laRegione
30.08.21 - 18:53
Aggiornamento: 19:46

Una stagione vitivinicola compromessa in alcune zone

Maddalena: ‘Un’annata iniziata in ritardo e contraddistinta dal maltempo, ma ci sono anche delle note positive’

di Vittoria De Feo
una-stagione-vitivinicola-compromessa-in-alcune-zone
Ti-Press
La vendemmia è alle porte

«Bisognerà valutare a vendemmia ultimata, ma per alcune regioni si parla di perdite importanti che arrivano anche fino al 90 o addirittura al 100% della produzione». Questo il punto della situazione sull’annata viticola esposto in conferenza stampa a Cugnasco da Giuliano Maddalena, presidente cantonale di Federviti. 

La stagione vegetativa si è infatti avviata e sviluppata con un certo ritardo rispetto agli anni precedenti a causa di condizioni meteorologiche instabili e parzialmente sfavorevoli. Tant’è che la maturazione ottimale delle uve dovrebbe essere raggiunta con 10-15 giorni di ritardo. «Quest’anno, penso di non esagerare – prosegue Maddalena –, abbiamo avuto una stagione un po’ difficile. Oltre al ritardo, le abbondanti precipitazioni hanno fatto emergere qualche problema e, in alcune zone, le grandinate hanno causato danni anche importanti». Si pensi qui alla regione di Biasca, al Bellinzonese da Arbedo fino a Sant’Antonino, alle Terre di Pedemonte e alla bassa Vallemaggia, dove a partire da inizio luglio la stagione viticola è stata caratterizzata da forti piogge che hanno toccato dei livelli massimi, ma anche da cadute di grandine che hanno provocato localmente perdite di raccolto e fogliame. In queste aree lo stato fitosanitario delle piante e dei grappoli appare in effetti delicato. Nel Mendrisiotto invece, contrariamente a quanto si verificava spesso in passato, non vi sono state grandinate, ma importanti precipitazioni che hanno causato anche degli scoscendimenti, soprattutto nei vigneti terrazzati. Qui, come pure nel Luganese, in parte del Bellinzonese e nel Locarnese, l’annata sembra dunque essere relativamente positiva. Vi sono quindi delle chiare differenze regionali.

‘Qualità alta, ma interventi fitosanitari difficoltosi’

Il susseguirsi di giorni piovosi, variabili sul territorio per frequenza e intensità, ha poi reso impegnativa la pianificazione degli interventi fitosanitari: «Dato che questi prodotti richiedono di essere applicati in un lasso di tempo in cui non piove – spiega Maddalena –, è spesso risultato difficile trovare un momento in cui il trattamento potesse fare effetto e asciugarsi sulla superfice fogliare o sui grappoli. Questa complicanza ha probabilmente avuto delle ripercussioni, quali la segnalazione di alcuni focolai di peronospora e di oidio. Intanto, non ci sono però grosse indicazioni relative alla ‘Drosophila suzukii’, il famoso moscerino del ciliegio. Sarà da vedere nelle prossime settimane cosa succederà».

Nel settore, il mese di settembre è in effetti sempre determinante, ragione per cui le condizioni meteorologiche influenzeranno i risultati della vendemmia. A ogni modo, secondo Maddalena, riguardo alla qualità non ci sono dubbi. «Le uve che giungeranno in cantina saranno come sempre ottime, perché i viticoltori lavorano in modo estremamente professionale. Evidentemente, questa condizione si rifletterà anche sul livello del vino che verrà prodotto».

‘Un prezzo frutto della trattativa tra più enti’

E per quanto concerne i quantitativi e i prezzi concordati? «Quest’anno, per le uve di Merlot vinificate sotto la denominazione Ticino Doc, le cantine si sono impegnate a rispettare il limite di produzione di 840 grammi per metro quadrato e il relativo prezzo è stato fissato a quattro franchi per chilo. Noi come Federviti – precisa il presidente dell’associazione – avevamo chiesto di ripristinare la tabella del 2018, che partiva da un prezzo base di 4,15, ma come si sa, quando ci sono delle trattative tra vari enti, occorre trovare un compromesso e riteniamo che la soluzione trovata sia accettabile. Quello che speriamo, contrariamente a ciò che si è verificato l’anno scorso, è che le cantine seguano queste indicazioni giunte dall’Interprofessione della vite e del vino Ticino (Ivvt)».

‘Le reti antigrandine hanno permesso di limitare i danni’

Quest’anno la questione grandine e maltempo occupa indubbiamente un posto centrale nella discussione sulla resa delle vigne. Nel Bellinzonese e nella regione Tre Valli, dove la grandine ha colpito con forza a inizio luglio, i viticoltori hanno infatti perso fino al 90% del raccolto, ma le protezioni hanno permesso di limitarle dal 5 al 20-30%. E non si tratta di un caso isolato: «I danni più contenuti sono stati registrati laddove era stata installata la rete antigrandine – afferma Maddalena –, i più importanti al contrario hanno toccato chi non l’aveva. Comunque, la maggior parte dei produttori, tenuto conto di questi fenomeni atmosferici che si ripetono abbastanza frequentemente e che diventeranno una costante nei prossimi anni, si sono dotati di una rete. È vero, c’è un investimento in tempo e denaro, che però alla fine forse viene ripagato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
1 ora
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
1 ora
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
10 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
11 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
11 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
11 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
13 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
13 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
13 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
14 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved