laRegione
l-economia-dei-lavoretti-da-noi-e-poco-diffusa
Ti-Press
03.07.22 - 21:32

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale

"Generalmente, il lavoro su piattaforma in Svizzera (ma anche nell’Unione europea) rimane – per ora – un fenomeno complessivamente limitato". È quanto si legge nella risposta del Consiglio di Stato all’interrogazione di Fabrizio Sirica (Ps) dal titolo "La vertenza Divoora apre il vaso di pandora. L’‘economia dei lavoretti’ che attacca i diritti sociali", la quale prende spunto dalla recente vertenza che ha opposto l’azienda attiva nell’ambito del servizio per la consegna di pasti a domicilio ai sindacati Unia e Ocst.

Il governo, rispondendo alla domanda se abbia intenzione di far elaborare uno studio per analizzare la portata del fenomeno nell’economia ticinese, rende noto che a livello nazionale un modulo dedicato ai lavoratori delle piattaforme digitali è stato incluso per la prima volta nel 2019 nella ’Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera’. "I dati raccolti confermano che questi tipi di lavoro sono difficili da identificare e che si tratta di una forma di lavoro poco diffusa. Nel 2019, lo 0,4% della popolazione ha dichiarato di aver lavorato tramite piattaforme digitali nei 12 mesi precedenti l’indagine", ovvero di aver fornito un servizio avvalendosi di una piattaforma internet per collegarsi con i clienti, e in linea di principio anche per ottenere il pagamento.

‘Un’analisi circoscritta a livello cantonale risulterebbe sproporzionata’

Considerando la situazione in funzione dei campi d’attività, informa il governo, "si riscontra che lo 0,1% della popolazione ha fornito servizi di taxi e lo 0,3% altri servizi (programmazione, consegna di cibo, lavori di pulizia ecc.). Un po’ più spesso (0,6%) la popolazione ha dato in affitto un alloggio tramite piattaforme internet. Lo 0,8% della popolazione ha venduto attraverso tali canali merci raccolte, acquistate o prodotte espressamente a questo scopo". Lo studio statistico, rileva il Consiglio di Stato, sarà rinnovato nel corso del 2022, ma considerando "la dimensione limitata del fenomeno un’analisi circoscritta a livello cantonale risulterebbe sproporzionata".

In merito alle altre domande poste nell’interrogazione – legate tra le altre cose allo statuto del lavoratore (indipendente o dipendente), alla remunerazione del lavoro, al riconoscimento del tempo di attesa come tempo di lavoro – il Consiglio di Stato premette che "la digitalizzazione sta portando alla creazione di lavori atipici, che mettono in discussione la qualificazione del rapporto di lavoro, che è un prerequisito per l’applicazione del diritto del lavoro e delle assicurazioni sociali", e a tal proposito informa che "il Consiglio federale sta esaminando lo sviluppo delle forme atipiche di lavoro in diversi rapporti". Per cui trattandosi di una tematica "di rilevanza nazionale e non cantonale" ritiene opportuno "attendere l’esito degli approfondimenti in corso da parte della Confederazione, gli sviluppi della giurisprudenza federale e della dottrina prima di prendere posizione in merito alle ripercussioni del lavoro su piattaforma sul mercato del lavoro e, in particolare, sul sistema di sicurezza sociale".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
divoora fabrizio sirica interrogazione risposta consiglio stato
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
2 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
3 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
3 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
3 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
3 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
4 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
4 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
4 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
6 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
6 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved