laRegione
20.04.21 - 10:40
Aggiornamento: 16:08

Teatro Sociale, 'Il dolore' per ricominciare

Martedì 27 aprile alle 20.45, rappresentazione straordinaria gratuita dello spettacolo tratto dall'omonimo diario di Marguerite Duras

teatro-sociale-il-dolore-per-ricominciare
In scena (foto: Paolo Battaglia)

Il Teatro Sociale Bellinzona riprende la sua programmazione martedì 27 aprile alle ore 20.45 con una rappresentazione straordinaria gratuita dello spettacolo ‘Il dolore’, tratto dall'omonimo diario di Marguerite Duras. Lo spettacolo è una produzione del Teatro Sociale Bellinzona per l'adattamento e la regia di Margherita Saltamacchia, che lo interpreta insieme a Raissa Avilés e con Rocco Schira. “Abbiamo deciso di riaprire con ‘Il dolore’ perché è uno spettacolo che parla del tempo dell'attesa e della speranza di una ripartenza dopo un periodo in cui la vita è rimasta sospesa”, comunica il teatro bellinzonese. “Seppur ambientato in un'altra epoca e in tutt'altra situazione – gli ultimi mesi della Seconda Guerra Mondiale nella Parigi liberata dai nazisti dove Marguerite Duras attende il ritorno del marito dal campo di concentramento – ‘Il dolore’ ben riflette le sensazioni che abbiamo appena vissuto e che in parte ancora stiamo vivendo”. Lo spettacolo è stato riallestito nelle scorse settimane “comprendendone nel lockdown nuove sfumature, e ci sembra quindi lo spettacolo giusto per ripartire, ora che lentamente si prospetta un'uscita dall'attesa e un prudente ritorno alla vita che conoscevamo”.

Data la limitazione a 50 del numero massimo di spettatori ammessi in sala, il Teatro Sociale raccomanda la prenotazione tramite l'Ufficio turistico di Bellinzona, palazzo municipale, al numero 091 825 48 18.

Leggi anche:

'Il dolore', affinché non trionfi la dimenticanza

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
50 min
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
13 ore
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
1 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
1 gior
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
1 gior
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
1 gior
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
2 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
© Regiopress, All rights reserved