laRegione
asilo-e-rimpatri-quell-umanita-in-bilico
Ti-Press
Spesso l’opinione pubblica si è mobilitata
laR
 
21.12.21 - 05:30
Aggiornamento : 15:01

Asilo e rimpatri, quell’umanità in bilico

La storia della giovane India di Morbio porta alla luce una realtà che in questi anni ha incrociato la vita dei ticinesi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Nomi, volti: loro malgrado sono finiti sui giornali. Storie di rimpatri e scelte forzate, di partenze repentine e di richieste di asilo negato ci hanno messo più volte di fronte (anche a muso duro) a una quotidianità che non sospettavamo, a vite sospese tra la speranza di restare e la paura di doversene andare (di nuovo). In questi anni (almeno gli ultimi sedici) percorrendo il Ticino da sud a nord non è stato difficile, infatti, imbattersi nelle esistenze di giovani, madri e famiglie che da un giorno all’altro hanno visto infrangersi contro norme e burocrazia il loro sogno. In alcuni casi si è riusciti a rovesciare il destino avverso, in altri ci si è dovuti arrendere alla realtà dei fatti. Sempre (o quasi) si è però ricevuto un motivo di conforto: alla freddezza della legge spesso e volentieri ha fatto da contraltare il calore di vicini, compagni di scuola, docenti pronti a mobilitarsi e a coltivare la speranza di non veder partire i loro nuovi amici.

India, la giovane di Morbio Inferiore che dal 2012 con madre e fratello vive in una sorta di limbo e che oggi rischia di essere rimpatriata in Etiopia, non è che l’ultimo nome di un lungo elenco. Ancora una volta le sue vicissitudini hanno riportato alla ribalta un mondo parallelo al nostro, ma invisibile, di una umanità chiusa in casa, non costretta dal lockdown da Covid-19 bensì dall’attesa, di un ‘sì’, di un permesso, della possibilità di costruirsi una nuova esistenza. Per chi, come questa diciannovenne, è arrivato in Svizzera da bambina e qui ha frequentato la scuola dell’obbligo (e con profitto) restare in bilico tra il miraggio di un futuro diverso e la disperazione è una costante della propria quotidianità. Per lei, per India – come per sua madre Munaja e suo fratello Nur, che ha ultimato la formazione da carrozziere ma come ‘sans papiers’ non può lavorare –, dieci anni in Ticino non sono bastati per conquistarsi il diritto di rimanere.

Per Berna però l’Etiopia – Paese nel quale non si riconosce – è considerato sicuro. Ergo, negato l’asilo e negato lo statuto di apolide – sono fuggiti da quella striscia di terra posta fra Etiopia ed Eritrea –, deve essere rimpatriata con la sua famiglia. La sua ex docente di Scuola media e la sua legale si stanno battendo da tempo per smuovere le coscienze e l’opinione pubblica affinché si possa ottenere un permesso di dimora come caso di rigore, ma il lieto fine (in questo come in altri casi) non è per nulla scontato. Non lo è stato neppure per Mayrame e i suoi tre figli – vicenda che ci riporta al Mendrisiotto e al 2011 –, per Arlind, giovane kosovaro del Bellinzonese, per la famiglia curda di Cadenazzo che nel 2015 ha visto sollevare una scuola intera, per Mark, lo studente dello Csia o ancora, l’anno scorso, per Azad. Del resto, nel 1995 è capitato anche alla famiglia di un certo Valon Behrami, allora residente a Stabio, di vedersi negato l’asilo; epilogo al quale si oppose allora il paese.

L’impressione, d’altro canto, è che questa odissea non si esaurirà certo con la storia di India. Modificata nel marzo 2019 la Legge sull’asilo (per accelerare le procedure), è capitato che le vecchie pratiche rimaste inevase siano state ‘smaltite’ con un allontanamento. Rimpatri forzati ordinati dopo anni di residenza in Ticino; e non sono stati pochi, ci assicura chi la prassi la conosce bene.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
asilo rimpatri umanità
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
L’impegnativa eredità di Giovanni Falcone
A trent’anni dalla strage che uccise, tra gli altri, anche il magistrato simbolo della lotta alla mafia
il commento
5 ore
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
2 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
2 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
3 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
3 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
4 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
4 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
6 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
© Regiopress, All rights reserved