laRegione
23.01.22 - 13:36
Aggiornamento: 16:48

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza

Ats, a cura de laRegione
sulle-vittime-dell-olocausto-non-si-specula
Keystone

Anne Frank Fonds, la fondazione con sede a Basilea creata dal padre di Anna Frank, esprime forti critiche nei confronti delle nuove rivelazioni emerse da una recente inchiesta che ha identificato in un notaio ebreo il delatore che tradì la famiglia della ragazza.

“L’Anne Frank Fonds di Basilea ha un credo fondamentale: non si fanno soldi sulle spalle delle vittime dell’Olocausto. La suddetta impresa è sempre stata commerciale. Questo ci ha preoccupato fin dall’inizio”, afferma il presidente della fondazione John D. Goldsmith, in un’intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick.

La fondazione si dice profondamente delusa per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta. “Abbiamo presto sospettato che un’indagine seria e aperta non sarebbe stata probabilmente possibile per ragioni commerciali”. Secondo Goldsmith nel libro dei ricercatori vi sono errori in quasi ogni pagina e coloro che lo hanno scritto non hanno consultato gli esperti sulla situazione nei Paesi Bassi durante la Seconda guerra mondiale.

Il team di ricerca identifica Arnold van den Bergh, un notaio ebreo di Amsterdam, come l’uomo che avrebbe indirizzato la polizia nella soffitta dove la famiglia Frank si nascose per due anni per sfuggire ai campi di sterminio. Secondo Goldsmith ciò viene fatto senza prove convincenti. Inoltre ora l’affermazione centrale che ne emerge è: un ebreo tradisce gli ebrei. “Questo rimane nella memoria ed è inquietante”, conclude.

Morta nel marzo 1945 nel campo di concentramento nazista di Bergen-Belsen, Anna Frank era una ragazza olandese-tedesca nata nel 1929 che visse per due anni in un nascondiglio in uno stabile di Amsterdam. Durante questo periodo scrisse un diario che in seguito è diventato uno fra i libri più noti al mondo della letteratura legata alla Shoah.

Leggi anche:

‘Traditi da ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
5 ore
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
15 ore
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
19 ore
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
20 ore
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
1 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
1 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
1 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
2 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
3 gior
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
© Regiopress, All rights reserved