laRegione
brunori-sas-targa-tenco-alla-nuda-e-cruda-verita
Pek
Culture
22.06.17 - 15:330
Aggiornamento : 15.12.17 - 17:12

Brunori Sas, Targa Tenco alla nuda e cruda Verità

Nella primavera italiana dei Festival musicali delle compagnie telefoniche, durante i quali si certificano vendite e simpatia, arriva puntuale come ogni anno il riconoscimento di una giuria specializzata e non della contabilità. Si chiama Targa Tenco ed è, in un certo senso, l’equivalente dei Razzie Award, se per equivalente s’intende il fatto che i suddetti premi si assegnano entrambi nella stessa località di ben più rinomate kermesse. Il Razzie fa da contraltare alla Notte degli Oscar (a Los Angeles) e le Targhe al più noto Festival di Sanremo (dove, lo dice il nome). Ma se il Razzie premia il peggior film dell’anno con un lampone incollato su di un nastro Super8 dipinto d’oro (valore complessivo del trofeo: meno di 5 dollari), il Club Tenco sceglie il meglio della musica italiana, consegnando una targa il cui valore, come manufatto, non è dato sapere. Non è dato sapere nemmeno cosa succederebbe se la giuria del Tenco giudicasse anche il Festival dei Fiori. E non abbiamo nessuna intenzione di chiedercelo. 

Complice il video di Giacomo Triglia, complice un disco (“A casa tutto bene”) che finalmente suona come un disco (non più scarno per dogma), complice soprattutto il suo autore, al quale si deve il brano, molto altro e il perché di questo articolo, Brunori Sas ha vinto con “La verità” la Targa Tenco per la miglior canzone dell’anno. L’artista, come presumibilmente si fa con i Telegatti, la metterà in salotto di fianco a quella vinta nel 2010 come interprete emergente. Sperando di non vederlo mai sulla poltrona del vocal coach a giudicare talentuosi adolescenti pieni di sé, brindiamo oggi allo splendido disagio creato dall’ascolto di quella canzone, esperienza umana da ripetere con parsimonia, per preservarla dall’usura, e sempre urlando sull’inciso (in particolare in auto).

Brindiamo all’artista vero come la verità e al suo prendersi gioco della spocchia del cantautore sul piedistallo, figura un tempo bisognosa di riverenza da bancario (ora estinta, per credibilità) o da parroco del paese (immutata nel tempo). Brindiamo anche al Brunori che sulle pagine del Sole 24 Ore si è scritto un gustoso reportage chiamato “In Italia tutto bene”, nel quale risparmia al giornalista le domande giuste per tirargli fuori il meglio, tirandoselo fuori da sé. Dentro quel selfie fatto di pensieri c’è anche un po’ del Brunori svizzero, che tempo fa benediceva il ritardo all’appuntamento con la stampa alla Rsi e si augurava almeno un problema tecnico durante l’esibizione serale, tanto per sfatare il mito che in Svizzera funziona tutto. Brindiamo, dunque, in attesa che finalmente qualcuno – il Brunori – ce lo riporti qui, a suonare. 

TOP NEWS Culture
Libri
3 ore
'E poi saremo salvi', vite vissute in bilico
Attraverso gli occhi della piccola Aida, la storia di una famiglia di rifugiati bosniaci: è il libro d'esordio di Alessandra Carati, Premio Viareggio Rèpaci
Culture
19 ore
A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro
Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Libri
23 ore
Obama-Springsteen, dal podcast al libro
'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Musica
1 gior
Chiara Dubey si ritrova in 'Stranger'
È la canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa dal vivo domani, sabato 24 luglio. Ma è soprattutto riscoprire se stessi.
Musica
1 gior
Amy, sono già dieci anni
Ricorre oggi l'anniversario della morte di Amy Winehouse: oggi avrebbe 37 anni.
Gallery
Musec
1 gior
Sono quattro i giovani vincitori di Unpublished Photo 21
Assegnati i premi per giovani fotografi UP21. Le loro opere saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022
Locarno Film Festival
2 gior
Leopard Club Award a Kasia Smutniak
Le sarà consegnato il 6 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, incontro col pubblico in Rotonda e, al Palacinema, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Del Monte
Spettacoli
2 gior
Cannes: la vittoria di 'Titane' fa invecchiare Nanni Moretti
Causa dell'invecchiamento, la Palma d'Oro data a un film, dice il regista, “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”. Ma il meglio è nei commenti.
Lac en plein air
2 gior
Sotto la stella (nera) del jazz: Giovanni Falzone suona Bowie
Questa sera alle 21, nell'Agorà, la 'Blackstar Suite' del trombettista e compositore italiano, ispirata al testamento musicale dell'artista britannico.
Open-air
2 gior
C'è un po' di New Orleans al Calanca Jazz Festival
Sabato 24 e domenica 25 luglio, James Andrews con Frank Salis, Daniel Macullo e Marco Cuzzovaglia. Completano il cast Orkestra Sbilenka e Two Souls
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile