laRegione
19.01.22 - 13:17
Aggiornamento: 19:51

Gpc, il governo designa Krizia Kono-Genini giudice supplente

Il Consiglio di Stato accoglie la richiesta dell’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi e dà luce verde al rinforzo temporaneo

gpc-il-governo-designa-krizia-kono-genini-giudice-supplente

Il Consiglio di Stato ha dato luce verde, nella seduta di stamattina, al rinforzo provvisorio per l’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi. Ha quindi designato quale giudice supplente temporaneo, fino al 31 marzo, Krizia Kono-Genini, avvocata e da oltre dieci anni segretaria giudiziaria in seno all’Ufficio dei gpc.

Era stata la stessa autorità giudiziaria a chiedere al governo un rinforzo e a proporre per questa funzione Kono-Genini. Dunque un giudice supplente sino all’entrata in carica del quarto giudice ordinario. Dopo aver potenziato, con decisione presa nella sessione del giugno 2021, l’Ufficio dei gpc, ripristinando di fatto l’organico dei magistrati di garanzia, che la manovra di risparmio del 2016 per risanare le casse cantonali aveva ridotto di un’unità, il Gran Consiglio lo scorso novembre ha eletto René Libotte (quarto) giudice dei provvedimenti coercitivi. Libotte sarà però operativo solo dal prossimo 1° aprile, tenuto conto dei termini di disdetta del precedente impiego, quello di procuratore pubblico del Canton Grigioni. Non solo: il 1° aprile il presidente dell’Ufficio dei gpc Maurizio Albisetti Bernasconi terminerà la propria attività nella giurisdizione cantonale, dopo che in dicembre l’Assemblea federale lo ha eletto giudice della Corte di appello del Tribunale penale federale. Insomma, “la posizione del quarto giudice rimarrebbe scoperta per i primi mesi del 2022”, avevano evidenziato i giudici dei provvedimenti coercitivi nella lettera inviata il 30 dicembre al direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Secondo i gpc, vi erano quindi i presupposti per l’applicazione dell’articolo 24 della Legge sull’organizzazione giudiziaria, in base al quale “in caso di vacanza di qualsiasi seggio giudiziario o d’impedimento di carattere durevole, il Consiglio di Stato può designare un supplente a ricoprire l’ufficio fino alla sostituzione o alla cessazione dell’impedimento”.

Il Consiglio di Stato non aveva perso tempo e, prima di procedere con la designazione del giudice supplente, aveva subito informato il parlamento della richiesta dell’Ufficio di gpc per un parere, dando così seguito a un invito formulato a suo tempo dal Gran Consiglio, autorità di nomina dei magistrati, quando vi è in ballo l’articolo 24 della Log. Sia la commissione ‘Giustizia e diritti’ sia l’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio avevano espresso preavviso favorevole alla designazione del supplente da parte del governo.

I giudici dei provvedimenti coercitivi sono chiamati, fra l’altro, a confermare o meno gli arresti e le carcerazioni di sicurezza ordinati dal Ministero pubblico, cantonale e della Confederazione, ad approvare o meno le richieste di proroga della detenzione preventiva, ad autorizzare o meno i controlli telefonici e la levata dei sigilli in relazione a documentazione sequestrata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
35 min
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
1 ora
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
5 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
7 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved