laRegione
Salernitana
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Ajoie
3
Ambrì
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Zugo
1
Friborgo
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Zurigo
5
2. tempo
(0-1 : 1-4)
Lakers
4
Losanna
1
3. tempo
(2-0 : 2-0 : 0-1)
Ginevra
2
Lugano
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
quadranti-plr-ffs-ritardi-e-soppressioni-cosi-non-va
Ti-Press
Ticino
05.08.21 - 17:300

Quadranti (Plr): 'Ffs, ritardi e soppressioni. Così non va'

Interrogazione del deputato liberale radicale al governo. Nel frattempo, le Ferrovie rispondono sui disagi degli ultimi giorni: 'Maltempo e cantieri'

“Treni soppressi senza sostituzione, ritardi ripetuti e duraturi, treni sovraccarichi anche in periodi di emergenza Covid, panne tecniche… la lista è lunga. Per questo si chiede al governo, trattandosi di qualità del trasporto pubblico, di voler intervenire presso le Ferrovie federali svizzere al fine di ottenere dati certi, oggettivi e giustificazioni”. Il deputato del Partito liberale radicale Matteo Quadranti - «davanti a questi continui disservizi», come spiega alla ‘Regione’ - non ci sta e interroga il Consiglio di Stato perché «in uno dei principali assi del transito ferroviario svizzero, il Mendrisiotto, pare essere tra i distretti ticinesi più penalizzati». Con una conseguenza non indifferente, annota il granconsigliere Plr: «I problemi che si verificano nel Mendrisiotto a cascata si riverberano anche sul Luganese e sul Bellinzonese, provocando disagi che mi sono stati segnalati da diversi utenti che non sono soddisfatti del servizio». Il distretto più a sud del cantone «è già una regione dimenticata da Alptransit, questi continui disagi ci penalizzano oltremisura» annota ancora un Quadranti che, quindi, passa all’azione.

Nell’interrogazione inoltrata oggi al Consiglio di Stato il deputato liberale radicale chiede, prendendo in esame gli ultimi sei mesi relativi alla tratta Chiasso-Arth Goldau e Arth Goldau - Chiasso, “di indicare quanti sono stati i treni, suddivisi in Eurocity, Intercity, regionali/Tilo soppressi, quali sono le motivazioni della soppressione e perché non sono stati sostituiti”. Motivazioni che vengono chieste, analoghe, anche per tutti i treni con ritardi superiori ai 15 minuti. Esaurito il capitolo ritardi, Quadranti chiede delucidazioni in merito alle panne tecniche all’origine dei problemi che hanno riguardato recentemente alcuni convogli e chiede al governo di attivarsi per scoprire “quali sono le maggiori problematiche presentatesi, se si sta facendo qualcosa per evitarle in futuro e dove vengono riparate queste panne”.

‘Non è il caso di rivedere la politica dei risarcimenti?’

In caso di soppressioni o ritardi, lapalissiano, si creano affollamenti su quelli che rimangono che magari si smaltiscono in diverso tempo riempiendo altri convogli. Quadranti quindi chiede “come si pongono le Ffs in relazione alle misure di protezione Covid e per quanto riguarda semplicemente la qualità del servizio”. Soppressioni o ritardi, va da sé, portano anche alla possibilità di chiedere un risarcimento. “Come in altri Paesi le Ffs risarciscono parzialmente e a determinate condizioni i passeggeri in casi di ritardo superiore a ben 60 minuti - scrive il deputato del Plr - mentre in Inghilterra già dai 30 minuti vi è il 50% di rimborso e dopo i 60 minuti o la perdita di coincidenze scatta il rimborso intero. Le Ffs non ritengono di dover rivedere la loro politica di risarcimento verso i passeggeri, ad esempio riducendo il minutaggio di ritardo che dà diritto al rimborso e incrementando l’entità del rimborso visti soprattutto i prezzi elevati a cui non corrisponde sempre un’elevata qualità?”.

Infine, Quadranti chiede se “per questi problemi vi siano responsabilità ad esempio dovute a treni in provenienza dall’Italia e se si sta facendo qualcosa con le Ferrovie di Stato italiane per evitarli, ridurle o se sono previste misure per garantire una pronta sostituzione dei treni”.

Le Ffs alla ‘Regione’: gli eventi più recenti sono uno slegato dall'altro, ecco le cause

Le risposte arriveranno. Intanto, abbiamo interpellato le Ffs in merito ai casi più recenti, vale a dire a ritardi e soppressioni di treni provenienti da sud verificatisi in questi ultimi giorni. Eventi che, nella risposta alle nostre domande, le Ffs spiegano essere “slegati l’uno dall’altro e in larga parte causati dal maltempo o da un importante cantiere che abbiamo nel Mendrisiotto”. Il servizio stampa delle Ferrovie ci fornisce anche una panoramica generale che parte dal “cantiere Balerna-Mendrisio con soppressione, programmata e comunicata con una nota stampa del 29 luglio, di alcuni Tilo S10 Mendrisio-Chiasso e Tilo RE80 Lugano-Chiasso: questo cantiere può generare ritardi di pochi minuti, solitamente riassorbiti durante il tragitto”. Ieri, il 4 agosto, “ci sono state due grandi perturbazioni legate ad allagamenti tra Varese e Gallarate e tra Como ed Albate-Camerlata; per questo motivo sono stati soppressi diversi treni. Questo fatto ha generato diversi ritardi”. Questa mattina l’EC 314, che a Lugano sarebbe dovuto partire alle 10:30 direzione nord, “ha maturato un ritardo superiore ai 30 minuti in Italia a causa di un guasto all’infrastruttura tra Seregno e Como; nello stesso guasto sono incappati anche due Tilo RE80”. Più in generale, conclude la risposta delle Ffs, “i treni EC per e dall’Italia subiscono ritardi fino a 30 minuti per i controlli Covid da parte delle autorità italiane. Le autorità svizzere e italiane sono da tempo in contatto per trovare una soluzione”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘Imponimento’, chieste condanne per 630 anni complessivi
La proposta è stata avanzata dal procuratore aggiunto e dai due sostituti della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro
Luganese
6 ore
Party illegale al Parco Saroli: interviene la polizia
Oltre un centinaio di giovani si è riunito stanotte per fare festa. Secondo uno di loro, gli agenti avrebbero fatto uso di pallottole di gomma e spray al pepe
Ticino
8 ore
Eitan e il nonno controllati a Lugano? La polizia nega
Shmuel Peleg e il nipote, accompagnati da un misterioso autista, non sarebbero stati fermati prima di giungere all’aeroporto
Locarnese
16 ore
Cannabis, ‘la Svizzera guarda avanti ma il Ticino è fermo’
Il punto con Sergio Regazzoni, coordinatore dell’Associazione cannabis ricreativa. Intanto a Cugnasco-Gerra arrivano 206 firme ‘anti-puzza’ da coltivazione outdoor
Mendrisiotto
16 ore
Salta l’accordo fra Chiasso e Balerna sulle case anziani
Balerna abbandona il progetto di creare un ente autonomo con i vicini. Ma Chiasso è deciso a centrare l’obiettivo, ma in solitaria
Luganese
16 ore
Piscina di Savosa, scatti sott’acqua a caccia della luce
Quattro ballerine, una macchina fotografica e, sullo sfondo, luoghi della cultura: sono gli ingredienti di ’Fluttuazioni Divine’ di Franco Taranto
Ticino
1 gior
La destinazione Ticino è piaciuta anche con la pandemia
Uno studio dell’Università di San Gallo ha fatto emergere il valore turistico del territorio. Attività all’aperto e aree verdi, gli atout su cui puntare
Mendrisiotto
1 gior
Masseria di Vigino, il Cantone assicura la tutela del bene
L’interesse c’è. E anche la disponibilità a cedere il complesso a potenziali promotori (con tanto di sussidi). Purché il progetto sia rispettoso
Luganese
1 gior
Lugano, un pic-nic per sensibilizzare contro il Covid Pass
Si è svolta nella calma l’azione spontanea di protesta in centro città contro le discriminanti disposizioni decise dal Consiglio federale.
Bellinzonese
1 gior
Lumino, il prezzo del nubifragio ammonta a oltre un milione
Il Municipio chiede due crediti per coprire gli interventi già sostenuti e preventivati. Con i sussidi cantonali, l’onere netto per il Comune sarà di 360mila franchi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile