laRegione
02.05.22 - 18:22
Aggiornamento: 21:42

Rilanciare l’industria partendo dalla competitività

È lo scopo di un piano strategico di sviluppo economico elaborato dall’Aiti. Oliviero Pesenti: ‘La crisi demografica, urgenza per la politica’

di Generoso Chiaradonna
rilanciare-l-industria-partendo-dalla-competitivita
Keystone
Oliviero Pesenti, presidente di Aiti

Disporre di un’analisi critica e dettagliata delle attuali condizioni così come il grado di competitività del territorio cantonale, con particolare riferimento a settore industriale, declinato anche a livello regionale. È questo uno degli obiettivi dello studio commissionato dall’Aiti (Associazione industrie ticinesi) all’Ire, Istituto di ricerche economiche dell’Università della Svizzera italiana. Da qui verificare il posizionamento strategico dell’industria, in particolare rispetto alla realtà del resto della Svizzera e dei territori di confine.

Perché uno studio sulla competitività dell’industria ticinese? «È per capire come la società sta affrontando delle fasi di cambiamento a livello economico e sociale. Penso ai cambiamenti tecnologici, ai bisogni formativi delle nuove generazioni e al compito di non lasciare indietro nessuno nelle trasformazioni sociali», spiega Oliviero Pesenti, presidente di Aiti. Serve quindi una bussola per capire come orientare lo sviluppo economico del Ticino. «E queste scelte devono essere fatte ora o negli anni immediatamente successivi. La crisi demografica è uno dei temi da affrontare urgentemente», ha affermato ancora il presidente dell’Aiti che ha ricordato alle istituzioni come «uno sviluppo economico equilibrato e lungimirante sia l’antidoto a un declino più o meno programmato della nostra economia e della società». Ma l’intento dell’Aiti non è solo quello di segnalare come è posizionato il settore industriale ticinese rispetto alla ‘concorrenza’ nazionale e internazionale. «L’idea, approvata lo scorso anno dall’assemblea di Aiti, è quella di elaborare un vero e proprio piano strategico di sviluppo economico del Cantone Ticino. Documento elaborato proprio in base ai risultati dello studio Ire e che verrà presentato pubblicamente nel dettaglio il prossimo 24 maggio per essere poi presentato all’assemblea dell’Aiti il 1° giugno (60esimo dell’associazione) e posto poi in consultazione presso le aziende associate. Il documento dovrebbe essere poi approvato da un’assemblea straordinaria che verrà convocata in autunno».

E veniamo allo studio dell’Ire realizzato da Moreno Baruffini e dalla professoressa Barbara Antonioli Mantegazzini, vicedirettrice dell’Ire. «Nessuna riforma può essere pensata o attuata senza conoscere le condizioni attuali del territorio», ha spiegato la professoressa Antonioli Mantegazzini. Dallo studio emerge un settore secondario ticinese che è simile, dal punto di vista quantitativo, a quello nazionale: circa il 24% del Pil. I dati si fermano al 2019. Seguendo la metodologia utilizzata, ovvero quella della teoria della complessità (maggiore complessità equivale a maggiore competitività, ndr), il Ticino non è posizionato in modo dissimile da altre regioni svizzere. Dal punto di vista della produttività, essa è sì inferiore alla media svizzera, con quella nordoccidentale (Basilea e Zurigo) che corre più di altre, ma dal 2017 è in netto recupero avvicinandosi al resto del Paese.

La situazione attuale (post Covid e guerra in Ucraina) non dovrebbe aver peggiorato i fattori competitivi. A preoccupare, hanno ricordato Oliviero Pesenti e il direttore di Aiti Stefano Modenini, è la scarsità delle materie prime e i costi in aumento dell’energia, ma non solo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
13 min
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
3 ore
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
7 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
7 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
7 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
15 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
17 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
17 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
18 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
19 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
© Regiopress, All rights reserved