nessuno veda nessuno’. Un libro in cui si riafferma senza la minima incertezza, ma anzi, con ulteriori acquisizioni, la forza congiunta dell’intelletto e del vivo sentimento attivo dell’esserci, tipico della personalità umana e poetica dell’autrice. In questi testi incontriamo una non comune densità di situazioni, figure e personaggi, tra questi anche compagni di strada, poeti, accanto a tracce indelebili della stessa memoria familiare. E non di meno riferimenti a una considerevole ampiezza storica di presenze culturali, magari dal pensiero di Epicuro all’etica Ubuntu. In questo comporsi di personale e storico, nella "melma / del tempo che ci governa e affonda", si realizza il tessuto di un’opera, che, possiamo ben dire, è un lascito straordinario. Un’opera in cui troviamo, tappa dopo tappa, il cammino di una meditazione lirica condotta nel senso di un’adesione all’esistere, pur nella sua precarietà, e nel segno di una complessità interna reale e mai esibita, frutto di un rigore morale e di una esemplare onestà intellettuale a cui si continuerà, possiamo esserne certi, a ritornare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biancamaria frabotta nessuno veda nessuno pagine scelte
TOP NEWS Culture
Spettacoli
3 ore
Santana perde conoscenza durante un concerto negli Usa
‘Ho dimenticato di mangiare e di bere acqua, così mi sono disidratato e sono svenuto’, ha scritto sui social
Spettacoli
5 ore
Locarno film festival, presentato il programma ufficiale
Al Kino Rex di Berna annunciate anche le giurie della 75esima edizione.
ticinesi oltre gottardo
21 ore
‘Ora apprezzo ciò che prima davo per scontato’
Da Bellinzona a San Gallo, oggi: Filippo Rima, responsabile per gli investimenti di una fra le principali banche svizzere, si racconta
Spettacoli
22 ore
Robin Williams non aveva il Parkinson ma demenza a corpi di Lewy
A scoprirlo, solo dopo il suo suicidio nell’estate del 2014, è stata la vedova Susan Schneider Williams
Scienze
22 ore
Cern: prima collisione a energia record nell’acceleratore Lhc
Dopo tre anni di aggiornamento e manutenzione prende così avvio il terzo periodo di presa dati
L’intervista
1 gior
Dante in prosa, ponte verso l’Eden
Dopo il primo libro sul tenebroso viaggio di Dante all’Inferno, Gerry Mottis ci fa da guida un’altra volta nel percorso lungo il Monte penitenziale
Musica
1 gior
Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati
In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Spettacoli
2 gior
Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco
Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
2 gior
‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’
David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Scienze
3 gior
Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo
Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
© Regiopress, All rights reserved