laRegione
05.08.21 - 17:30

Quadranti (Plr): 'Ffs, ritardi e soppressioni. Così non va'

Interrogazione del deputato liberale radicale al governo. Nel frattempo, le Ferrovie rispondono sui disagi degli ultimi giorni: 'Maltempo e cantieri'

quadranti-plr-ffs-ritardi-e-soppressioni-cosi-non-va
Ti-Press

“Treni soppressi senza sostituzione, ritardi ripetuti e duraturi, treni sovraccarichi anche in periodi di emergenza Covid, panne tecniche… la lista è lunga. Per questo si chiede al governo, trattandosi di qualità del trasporto pubblico, di voler intervenire presso le Ferrovie federali svizzere al fine di ottenere dati certi, oggettivi e giustificazioni”. Il deputato del Partito liberale radicale Matteo Quadranti - «davanti a questi continui disservizi», come spiega alla ‘Regione’ - non ci sta e interroga il Consiglio di Stato perché «in uno dei principali assi del transito ferroviario svizzero, il Mendrisiotto, pare essere tra i distretti ticinesi più penalizzati». Con una conseguenza non indifferente, annota il granconsigliere Plr: «I problemi che si verificano nel Mendrisiotto a cascata si riverberano anche sul Luganese e sul Bellinzonese, provocando disagi che mi sono stati segnalati da diversi utenti che non sono soddisfatti del servizio». Il distretto più a sud del cantone «è già una regione dimenticata da Alptransit, questi continui disagi ci penalizzano oltremisura» annota ancora un Quadranti che, quindi, passa all’azione.

Nell’interrogazione inoltrata oggi al Consiglio di Stato il deputato liberale radicale chiede, prendendo in esame gli ultimi sei mesi relativi alla tratta Chiasso-Arth Goldau e Arth Goldau - Chiasso, “di indicare quanti sono stati i treni, suddivisi in Eurocity, Intercity, regionali/Tilo soppressi, quali sono le motivazioni della soppressione e perché non sono stati sostituiti”. Motivazioni che vengono chieste, analoghe, anche per tutti i treni con ritardi superiori ai 15 minuti. Esaurito il capitolo ritardi, Quadranti chiede delucidazioni in merito alle panne tecniche all’origine dei problemi che hanno riguardato recentemente alcuni convogli e chiede al governo di attivarsi per scoprire “quali sono le maggiori problematiche presentatesi, se si sta facendo qualcosa per evitarle in futuro e dove vengono riparate queste panne”.

‘Non è il caso di rivedere la politica dei risarcimenti?’

In caso di soppressioni o ritardi, lapalissiano, si creano affollamenti su quelli che rimangono che magari si smaltiscono in diverso tempo riempiendo altri convogli. Quadranti quindi chiede “come si pongono le Ffs in relazione alle misure di protezione Covid e per quanto riguarda semplicemente la qualità del servizio”. Soppressioni o ritardi, va da sé, portano anche alla possibilità di chiedere un risarcimento. “Come in altri Paesi le Ffs risarciscono parzialmente e a determinate condizioni i passeggeri in casi di ritardo superiore a ben 60 minuti - scrive il deputato del Plr - mentre in Inghilterra già dai 30 minuti vi è il 50% di rimborso e dopo i 60 minuti o la perdita di coincidenze scatta il rimborso intero. Le Ffs non ritengono di dover rivedere la loro politica di risarcimento verso i passeggeri, ad esempio riducendo il minutaggio di ritardo che dà diritto al rimborso e incrementando l’entità del rimborso visti soprattutto i prezzi elevati a cui non corrisponde sempre un’elevata qualità?”.

Infine, Quadranti chiede se “per questi problemi vi siano responsabilità ad esempio dovute a treni in provenienza dall’Italia e se si sta facendo qualcosa con le Ferrovie di Stato italiane per evitarli, ridurle o se sono previste misure per garantire una pronta sostituzione dei treni”.

Le Ffs alla ‘Regione’: gli eventi più recenti sono uno slegato dall'altro, ecco le cause

Le risposte arriveranno. Intanto, abbiamo interpellato le Ffs in merito ai casi più recenti, vale a dire a ritardi e soppressioni di treni provenienti da sud verificatisi in questi ultimi giorni. Eventi che, nella risposta alle nostre domande, le Ffs spiegano essere “slegati l’uno dall’altro e in larga parte causati dal maltempo o da un importante cantiere che abbiamo nel Mendrisiotto”. Il servizio stampa delle Ferrovie ci fornisce anche una panoramica generale che parte dal “cantiere Balerna-Mendrisio con soppressione, programmata e comunicata con una nota stampa del 29 luglio, di alcuni Tilo S10 Mendrisio-Chiasso e Tilo RE80 Lugano-Chiasso: questo cantiere può generare ritardi di pochi minuti, solitamente riassorbiti durante il tragitto”. Ieri, il 4 agosto, “ci sono state due grandi perturbazioni legate ad allagamenti tra Varese e Gallarate e tra Como ed Albate-Camerlata; per questo motivo sono stati soppressi diversi treni. Questo fatto ha generato diversi ritardi”. Questa mattina l’EC 314, che a Lugano sarebbe dovuto partire alle 10:30 direzione nord, “ha maturato un ritardo superiore ai 30 minuti in Italia a causa di un guasto all’infrastruttura tra Seregno e Como; nello stesso guasto sono incappati anche due Tilo RE80”. Più in generale, conclude la risposta delle Ffs, “i treni EC per e dall’Italia subiscono ritardi fino a 30 minuti per i controlli Covid da parte delle autorità italiane. Le autorità svizzere e italiane sono da tempo in contatto per trovare una soluzione”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
8 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
9 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
10 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
11 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
11 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
15 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
17 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
17 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
17 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
© Regiopress, All rights reserved