laRegione
24.05.22 - 17:34
Aggiornamento: 17:58

Gli industriali ripensano il futuro del Ticino

Aiti ha stilato un documento di lavoro all’indirizzo di istituzioni e politica per lanciare un dibattito a largo spettro nella società

di Generoso Chiaradonna
gli-industriali-ripensano-il-futuro-del-ticino
Ti-Press
Oliviero Pesenti, presidente di Aiti

Un lungo documento (oltre 100 pagine) con sei temi portanti e decine di proposte per rilanciare il futuro economico del Ticino. È quanto si pone l’Aiti, l’Associazione industrie ticinesi che ha realizzato il documento denominato appunto ‘Piano strategico per lo sviluppo del Cantone Ticino’. «Sono delle proposte di lavoro e non imposizioni», spiega il presidente di Aiti Oliviero Pesenti. «Il settore industriale rappresenta più del 20% del Pil cantonale e vorremmo almeno essere ascoltati. Questo non vuol dire che siamo coloro che detengono la verità assoluta, ma vorremmo provare a lanciare un dibattito pubblico su come immaginare il futuro», continua Pesenti, che precisa che «il piano strategico non si rivolge solo alle istituzioni e alla politica, ma richiede il coinvolgimento delle imprese e il loro impegno per uno sviluppo economico armonioso».

L’idea del documento, lo ricordiamo, è nata un anno fa. La proposta – afferma invece Stefano Modenini, direttore di Aiti –, «sarà messa in consultazione presso le aziende associate in occasione dell’assemblea ordinaria del prossimo 1º giugno. Solo dopo tale consultazione e con il voto di un’assemblea straordinaria in autunno il Piano strategico sarà considerato definitivo».

Come detto, sono sei i macrotemi individuati: Capitale umano e formazione scolastica, professionale e accademica; Creazione e sviluppo di un ecosistema dell’innovazione; Cultura d’impresa; Fiscalità e competitività del territorio; Responsabilità sociale e ambientale delle imprese; Mercato del lavoro. Lo spazio maggiore, segno che sono i temi più sentiti dalle aziende industriali che operano sul territorio, lo occupano i primi due. «In generale si chiede di aumentare le competenze digitali e quelle cosiddette Stem (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) a livello scolastico e professionale», continua Modenini. In particolare si propone di aggiornare l’orientamento scolastico professionale verso le professioni industriali, valorizzando l’apprendistato e il partenariato tra azienda e scuola. E questo iniziando già dalla scuola dell’obbligo dove bisognerebbe anticipare l’insegnamento del tedesco alla prima media, oltre a prevedere formazioni di base in elettronica, meccanica e informatica. Il documento dell’Aiti propone di spostare l’ufficio dell’orientamento scolastico e professionale dalla Divisione della scuola a quella della formazione professionale. Questo in funzione anche di promuovere un orientamento ‘valoriale’ verso la cultura d’impresa e all’imprenditorialità.

Per quanto riguarda i percorsi post-obbligatori, si propone di aumentare il numero delle aziende formatrici anche diffondendo la conoscenza dell’apprendistato presso le aziende con management straniero. «Negli ultimi due anni, nonostante la pandemia, questo è avvenuto. I posti di apprendistato sono cresciuti, ma non basta», riconosce Modenini.

Il documento dell’Aiti affronta anche il tema degli studi liceali e accademici. «Al liceo bisognerebbe reintrodurre l’obbligo della lingua tedesca, come avveniva un paio di decenni fa», suggerisce il direttore di Aiti.

Ecosistema dell’innovazione più incisivo

Il secondo tema più corposo è quello dedicato all’innovazione. «Istituzioni e partiti dovrebbero impegnare la propria politica economica in maniera più decisa a sostegno dell’innovazione, con investimenti pubblici adeguati e superiori a quelli attuali, guardando a quanto stanno facendo altri Cantoni», ricorda Modenini, che porta l’esempio del Vallese dove, grazie alla collaborazione tra ente pubblico e aziende, per l’innovazione sono stati stanziati 400 milioni di franchi. Gli industriali vedono di buon occhio il futuro parco dell’innovazione, ma suggeriscono di creare dei centri di competenza tematici basati sulle esigenze dell’economia cantonale «concentrandosi, almeno inizialmente, su uno o due centri in settori rimarchevoli per il territorio». «Difficilmente si riuscirà a coinvolgere le aziende locali a partecipare a progetti comuni se questi non sono sentiti veramente da loro stesse», aggiunge Stefano Modenini, che invita a favorire anche con la leva fiscale gli investimenti in ricerca e sviluppo come pure l’implementazione di reti 5G.

E per rimanere in tema di fisco e finanze pubbliche, l’Aiti chiede di mantenere la tempistica della riforma fiscale cantonale in vigore, riducendo l’aliquota sugli utili delle persone giuridiche dall’8 al 5,5% dall’1.1.2025 e il coefficiente d’imposta cantonale dal 97 al 96% dall’1.1.2024, così come previsto negli anni scorsi.

Per il futuro, per quanto riguarda le persone fisiche, si auspica di riportare la fiscalità del Ticino nella media svizzera riducendo l’aliquota massima dal 15 all’11%.

Di tutto questo si parlerà comunque il prossimo 1º giugno al Palazzo dei congressi di Lugano anche alla presenza del consigliere di Stato Chrisitian Vitta, responsabile del Dfe. L’assemblea vedrà quale ospite la vicepresidente di Confindustria Italia Barbara Beltrame Giacomello.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
1 ora
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
4 ore
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
8 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
8 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
8 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
17 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
18 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
19 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
19 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
20 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
© Regiopress, All rights reserved