laRegione
24.04.22 - 17:18
Aggiornamento: 20:04

Precarietà mestruale, ‘c’è apertura per la ricerca di soluzioni’

È quanto dichiara il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Cristina Gardenghi (Verdi) che chiede conto della situazione in Ticino

precarieta-mestruale-c-e-apertura-per-la-ricerca-di-soluzioni
Ti-Press

Negli stabili dell’amministrazione pubblica non sono disponibili dei prodotti sanitari gratuiti per le mestruazioni utilizzabili dall’utenza o dal personale. Dal canto loro, alcuni istituti scolastici del settore medio e del post obbligo mettono a disposizione gratuitamente degli assorbenti per le allieve che ne hanno bisogno. Negli ospedali vengono invece distribuite bende igieniche alle pazienti degenti e ambulanti che ne fanno richiesta, ma non è prevista la messa a disposizione gratuita e sistematica di questi prodotti. È quanto si apprende dalla risposta del Consiglio di Stato alla domanda sull’offerta attuale in Ticino di prodotti sanitari gratuiti per le mestruazioni, contenuta nell’interrogazione ‘Precarietà, qual è la situazione in Ticino?’ presentata dalla deputata Cristina Gardenghi. Per precarietà mestruale, ricordava nell’atto parlamentare la granconsigliera dei Verdi, "si intende l’impossibilità di accedere a protezioni mestruali adatte per motivi finanziari o sociali". "Non siamo in possesso di dati sul fenomeno nel nostro cantone, così come d’altronde vi sono pochi dati disponibili sul piano nazionale – risponde il governo alla domanda sulla situazione in Ticino –. Sentiti alcuni servizi attivi sul nostro territorio negli ambiti della salute sessuale e della migrazione, si evince che la questione della precarietà mestruale non viene evocata attivamente dalla propria utenza".

In attesa che si completino altri iter

L’interrogazione chiedeva poi se il Consiglio di Stato intendesse implementare un progetto pilota come quello avviato dal Canton Vaud – che prevede la distribuzione gratuita di supporti igienici per le mestruazioni in 52 stabilimenti scolastici pubblici – negli istituti cantonali ticinesi e in altri istituti pubblici. "La questione deve essere valutata anche alla luce delle iniziative politiche a livello federale che toccano il tema", sostiene l’esecutivo cantonale. Da un lato, ricorda, è pendente la mozione ‘Riduzione dell’aliquota Iva per i prodotti destinati all’igiene intima femminile’, che propone di parificare l’Iva su assorbenti e proteggi-slip a quella prevista per i beni di prima necessità (passaggio dal 7,7% al 2,5%), mozione approvata dal Consiglio nazionale e attualmente pendente agli Stati. D’altro lato, vi è il postulato ‘Prodotti mestruali gratuiti per lottare contro la precarietà mestruale’, che intende incaricare il Consiglio federale di elaborare un rapporto sulla precarietà mestruale in Svizzera e di studiare misure che permettano di garantire l’accesso gratuito ai prodotti mestruali a tutte le persone che ne hanno bisogno. In ambito scolastico, dice il governo, "attendendo i risultati dello studio attualmente in corso nel Canton Vaud e l’analisi delle misure implementate in quel Cantone, c’è apertura verso la ricerca di soluzioni che possano rispondere alle problematiche poste dal fenomeno della precarietà mestruale". Problematiche che lo stesso Consiglio di Stato sta esaminando nel quadro della risposta alla petizione ‘Prodotti igienici gratuiti’ consegnata lo scorso maggio dalla Gioventù socialista con oltre 1’600 firme. In tutti i casi, sottolinea il governo, già ora "il Dipartimento della sanità e della socialità interviene per il tramite dei servizi preposti al sostegno delle persone in stato di bisogno economico".

‘La sostenibilità non può essere l’unico criterio’

Alla domanda, infine, se il Consiglio di Stato non ritenga opportuno accompagnare un tale progetto con una strategia di sensibilizzazione più generale sulla tematica delle mestruazioni e sull’utilizzo di protezioni igieniche più sostenibili (come la coppetta mestruale o assorbenti lavabili), il governo replica osservando che "sul piano educativo il tema delle mestruazioni è affrontato sia dal punto di vista fisiologico sia nell’ambito dell’educazione all’affettività e alla sessualità. Analogamente, l’educazione allo sviluppo sostenibile è ormai parte integrante dei piani di studio della scolarità obbligatoria e postobbligatoria". Quanto alla scelta del tipo di protezione igienica, tuttavia, per il governo "non è unicamente vincolabile a criteri di sostenibilità ed economicità, ma è anche determinata da preferenze personali legate a fattori quali l’intensità del flusso mestruale e della sua durata, la percezione della sensazione di pulito e degli odori e, non da ultimo, la possibilità di fare il giusto trattamento al presidio utilizzato". Su un piano generale, il Consiglio di Stato ritiene quindi "importante che il tema della sostenibilità ambientale ed economica sia affrontato in maniera ampia e non si focalizzi su una singola abitudine o comportamento, benché questi possono essere elementi da cui partire per sviluppare le riflessioni".

Leggi anche:

Prodotti igienici gratis a scuola, la Giso consegna 1’628 firme

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
2 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
3 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
3 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
4 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
4 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
6 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
6 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
6 ore
Incidente sulla A2, code in direzione sud
Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Luganese
7 ore
Inserimento professionale, Lugano tira le somme
Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
© Regiopress, All rights reserved