laRegione
07.09.20 - 15:53

'Pietra e cemento': il ciclo di Vicari prosegue a Corzoneso

Apre il 12 settembre il secondo capitolo di ‘Vincenzo Vicari fotografo. Il Ticino che cambia’, recupero dell'immenso patrimonio recuperato dalla Città di Lugano.

pietra-e-cemento-il-ciclo-di-vicari-prosegue-a-corzoneso
La diga del Luzzone, 1964

Fu sì 'il fotografo di Lugano', ma Vincenzo Vicari (1911-2007) – il cui ciclo di mostre si è aperto al Masi lo scorso 28 agosto – era un frequentatore della montagna e dunque della valle di Blenio, che fotografò anche dal cielo, perché pioniere della fotografia aerea. Il 12 settembre si apre anche 'Pietra e cemento: Vincenzo Vicari e la valle di Blenio', l'esposizione alla Casa Rotonda di Corzoneso è inserita nel progetto di recupero dell'immenso archivio visivo di Vicari curato dalla Divisione Cultura della Città di Lugano. La trentina di immagini presenti a Corzoneso intendono mettere a fuoco i due temi principali che Vicari ha sviluppato in valle di Blenio: quello del Romanico e quello della realizzazione degli impianti idroelettrici che fanno capo alla diga del Luzzone.

Per riferirsi al titolo: la pietra è al centro dei due volumetti intitolati 'Ticino Romanico' pubblicati da Vicari nel 1985 che comprendono immagini in bianco e nero scattate nel corso di una certosina opera di 'censimento' di tutti i monumenti risalenti a quest’epoca sul territorio ticinese. Il secondo tema, quello del cemento, ha origine sì nella sua passione per la montagna ma soprattutto in un incarico che lo porterà a realizzare un eccezionale libro fotografico poco conosciuto il cui committente sono le Officine Idroelettriche di Blenio, che nel 1966 pubblicano il ponderoso volume 'Val Blenio', decine di immagini in bianco e nero e a colori scattate da Vicari unite a un testo storico di Guido Calgari e una dettagliatissima descrizione di tutti gli impianti costruiti tra il Luzzone e Biasca nel decennio precedente. Una cinquantina di fotografie dal libro arricchiscono la mostra, unitamente a due immagini inedite di Roberto Donetta. La mostra è visitabile fino all’11 aprile 2021 di sabato e di domenica dalle 14 alle 17 (esclusi: 26 e 27 dicembre e 2 e 3 gennaio) oppure su appuntamento: tel. 091/8711263, info@archiviodonetta.ch (maggiori informazioni su www.archiviodonetta.ch).

Leggi anche:

Con gli occhi di Vincenzo Vicari

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
3 ore
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
6 ore
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
8 ore
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
17 ore
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
1 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
1 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
2 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
2 gior
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
3 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
© Regiopress, All rights reserved