laRegione
24.08.22 - 11:57
Aggiornamento: 14:25

L’artista Pierre Casè è morto

Era nato a Locarno il 16 febbraio 1944, viveva e lavorava a Maggia

l-artista-pierre-case-e-morto
Pierre Casè, 1944-2022

Pierre Casè è morto. L’artista ticinese era nato a Locarno il 16 febbraio 1944, viveva e lavorava a Maggia. Nell’agosto dello scorso anno, si era raccontato a Keri Gonzato per Ticino7. L’intervista è consultabile a questo link.

Pierre Casè ha esposto sia in Svizzera che oltre confine sin dal 1964. Dal 1967 era membro attivo della Spsas (Società pittori, scultori e architetti svizzeri) di cui è stato presidente nazionale dal 1987 al 1993. Dal 1990 al 2000 è stato direttore artistico della Pinacoteca Casa Rusca di Locarno, per la quale ha curato l’organizzazione d’importanti rassegne dedicate all’arte europea del Novecento, con particolare attenzione per la produzione svizzera, italiana, tedesca e spagnola.

Di particolare rilievo sono state, fra le altre, le mostre dedicate a Max Bill, Giuseppe Santomaso, Osvaldo Licini, Alberto Burri, Enrico Baj, Emil Schumacher, Antoni Tàpies e Marino Marini. In questi anni si è anche occupato della valorizzazione delle collezioni della Città, con mostre negli spazi della Pinacoteca e in numerosi musei all’estero.

Dal 1991 al 2000 ha fatto parte del Consiglio di fondazione della Fondazione Marguerite Arp. Nel 1994 è stato nominato membro della Commissione federale della Fondazione Gottfried Keller da parte del Consiglio federale; dal 1997 al 1999 ha fatto parte del Consiglio della Fondazione Giovanni Segantini. Dall’inizio del 2001 la sua attività si era interamente rivolta alla produzione artistica.

Leggi anche:

Pierre Casè e i miracoli dell'arte

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
8 min
Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage
Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Distopie
7 ore
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
17 ore
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
19 ore
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
1 gior
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
2 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
2 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
2 gior
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
2 gior
Le ciliege della costa del Mar Nero
Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
© Regiopress, All rights reserved