laRegione
gpc-il-governo-designa-krizia-kono-genini-giudice-supplente
19.01.22 - 13:17
Aggiornamento : 19:51

Gpc, il governo designa Krizia Kono-Genini giudice supplente

Il Consiglio di Stato accoglie la richiesta dell’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi e dà luce verde al rinforzo temporaneo

Il Consiglio di Stato ha dato luce verde, nella seduta di stamattina, al rinforzo provvisorio per l’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi. Ha quindi designato quale giudice supplente temporaneo, fino al 31 marzo, Krizia Kono-Genini, avvocata e da oltre dieci anni segretaria giudiziaria in seno all’Ufficio dei gpc.

Era stata la stessa autorità giudiziaria a chiedere al governo un rinforzo e a proporre per questa funzione Kono-Genini. Dunque un giudice supplente sino all’entrata in carica del quarto giudice ordinario. Dopo aver potenziato, con decisione presa nella sessione del giugno 2021, l’Ufficio dei gpc, ripristinando di fatto l’organico dei magistrati di garanzia, che la manovra di risparmio del 2016 per risanare le casse cantonali aveva ridotto di un’unità, il Gran Consiglio lo scorso novembre ha eletto René Libotte (quarto) giudice dei provvedimenti coercitivi. Libotte sarà però operativo solo dal prossimo 1° aprile, tenuto conto dei termini di disdetta del precedente impiego, quello di procuratore pubblico del Canton Grigioni. Non solo: il 1° aprile il presidente dell’Ufficio dei gpc Maurizio Albisetti Bernasconi terminerà la propria attività nella giurisdizione cantonale, dopo che in dicembre l’Assemblea federale lo ha eletto giudice della Corte di appello del Tribunale penale federale. Insomma, “la posizione del quarto giudice rimarrebbe scoperta per i primi mesi del 2022”, avevano evidenziato i giudici dei provvedimenti coercitivi nella lettera inviata il 30 dicembre al direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Secondo i gpc, vi erano quindi i presupposti per l’applicazione dell’articolo 24 della Legge sull’organizzazione giudiziaria, in base al quale “in caso di vacanza di qualsiasi seggio giudiziario o d’impedimento di carattere durevole, il Consiglio di Stato può designare un supplente a ricoprire l’ufficio fino alla sostituzione o alla cessazione dell’impedimento”.

Il Consiglio di Stato non aveva perso tempo e, prima di procedere con la designazione del giudice supplente, aveva subito informato il parlamento della richiesta dell’Ufficio di gpc per un parere, dando così seguito a un invito formulato a suo tempo dal Gran Consiglio, autorità di nomina dei magistrati, quando vi è in ballo l’articolo 24 della Log. Sia la commissione ‘Giustizia e diritti’ sia l’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio avevano espresso preavviso favorevole alla designazione del supplente da parte del governo.

I giudici dei provvedimenti coercitivi sono chiamati, fra l’altro, a confermare o meno gli arresti e le carcerazioni di sicurezza ordinati dal Ministero pubblico, cantonale e della Confederazione, ad approvare o meno le richieste di proroga della detenzione preventiva, ad autorizzare o meno i controlli telefonici e la levata dei sigilli in relazione a documentazione sequestrata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giudice supplente governo provvedimenti coercitivi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
7 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
13 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
13 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved