laRegione
26.08.21 - 21:40

Speziali (Plr) contro il 'mercato elettorale' su faide e scienza

Il presidente liberale radicale: 'Il Paese ha bisogno di coesione per ripartire. La politica deve mediare, i partiti non sdoganino discorsi antiscientifici'

speziali-plr-contro-il-mercato-elettorale-su-faide-e-scienza
Ti-Press

«Il Paese ha bisogno di coesione per ripartire, non di nuove faide nelle quali è molto preoccupante che alcuni partiti vedano una sorta di mercato elettorale, e che quindi le alimentino. In questi ultimi tempi sta prendendo piede un discorso antiscientifico che è pericoloso, si insinua nella società e nella politica. Non va sdoganato». È composto il presidente del Plr Alessandro Speziali davanti al comitato cantonale liberale radicale, che è tornato a riunirsi stasera a Lugano dopo la pausa estiva, ma il concetto espresso è semplice e pacatamente belligerante: all’attacco.

‘Città e campagne non vanno messe in contrapposizione’

Sì, perché nel denunciare «le faide che si stanno creando, come quella tra città e campagna esplosa il Primo di agosto, o i fischi fragorosi a Lugano durante un discorso ufficiale, o quella tra scienza e chi nega le sue verità», Speziali traccia anche quella che per lui deve essere la linea: l’opposto. «La coesione deve essere l’insegna della ripartenza, sotto ogni aspetto». Partendo dalla contrapposizione tra città e campagna entrata nel dibattito con la bomba sganciata dal presidente nazionale dell’Udc Marco Chiesa il giorno della Festa nazionale: «Ho avvertito un tentativo di alimentare nuove faide, e mi è dispiaciuto veder tracciare una dicotomia tra città e campagna: non abbiamo alcun bisogno di instaurare una sorta di combattimento politico tra periferie e città, come in Ticino non abbiamo bisogno di mettere in competizione valli e città».

‘Ognuno è libero, ma non dalle conseguenze di un comportamento’

In questo momento della pandemia, dove invero «la coesione scricchiola», per il presidente del Plr è il momento invece di «comprendere che è la via maestra». Soprattutto guardando l’attualità, vale a dire le comunicazioni del Consiglio federale di ieri in merito all’obbligo di Covid pass per determinate attività ed eventi. «Anche qui si sta instaurando una nuova faida», rileva Speziali. E il Plr «deve dibatterne, perché si parla di libertà da prospettive diverse. Quella di non vaccinarsi, ma anche quella di non dover più subire restrizioni che hanno messo a repentaglio posti di lavoro, gambizzato il settore culturale e lo sport, danneggiato la salute dei giovani ed evidenziato lacune formative». Insomma, «come liberali dobbiamo battere il chiodo nel dibattito, evitando il combattimento tra chi si vaccina e chi non si vaccina. Ma dobbiamo dire chiaramente che ognuno è libero, ma non è libero dalle conseguenze di un comportamento».

‘La libertà è una questione etica, non solo economica’

Battere il chiodo nel dibattito, dice Speziali. Sì, perché «questi nuovi scenari che si aprono devono interessarci, perché non è solo una questione economica ma anche etica. E quando si parla di libertà, l’etica ha un ruolo da protagonista. Negli ultimi mesi abbiamo visto tutti cosa voglia dire limitare le libertà - prosegue il presidente liberale radicale - e solo grazie al federalismo, alla coesione abbiamo evitato di vedere rigurgiti sociali e ribellioni di piazza contro decisioni prese da governi come vediamo succede all’estero. Impariamo».

‘C'è chi sta minando ogni discorso scientifico’

Sempre rimanendo in ambito coronavirus, Speziali nel suo discorso avverte il proprio ‘parlamentino’ di «un grande pericolo» cui si sta andando incontro: «Anziché provare a sottolineare il ruolo della politica davanti alle indicazioni degli esperti e della scienza, c’è chi sta minando ogni discorso scientifico». Non è mai stato tenero Speziali nei confronti di un Consiglio federale, lo ha detto più volte nei mesi scorsi, troppo aderente alla task-force scientifica senza valutare a dovere tutti gli altri aspetti. Ma le critiche, spiega anticipando una possibile domanda o critica, «si dovevano al fatto che il ruolo della politica non era tematizzato a sufficienza. Quello che dobbiamo fare è prendere la verità scientifica e mediarla con altri discorsi che riguardano la società, come l’economia, i posti di lavoro, la cultura, lo sport, la normalità delle persone».

Per questo, ora come allora, «è meglio trovare una chiave generale per il benessere pubblico. Un conto è chiedere agli scienziati quali sono dati ed evidenze per poi far decidere la politica, un altro è minare quelle evidenze. Per noi liberali questo è un asse di riflessione importante, non vanno sdoganati ragionamenti antiscientifici. E ripeto: è preoccupante che alcune forze politiche vedano in questo un nuovo mercato elettorale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved