laRegione
e-all-improvviso-eccolo-qua-paolo-conte-a-lugano
Ho il privilegio di vivere in campagna e questo mi rende più facile sopportare questo periodo (foto: Daniela Zedda)
L’intervista
laR
 
21.08.21 - 05:30

E all’improvviso, eccolo qua: Paolo Conte a Lugano

In Piazza Riforma il 24 agosto: poco più di tre anni dopo, l'artista italiano torna in Ticino con ‘50 Years of Azzurro’, ‘scritta d'inverno, pensando all'estate’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Nel clamoroso “oh non l’ha fatta” tipico del post-concerto, a Lugano non la fece. Era il 2018, ma il cronista spilungone e appassionato che per laRegione sintetizzò l’esibizione in un pertinente “come rifugiarsi in un vecchio, elegante pianobar”, di ‘Azzurro’ non sentì la mancanza. Tre anni dopo e un po’ di più, Paolo Conte torna a Lugano e ‘Azzurro’ dovrà farla per forza, perché è nel titolo del concerto di martedì 24 agosto in Piazza Riforma alle 21 (www.luganolac.ch), evento che giunge a parziale ma degno risarcimento di tutto il jazz che la pandemia ha mandato in vacca. ‘50 Years of Azzurro’, che in verità sarebbero di più (l’anagrafe dice 1968), è il concerto che celebra una delle canzoni che oggi permette di definire Paolo Conte ‘ex-avvocato’. Insieme almeno a ‘Onda su onda’ (1974), album eponimo in cui esordì il Mocambo “piccolo bar” (‘Io e te senza parlare’), e soprattutto omonimo singolo cantato in quasi contemporaneità dal suo amico Bruno Lauzi. È grazie a questi due episodi che l’oggi 84enne astigiano di origine, e più europeo dell’Unione Europea, si è potuto fare una carriera tra “ladri di stelle e di jazz” (e con le citazioni abbiamo finito).

Memori dei tempi sempre serratissimi del Conte, tentando di fare le domande più corte di Paolo Sorrentino su Vanity Fair (“Ho accettato incautamente di occuparmi di un numero di questo giornale solo perché avevo un obiettivo chiaro: arrivare a conoscere Paolo Conte”, premetteva il regista nel maggio del 2020, diventando protagonista dell’intervista), abbiamo posto, al Conte, alcune umili e disinteressate domande.  

‘Azzurro’: quali sentimenti prova per quella canzone? Gratitudine, riconoscenza, orgoglio, sopportazione?

Togliamo la parola “sopportazione”, le altre vanno bene.

Volendo fare del reality musicale: ricorda il momento esatto in cui è nata? Dove si trovava, che tempo faceva, come è stata scritta?

Scritta d’inverno, pensando all’estate. Provino (voce e pianoforte) registrato in casa mia su magnetofono a nastro “geloso”. Poi, lungo dialogo con l’arrangiatore (Nando De Luca): io ci tenevo molto che la musica mantenesse un sound “antico” e lui mi ha accontentato ricalcando la melodia del canto con tre mandolini.

Ha dichiarato che senza Adriano Celentano la storia di quella canzone e del suo autore sarebbero state molto diverse. Non vale anche il viceversa? C’è il suo zampino anche ne ‘La coppia più bella del mondo’…

Grazie per l’idea dello “zampino”, ma è chiaro che, per il successo di una canzone, è preponderante la personalità, e la celebrità, dell’interprete.

Non conosco l’espressione astigiana per esprimere il concetto partenopeo che le canzoni, come i figli, sono piezz’e core. È così anche per lei?

Assolutamente sì, non ne ho rinnegata nessuna tra le tantissime che ho scritto.

Marcello Mastroianni, Monica Bellucci, Claudia Cardinale, Paolo Conte, osannati oltralpe almeno quanto nella terra d’origine. E la Francia, Paolo Conte, l’ha ricoperto d’onoreficenze: ma allora la rivalità Francia-Italia è solo calcistica?

La Francia è sempre stata maestra nell’ospitare gli artisti. La rivalità calcistica è un’altra cosa e quella ciclistica… non ne parliamo.

Della relazione Asti-Parigi c’è ampia letteratura. C’è qualcosa che lega quelle città anche a Lugano, per quanto le è dato di conoscere Lugano e la Svizzera?

Conosco Lugano e la Svizzera molto superficialmente ma riconosco agli elvetici un bel rispetto per le cose artistiche in generale.

Ricordo un suo elogio degli anni Venti ai tempi del ‘multimediale’ ‘Razmataz’: cosa pensa di questi anni Venti, quelli di cent’anni dopo?

Non c’è paragone!

Il pop d’autore è finito in un calderone con dentro tutto e niente. Si può dire che il jazz, malgrado tutto, tiene bene?

No, neanche il Jazz. Tutto ormai è finito, come dice bene Lei, in un calderone con dentro tutto e niente.

L’ultima è Malika Ayane; guardando indietro, Caterina Caselli, Patty Pravo, Shirley Bassey, Dalida, anche se è Gabriella Ferri ad aver cantato più canzoni di Paolo Conte. Da autore, quali di queste voci le ha trasmesso più emozioni? E si sente uno di coloro che “sanno scrivere per le donne”, o si tratta di un luogo comune?

Non voglio fare favoritismi. Ci sono di sicuro autori adatti alle cantanti donne, ma non è il mio caso. Piuttosto posso dire che molte signore della canzone hanno scelto di loro iniziativa mie canzoni tipicamente maschili. Valle a capire!

Il momento difficile che sta passando il mondo dell’arte sta scaldando gli animi. Le chiedo come ha trascorso la ‘reclusione’ e come sta vivendo questo ritorno alle scene.

Ho il privilegio di vivere in campagna e questo mi rende più facile sopportare questo periodo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
azzurro jazz lugano paolo conte piazza riforma
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
8 ore
Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’
Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
9 ore
Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate
Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
9 ore
Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg
Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Arte
1 gior
Come filo di Arianna, l’opera di Marcel Dupertuis
Il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto propone una mostra monografica e retrospettiva dedicata al poliedrico artista. Inaugurazione: 26 giugno alle 11.
L'intervista
1 gior
JazzAscona incorona Nolan Quinn, Swiss Jazz Award 2022
Il trombettista si esibisce sabato 25 giugno: “Se la mia musica può essere un piacere per chi l’ascolta, questo è ragione sufficiente per suonarla”
Scienze
1 gior
Le tartarughe possono frenare e spegnere l’invecchiamento
Lo dimostrano due studi indipendenti, danese e statunitense, pubblicati su Science
Scienze
1 gior
Scoperto un batterio gigante: è visibile a occhio nudo
Si chiama Thiomargarita magnifica, ed è stato individuato nell’arcipelago di Guadalupa: è lungo un centimetro e sfida le leggi della biologia
Scienze
1 gior
Animali domestici non tradizionali, rischio aumentato di zoonosi
Virus e batteri sono più facilitati a spostarsi dagli animali alle persone. Vari focolai negli Usa sono riconducibili a roditori, rettili, furetti e altri
Spettacoli
1 gior
È morto James Rado, fra gli autori dello storico musical ‘Hair’
Aveva 90 anni. Lo show manifesto della generazione hippie spianò anche la strada a Broadway ad altri musical rock come ‘Jesus Christ Superstar’
Culture
1 gior
JazzAscona omaggia Allen Toussaint, maestro di New Orleans
Domani, venerdì 24 giugno dalle 16, una trentina di appuntamenti. Fra quelli principali, la New Orleans Jazz Orchestra nel tributo a un grande dell’R&B
© Regiopress, All rights reserved