laRegione
05.09.22 - 16:23
Aggiornamento: 18:38

Superamento dei livelli, ecco la nuova proposta del Decs

Quattro i punti cardine del modello elaborato dal Collegio cantonale dei direttori di scuola media e sottoposto alla Commissione formazione e cultura

Ats, a cura di Red.Web
superamento-dei-livelli-ecco-la-nuova-proposta-del-decs
Eccolo, il modello sostitutivo

Il tema del superamento del sistema dei livelli nel secondo biennio della scuola media (corsi attitudinali e di base a matematica e tedesco) è stato al centro dell’incontro odierno tra i vertici del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) e la Commissione formazione e cultura (Cfc) del Gran Consiglio. Se sul principio di abolire i corsi A e B e sostituirli con un’organizzazione didattica migliore il consenso sembra oggi piuttosto ampio (diversi sono gli atti parlamentari e popolari che vanno in questa direzione), per poter andare avanti concretamente è stato presentato alla Cfc un modello sostitutivo elaborato nei mesi scorsi dal Collegio cantonale dei direttori di scuola media. Il modello, che si applica tanto alla III quanto alla IV media, permette di perseguire gli obiettivi di apprendimento del Piano di studio della scuola dell’obbligo ticinese (PdS) approvato dal Consiglio di Stato nel 2015 e riconfermato nel 2022 nella sua forma precisata e aggiornata, senza far capo alla separazione strutturale degli allievi.

Le principali caratteristiche del modello presentato oggi dal Decs alla Cfc

  • Continuità di apprendimento, trattandosi di un modello applicato all’intero secondo biennio di orientamento (III e IV media);
  • Codocenza durante le attuali 5 unità didattiche (Ud) settimanali in matematica e durante le 3 Ud settimanali in tedesco (due docenti di materia lavorano con gli allievi durante la totalità delle Ud);
  • Svolgimento di almeno 1 Ud settimanale per le due materie a gruppi ridotti;
  • Valutazione sommativa (giudizi intermedi) e certificativa (nota finale) unica per tutti gli allievi e indipendente dai gruppi frequentati.

Nel dettaglio

L’applicazione del modello sia alla III che alla IV media garantisce continuità al processo di apprendimento/insegnamento. L’allieva/o ha il tempo di maturare una migliore consapevolezza delle proprie attitudini e di effettuare la transizione al settore postobbligatorio con maggiore convinzione nelle proprie scelte. Si consolidano pertanto gli obiettivi del ciclo di orientamento della scuola media, dando ancor più senso e valore all’introduzione di un’ora supplementare di sgravio per la docenza di classe.

La codocenza è l’aspetto centrale e innovativo del modello proposto. Le esperienze finora vissute (come il Team teaching in inglese) hanno evidenziato la potenzialità di questa metodologia di insegnamento. Accanto a un’evidente maggiore attenzione al processo di insegnamento, i due docenti hanno l’opportunità di mettere in atto un’efficace ed efficiente didattica differenziata, permettendo alle loro allieve e ai loro allievi di apprendere la disciplina con più attenzione alle loro caratteristiche personali. La codocenza permette pure un’estrema flessibilità didattica all’interno del gruppo classe a vantaggio del raggiungimento delle finalità del PdS.

Il modello prevede delle Ud a gruppi ridotti. Questi momenti, decisi dai due docenti in relazione al percorso didattico sino a quel momento svolto, permettono di lavorare con piccoli gruppi di allieve/i, consolidando o approfondendo i traguardi di competenze di singoli allievi o gruppi. Va sottolineato che "almeno 1 Ud settimanale" significa che se ne possono immaginare anche di più, oppure immaginare di gestirle in maniera flessibile, per esempio 1 Ud per un periodo dell’anno scolastico, 2 Ud per un altro ecc. Oltre a questa opportunità di lavorare con gruppi più o meno eterogenei, i docenti possono offrire alla classe delle Ud con percorsi laboratoriali a scelta per gruppi d’interesse. Gli allievi hanno così la possibilità di maturare o consolidare le loro attitudini e, come già evidenziato precedentemente, scegliere il percorso postobbligatorio con maggior consapevolezza.

Un altro aspetto distintivo del modello proposto è l’unicità della valutazione. Si prevede infatti che le allieve e gli allievi ricevano un’unica valutazione sommativa (giudizio di fine periodo) o certificativa (nota finale). I due docenti devono pertanto condividere e concordare la valutazione delle competenze dei loro allievi. Questa modalità valutativa contribuisce a favorire l’equità di giudizio e l’accettazione da parte degli allievi e delle loro famiglie della valutazione assegnata. Attraverso la valutazione unica i ragazzi e le ragazze all’uscita della scuola media non saranno più ‘etichettati’ in base alla frequenza o meno dei corsi attitudinali di matematica o tedesco e anche in questo caso non potrà che beneficiarne la transizione al postobbligo.

Il modello proposto sarà ancora affinato nel corso dell’anno scolastico 2022/2023 e potrà essere introdotto per tappe successive, sia relativamente alle ore di codocenza, sia relativamente al numero di sedi coinvolte. Il numero di ore di codocenza, che sarà inizialmente comunque significativo, sarà man mano aumentato a dipendenza della disponibilità di nuovi docenti, mentre l’implementazione del nuovo modello nelle 36 sedi di scuola media avverrà in due fasi (a partire dall’anno scolastico X in 18 sedi e a partire dall’anno scolastico X+1 nelle altre 18) oppure in tre fasi (a partire dall’anno scolastico X in 12 sedi, a partire dall’anno scolastico X+1 in 24 sedi e a partire dall’anno scolastico X+2 in tutte le sedi).

Il Decs e i direttori di scuola media del Canton Ticino auspicano che il dibattito politico che seguirà l’incontro odierno possa permettere di partire con il superamento dell’attuale differenziazione strutturale nel secondo biennio gradualmente già a partire dall’anno scolastico 2023/2024.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
37 min
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
1 ora
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
5 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
7 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved