laRegione
21.02.21 - 18:43

Suisseculture: 'Tagli cultura imprevedibili a lungo termine'

'Ancor più ora, col settore fermo per pandemia – si legge in una lettera aperta alla Ssr – si deve investire per un servizio pubblico forte'.

suisseculture-tagli-cultura-imprevedibili-a-lungo-termine
Lettera aperta (Keystone)

“I programmi (culturali) dei canali SSR possono mantenere la loro diversità solo se sono progettati insieme”. È l'incipit della lettera aperta di Suisseculture in merito alle trasformazioni in essere nell'azienda. “Le nuove strategie adottate dalla SSR, oltre ai ripetuti tagli alla produzione culturale – si legge nel comunicato – costituiscono un completo cambio di paradigmi i cui effetti sul settore della cultura a rimangono imprevedibili a lungo tempo”. Da un lato, "il processo di sviluppo di queste strategie manca di trasparenza”; dall'altro, “i rappresentanti delle associazioni culturali, e in particolare Suisseculture, che rappresenta gli attori culturali e le società che gestiscono i relativi diritti d'autore, non sono coinvolti attivamente in questo processo”. Suisseculture vede “grandi opportunità nella digitalizzazione”, ma sostiene che ciò non dovrebbe portare a un declino della qualità e che “è importante coinvolgere attivamente gli attori culturali in questo processo”. Anche in nome della popolazione svizzera, “che finanzia il servizio pubblico radiofonico e televisivo e che contribuisce in larga misura anche al finanziamento di emittenti locali private”, e che ha dunque “il diritto che il mandato culturale sancito dalla Costituzione sia adempiuto e che (...) attori qualificati nel campo della cultura, della formazione e della scienza ne facciano parte”. Per questo motivo, Suisseculture si aspetta in futuro di essere «non solo informata o consultata, ma anche coinvolta nella pianificazione strategica come partner attivo, viste le conoscenze riconosciute e necessarie”.

Oggetto di contestazione è anche «il trasferimento di parti di programma dal servizio pubblico senza pubblicità a piattaforme commerciali private”, che solleva questioni fondamentali, «in particolare nel campo del diritto d'autore», e relativa remunerazione degli attori culturali, oltre al dubbio che “il trasferimento di parti del programma a piattaforme private finanziate dalla pubblicità non sia in contraddizione con la concessione”. In ogni caso, scrive Suisseculture, “le riduzioni dei tempi di trasmissione rappresentano una perdita che si traduce anche in un calo della qualità dei programmi”, una falla nel mantenimento della diversità culturale del Paese.

“È passato ormai un anno da quando il settore della cultura si è praticamente arrestato a causa della pandemia”, chiude Suisseculture, che ritiene “indispensabile ancor più ora, che non si perda nemmeno un franco investito nella produzione culturale, alimentando il diritto d'autore”. Da leggersi come: “È giunto il momento, anche se i budget si stanno restringendo, d'investire in cultura per un servizio pubblico forte, offrendo un programma culturale di qualità per tutte le generazioni”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
4 ore
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
6 ore
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo "Gangsta’s Paradise" del 1995. È morto a Los Angeles.
Culture
6 ore
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
19 ore
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
20 ore
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
1 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
1 gior
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
Netflix
1 gior
Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?
Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicata a quelli che ‘una volta era meglio’)
Società
1 gior
Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa
Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
Spettacoli
1 gior
Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno
Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
© Regiopress, All rights reserved