laRegione
e-poi-saremo-salvi-vite-vissute-in-bilico
Alessandra Carati, al suo primo libro
Libri
24.07.21 - 09:520

'E poi saremo salvi', vite vissute in bilico

Attraverso gli occhi della piccola Aida, la storia di una famiglia di rifugiati bosniaci: è il libro d'esordio di Alessandra Carati, Premio Viareggio Rèpaci

Da dove iniziare per restituire in poche battute il respiro e le atmosfere di un romanzo? La cosa migliore, forse, è cominciare proprio dal principio.

E poi saremo salvi, libro d'esordio di Alessandra Carati edito da Mondadori e vincitore del Premio Viareggio Rèpaci per Opera Prima, si apre sulla fuga disperata di una madre bosniaca incinta e analfabeta con una bambina di sei anni al seguito: la corsa notturna di dodici chilometri in mezzo ai boschi, la pipì che scorre e si secca piano piano lungo le gambe, il lungo viaggio in un autobus affollato, diretto senza indecisioni verso il confine con l'Italia. Perché il tempo sta per scadere. Il minimo indugio può significare una condanna a morte.

Attraverso gli occhi della piccola Aida assistiamo così al dipanarsi, negli anni, della storia di una famiglia di rifugiati bosniaci riuscita a sottrarsi all'orrore della guerra in Ex Jugoslavia. E sono vite vissute in bilico, quelle che leggiamo, esistenze consumate trattenendo il fiato, aspettando il giorno in cui poter tornare a casa, anche se le mura sono state ormai distrutte, gli antichi vicini sono tutti morti e l'intero paese è stato sventrato. Di fronte alla voglia dei figli di confondersi con gli altri ragazzi italiani, i genitori - dilaniati dal senso di colpa per aver abbandonato i propri cari e per essere sopravvissuti senza combattere - si aggrappano alla tradizione, tentano di non impazzire, lasciano che la loro primogenita si stacchi da loro, incapaci di distogliere lo sguardo dal vecchio mondo distrutto.

«Mio padre ha elencato i cugini, gli zii, gli amici di mia madre, per ultimo Hajro, il suo fratellino di tredici anni.  “Sono scomparsi” ha detto guardandola negli occhi.

Lei li ha contati uno per uno sulla punta delle dita, sotto voce. Ci è voluto tempo, alla fine ha detto “Quattordici parenti, ventidue amici”. E ha sollevato gli occhi verso babo, come se si aspettasse una conferma sull'esattezza dei numeri. Poi si è aggrappata alla tovaglia, lui si è sporto verso di lei. Si muovevano con cautela, in silenzio, e mi è sembrato che danzassero».

È una scrittura quasi cronachistica, quella di Alessandra Carati, fatta di periodi brevi, dialoghi rapidi, frasi spezzate, pensieri espressi con poche parole. Eppure, pur procedendo per sottrazione, la vita di questi personaggi sommerge inevitabilmente il lettore, lo chiama in causa, lo afferra per il bavero come se stesse parlando proprio a lui, e a nessun altro. Non c'è patetismo, non c'è compatimento. E poi saremo salvi è un romanzo asciutto, crudo, commovente, intimo ma mai stucchevole. Perché quando si va a rovistare nelle vite degli altri il rischio è sempre quello di uscirne con un sacco di cose superflue in mano. Ma questo non è il nostro caso. Qui c'è solo il necessario per raccontare vite talmente reali, talmente umane da restarci incollate alle dita. E se rimaniamo un attimo in silenzio li sentiamo anche noi quei sussurri, quelle grida, quelle piccole esplosioni che fanno da tappeto sonoro alle pagine. Sempre presenti. Sempre sullo sfondo - A ricordarci che le guerre da combattere sono tante. A volte infinite, a tratti invisibili. E non sempre accadono fuori, tra stato e stato.

TOP NEWS Culture
Spettacoli
6 ore
Addio a Melvin Van Peebles, icona nuovo cinema afroamericano
‘Uomo rinascimentale’, come definito dal New York Times, il pioniere dei film indipendenti americani è morto a 89 anni nella sua casa di Manhattan
Scienze
8 ore
Perchè i bambini odiano i broccoli? Nuovi indizi da uno studio
Secondo un team australiano, a rendere antipatici i vegetali sarebbe una reazione chimica con la saliva che libera composti sulfurei dall’odore sgradevole
La recensione
12 ore
‘Tre piani’, ben venga il Moretti snaturato
Algido, doloroso, perfetto per chi al cinema vuole farsi del male. Tratto dall’omonimo romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, in sala dal 23 settembre
Teatro Sociale
19 ore
‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto
’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista
Scienze
20 ore
Scienza e filosofia, vaccini per l’infodemia
Intervista ad Antonietta Mira, autrice con Armando Massarenti di ‘La pandemia dei dati’ che sarà presentato giovedì a Lugano
Gallery
Culture
1 gior
Un murale per celebrare Ascona e New Orleans, ‘Sister cities’
L’opera di 180 metri quadrati sulla facciata dell’autosilo comunale è stata commissionata alle valmaggesi Kler e SoFreeSo: sabato 25 settembre l’inaugurazione
La recensione
1 gior
Nel ‘Gatto’ sold out, Ascona applaude Tullio De Piscopo
Il Jazz Cat Club riparte col botto: tutti in piedi per il grande batterista in trio con Dado Moroni e Aldo Zunino, nel nome del jazz e di Pino Daniele
Spettacoli
2 gior
Terence Hill sveste la tonaca, ultimo ciak per ‘Don Matteo’
Dopo oltre 250 episodi, a più di 20 anni dalla messa in onda della prima puntata, la serie di Rai 1 dà l’addio al volto più popolare
Culture
2 gior
Teatro Sociale ’21-’22, è tempo di ripartire ‘Insieme’
Dal prossimo 25 settembre a maggio 2022, con ‘regole certe’. A colloquio con Gianfranco Helbling, direttore artistico
Società
3 gior
TikTok in Cina limita l’uso ai bambini sotto i 14 anni
È la prima azienda di video nel settore ad avere questi limiti. Nel 2019, Douyin aveva già iniziato a sperimentare ‘misure anti-dipendenza’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile