laRegione
la-ssr-ribadisce-il-suo-impegno-per-la-cultura
Ampliare il gusto del pubblico per la cultura (Ti-Press)
04.02.21 - 19:15
Ats, a cura de laRegione

La Ssr ribadisce il suo impegno per la cultura

Dopo le critiche del sindacato, il direttore generale Marchand sottolinea la necessità di nuovi programmi e modi di rivolgersi al pubblico

La Ssr ribadisce il suo impegno per la cultura, in particolare per la produzione audiovisiva e musicale elvetica. L'azienda di servizio pubblico reagisce così alla posizione dell'Ssm, il Sindacato svizzero dei massmedia che martedì si è detto preoccupato dei tagli intervenuti nelle redazioni culturali di Rete Due e delle due omologhe svizzerotedesca e romanda SRF Kultur ed Espace 2.

In una presa di posizione trasmessa oggi all'agenzia Keystone-Ats, il direttore generale Gilles Marchand sottolinea che l'impresa radiotelevisiva tenta, in ogni regione linguistica del Paese, di raggiungere due obiettivi: da un lato ampliare il gusto del pubblico per la cultura in tutte le sue forme; dall'altro, trovare la giusta combinazione di vettori per diffonderla, tra radio, televisione e online.

La reazione di Marchand giunge due giorni dopo il comunicato del sindacato, che giudicava "devastante" l'indebolimento della cultura alla Ssr in un momento in cui questo settore vive la più grande crisi degli ultimi decenni a causa del coronavirus. L'azienda radiotelevisiva "indebolisce la scena culturale svizzera, cancellando trasmissioni di qualità", secondo il sindacato.

Il direttore generale della SSR rileva dal canto suo che il processo di trasformazione della società radiotelevisiva elvetica interessa anche le sue offerte culturali. Tuttavia, nuovi programmi, format e modi di rivolgersi al pubblico sono sviluppati nelle varie regioni, tramite i diversi vettori (radio, tv e digitali). Parallelamente, programmi culturali emblematici continuano a essere sviluppati.

Con l'accordo con il settore cinematografico svizzero, il cosiddetto "Pacte de l'audiovisuel", la Ssr investe ad esempio ogni anno complessivamente oltre 50 milioni di franchi nella produzione audiovisiva elvetica, ricorda Marchand. Nel 2018, la SSR ha annunciato uno sviluppo di 15 milioni di questi investimenti nell'ambito della fiction (serie svizzere).

Anche nel settore musicale la Ssr s'impegna a sostenere gli artisti. Oltre 800 concerti sono stati registrati dalle varie unità aziendali nel 2019, di cui 520 sono stati diffusi sulle seconde reti radiofoniche.

Mentre la pandemia di Covid-19 mette il mondo dello spettacolo e dei festival in grandi difficoltà, la Ssr mantiene inoltre il proprio sostegno a questi festival, nonostante essi vengano rinviati o avvengano online, sottolinea Marchand. Che si tratti delle Giornate di Soletta, del Locarno Film Festival, di Visions du réel, del Festival internazionale del film alpino di Les Diablerets o del festival di musica svizzera Label Suisse, la Ssr li aiuta "con costanza e determinazione".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cultura ssr
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
1 ora
A proposito di Robert Walser
Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
4 ore
Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’
Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Musica
11 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
11 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
15 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
18 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
20 ore
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
22 ore
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
22 ore
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
23 ore
Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso
Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
© Regiopress, All rights reserved