laRegione
La recensione
18.11.21 - 20:17

‘Un palco per la vita’ e tre buoni motivi d’integrazione

Da un’idea di Davide Martinoni, tre intense storie di teatro e di umana e artistica solidarietà, lì da vedersi (meglio ancora se in tv o nelle scuole)

un-palco-per-la-vita-e-tre-buoni-motivi-d-integrazione
Seid Ali

Seid, Miguel e Ludovico, tutti e tre alla ricerca di un posto nel mondo, in tempi diversi e modi diversi, in anni diversi e in età diverse. Lo trovano, quel posto, grazie al teatro: chi in modo assoluto e definitivo – l’adulto Miguel Cienfuegos, una volta lasciato il Cile di Pinochet negli anni 70, e il Teatro si chiama Paravento – chi in modo collaterale – il giovane Seid Ali, per il quale il teatro è parte di un più articolato processo d’integrazione partito dall’Eritrea, passato attraverso il Sahara e arrivato dalla Sicilia fino al Ticino – e chi limitatamente al tempo libero, l’adolescente Ludovico Franscini che deve trovarsi un posto sul palco e anche tra gli adulti.

Con William Shakespeare a mettere d’accordo tutti, i tre protagonisti e le relative compagnie che lo portano in scena, in ‘Un palco per la vita’ Davide Martinoni, giornalista, racconta tre storie d’integrazione affidando la macchina da presa a Lorenzo Pomari e Paolo Vandoni, per rendere al meglio quello che è allo stesso tempo il resoconto di uno spaccato della scena teatrale locale (con appendice milanese che ha visi e voci del Teatro dell’Elfo) e della locale, umana e artistica solidarietà.

Con le musiche affidate a Fabio ‘Mago’ Martino, il ritratto d’integrazione fortemente voluto e portato a termine in tre lunghi anni è un inno alla vita che non consente pietismi, complice anche la musica che non infierisce nemmeno quando potrebbe. La palma cilena in riva al lago di Locarno e il suo connazionale (Cienfuegos) con lei a farsi i selfie quando i selfie non c’erano ancora, è storia nella storia, simbolica e divertente, i cui dettagli lasciamo alla visione e all’ascolto di chi guarderà e ascolterà, meglio ancora se in tv o nelle scuole. E se la palma è storia nella storia, ‘Un palco per la vita’ è film nel film voluto da un uomo di parole che è anche uomo di cinema, rimasto nei pressi del ciak a dirigere un gran lavoro d’insieme, nel gran lavoro d’insieme che è il teatro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
RICERCA SOCIALE
15 ore
Quella violenza che non guardiamo
Spesso le persone non intervengono quando assistono a un’aggressione, sia essa reale o virtuale. Perché? Una neuroscienziata prova a spiegarcelo.
Culture
1 gior
Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura
L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Distopie
1 gior
Mi chiamo Montag, brucio libri
Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Scienze
2 gior
Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless
Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
2 gior
La cappa plumbea che spaventa la destra
Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
2 gior
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
2 gior
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
3 gior
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
3 gior
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
3 gior
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
© Regiopress, All rights reserved