laRegione
6mila-franchi-per-gli-infermieri-e-piu-imposte-per-i-ricchi
Ti-Press
21.01.22 - 15:15
Aggiornamento : 17:08

‘6mila franchi per gli infermieri e più imposte per i ricchi’

Il Movimento per il socialismo presenta 14 emendamenti al Preventivo 2022. Sergi: ‘La nostra visione opposta a quella neoliberale di tutto il parlamento’

«Propagandistici ma coerenti, concreti e tutto fuorché irrealistici», afferma il deputato Matteo Pronzini. «Karl Marx diceva che la quantità si trasforma nella qualità», rincara il coordinatore Giuseppe Sergi (anche se l’origine del concetto è da cercare in Georg W. F. Hegel, ndr). Tant’è. Quella del Movimento per il socialismo è un’autentica offensiva nei confronti del Preventivo 2022 che sarà sottoposto all’esame del Gran Consiglio la prossima settimana. Un’offensiva, presentata stamattina a Bellinzona alla stampa, che consta di 14 emendamenti perché, annota Sergi, «né il rapporto di maggioranza, né quello di minoranza contestano il dogma del pareggio di bilancio figlio dell’ortodossia neoliberale imperante, e che il parlamento condivide. Nel rapporto del Ps si legge ancora una simmetria dei sacrifici, che non rimette in discussione l’obiettivo del riequilibrio dei conti e si muove sostanzialmente nella prospettiva fissata dalla legge sul freno all’indebitamento». Le nostre sono proposte, spiega ancora il coordinatore dell’Mps, «mirate alla volontà di ribadire le nostre priorità e segnalare ancora una volta la crisi sociale profonda che attraversa la società. E, di conseguenza, la necessità di opporvi un minimo di resistenza».

Le proposte

Una resistenza illustrata punto per punto, emendamento per emendamento, da Pronzini. «Innanzitutto chiediamo un versamento di un’indennità Covid di 6mila franchi, per un’occupazione al 100%, a tutto il personale socio-sanitario. Perché gli applausi di sicuro non bastano, ma nemmeno le briciole», rileva il deputato dell’Mps. Le altre proposte? «Vogliamo la copertura dei costi per eventuali deficit a seguito dell’apertura 24 ore su 24 in ogni ospedale Eoc dei servizi di Pronto soccorso, compreso l’Ospedale italiano». Ma non solo, perché l’elenco dell’Mps è lungo, e va dal potenziamento del personale occupato presso l’Ispettorato del lavoro all’introduzione di indennità cantonali di disoccupazione per coloro che hanno esaurito o che non hanno diritto alle indennità disoccupazione Ladi, dalla compensazione al rincaro dei salari del personale cantonale dell’1,5% all’aumento del personale responsabile di applicazione e sorveglianza sulla parità di genere». Inoltre, «vogliamo istituire un controllo cantonale in materia sanitaria e un credito per delle modifiche strutturali nelle case per anziani così da permettere ai residenti, anche in situazioni pandemiche come quella che stiamo vivendo, una vita sociale» annota Pronzini.

Finito? Macché. Perché il Movimento per il socialismo si concentra anche sulle questioni fiscali, «ragionando ovviamente all’opposto del resto del parlamento» annota sornione Sergi. E quindi avanti tutta per «l’abolizione dell’imposta forfettaria, per l’aumento del 20% dell’imposta sui redditi imponibili superiori ai 200mila franchi e al milione di franchi di sostanza e per l’aumento al 15% dell’imposta sull’utile delle imprese». Infine, l’Mps chiede un’ulteriore riduzione del numero massimo di allievi per classe nelle scuole d’infanzia ed elementari, di triplicare il numero di posti d’apprendistato nelle scuole professionali a tempo pieno e di triplicare il numero di posti d’apprendistato offerti dall’Amministrazione cantonale.

Durisch (Ps): ‘Ortodossia neoliberale? Ma figurarsi’

«Ma quale ortodossia neoliberale...». Rispedisce così le accuse al mittente il capogruppo del Partito socialista Ivo Durisch, relatore del rapporto di minoranza sul Preventivo, rapporto contestato dall’Mps come quello di maggioranza. «Noi proponiamo l’adeguamento del coefficiente cantonale al 100% come era fino a poco tempo fa, e parallelamente con varie iniziative parlamentari formuliamo le nostre proposte. Lavorando su entrate e uscite esattamente come l’Mps con questi emendamenti, ma seguendo un iter prettamente parlamentare con le proposte legate al nostro Piano di rilancio per il Ticino», sottolinea Durisch. Che, rimanendo al Preventivo, ricorda come «nel rapporto indichiamo tutto ciò che non deve più essere fatto, cioè gli sgravi fiscali, e confermiamo il nostro no al ‘decreto Morisoli’ che chiede di pareggiare i conti agendo sulle spese».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
emendamenti giuseppe sergi matteo pronzini mps preventivo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
44 min
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
1 ora
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
6 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
7 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
11 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
11 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
12 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
12 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
12 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
20 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved