laRegione
24.02.22 - 18:03
Aggiornamento: 28.02.22 - 17:53

Contro il rumore stradale il governo chiede altri 50 milioni

Servono per la posa di asfalti fonoassorbenti, interventi di riduzione della velocità di circolazione e ­provvedimenti di isolamento acustico su edifici

contro-il-rumore-stradale-il-governo-chiede-altri-50-milioni
Ti-Press

Tra i rumori maggiormente diffusi sul nostro territorio, si trova sicuramente quello stradale. Una fonte di disturbo che il Cantone, tramite il Dipartimento del territorio (Dt), si è impegnato a combattere il più possibile. Con questo proposito, il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio relativo alla richiesta di un secondo credito d’investimento di 50 milioni di franchi per l’esecuzione degli interventi previsti dai progetti di risanamento fonico delle strade cantonali della Fase prioritaria.

A partire dal 2015, si legge in una nota, il Cantone ha investito "importanti risorse per allestire i catasti del rumore ed elaborare i progetti di risanamento fonico delle strade cantonali della fase prioritaria" (progetti consultabili sul sito www.ti.ch/rumore). In questi progetti di risanamento fonico sono stati proposti provvedimenti alla fonte, soprattutto con la posa di asfalti fonoassorbenti, che apportano dei benefici oltre che alle persone a diretto contatto con gli assi stradali, anche in comparti più ampi di territorio. Ciò è stato permesso grazie allo stanziamento di un primo credito di 50 milioni.

"Ritenuto il cospicuo investimento globale di 150 milioni di franchi stimato nel precedente messaggio – continua la nota –, il Consiglio di Stato già in quella sede aveva preannunciato la necessità di dover ricorrere a ulteriori crediti. Poiché la rimanenza del credito attualmente a disposizione si estinguerà entro la metà del corrente anno, con il presente messaggio si vuole sottoporre la richiesta di un secondo credito di 50 milioni di franchi destinato a garantire l’esecutività delle decisioni di risanamento fonico approvate dal Dt".

Negli ultimi tre anni, la concessione del primo credito ha consentito di eseguire opere di risanamento, in particolare per quanto concerne la posa di asfalti fonoassorbenti e l’attuazione delle riduzioni di velocità di circolazione (32 interventi realizzati). Rimangono ora da realizzare 119,5 km di asfalti fonoassorbenti; 22 interventi di riduzione della velocità legale di circolazione; ­provvedimenti di isolamento acustico su 391 edifici, per i quali si stima l’installazione di circa 3’280 finestre fonoisolanti.

"L’attuazione di questi progetti consentirà a una buona parte della popolazione di beneficiare di una riduzione percettibile delle immissioni foniche, migliorandone la qualità di vita, come pure di preservare ampie zone pregiate del nostro territorio a vocazione turistica". Tuttavia, preavvisa i governo, il credito "consentirà di finanziare solo una parte dei provvedimenti previsti nei progetti di risanamento della fase prioritaria. Pertanto, in funzione del ritmo effettivo di attuazione dei risanamenti, a corto-medio termine la richiesta di un terzo credito di investimento sarà comunque indispensabile per completare tutti gli interventi previsti".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
8 ore
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
8 ore
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
13 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
16 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
17 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
17 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
18 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
18 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
19 ore
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
21 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
© Regiopress, All rights reserved