laRegione
24.03.22 - 15:48

Taglio delle accise, ticinesi fanno il pieno in Italia

Pendolarismo al contrario, svizzeri fanno rifornimento nelle stazioni di servizio d’oltre confine

di Marco Marelli
taglio-delle-accise-ticinesi-fanno-il-pieno-in-italia
Dopo le misure del governo Draghi (Ti-Press)

Succede quello che nessuno poteva pensare sino a qualche giorno fa. Una inversione di 180 gradi. E in uno dei commerci di frontiera che hanno fatto storia: il pieno della benzina. Insomma, il pendolarismo di carburante a prezzo scontato. Da qualche giorno sono tornati i pendolari, ma al contrario. Ticinesi in coda che fanno rifornimento nelle stazioni di servizio di Como e della zona di frontiera. Succede così a Valsolda e Porlezza. Stessa musica anche nei comuni del Ceresio varesotto, come Lavena Ponte Tresa e Porto Ceresio. Idem come sopra a Cantello e Arcisate. Anche se non si può parlare di un fenomeno di massa, che sarebbe comunque destinato a durare solo una manciata di settimane, non è passato inosservato il capovolgimento di fronte giunto a sorpresa, effetto del taglio di 30 centesimi di euro al litro delle accise sul carburante deciso dal governo italiano per contenere gli effetti del caro benzina.

Da un momento all’altro, a partire da martedì pomeriggio (il decreto è in vigore dal 22 marzo e lo sarà per 30 giorni), ecco che il pieno in Italia è diventato più conveniente che oltreconfine. Un calo consistente quello deciso dal governo Draghi rispetto ai prezzi stellari delle ultime settimane che hanno avuto il pregio di far riscoprire i mezzi pubblici e il car pooling. I pendolari alla rovescia fanno dire a molti che siamo in presenza di un’inversione pressoché storica, anche perché secondo quanto raccontano i benzinai di Como, le auto con targhe ticinesi ferme alle pompe di benzina e diesel continuano a crescere.

Stando agli attuali prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera per gli automobilisti ticinesi fare il pieno a Como (così come in tutti i benzinai della fascia di confine) significa risparmiare fra i 18 e i 22 centesimi di euro al litro sia per la benzina che il gasolio. Una differenza che per un rifornimento di 50 litri, si traduce in un risparmio di 10 euro. Il ragionamento vale anche per i frontalieri che da sempre fanno il pieno in Ticino (il discorso va esteso anche quelli che lavorano nei Grigioni e nel Vallese).

I benzinai italiani della fascia di confine sostengono di aver visto aumentare le vendite del 20% grazie a ticinesi e soprattutto frontalieri, un esercito di oltre cinquantamila lavoratori. "Questo provvedimento non può che portare un po’ di respiro alla categoria – sottolinea in una nota Daniela Maroni, presidente Figisc, la federazione dei gestori degli impianti di carburante di Confcommercio Como e vicepresidente nazionale –. Ci auguriamo che l’inversione di tendenza possa proseguire. Non escludo però contromosse da parte del governo svizzero".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
4 ore
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
4 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
6 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
6 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
7 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: ‘Mi piange il cuore’
Ticino
9 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
12 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
12 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved