laRegione
laR
 
04.08.21 - 17:21
Aggiornamento: 19:00

Turismo, in Ticino oltre le aspettative e il Covid

Le prenotazioni per agosto stanno resistendo al maltempo. Pianezzi (HotellerieSuisse): ‘Ora serve consolidare la domanda interna’

di Generoso Chiaradonna
turismo-in-ticino-oltre-le-aspettative-e-il-covid
Ti-Press
La pioggia non aiuta, ma ancora non scoraggia

Il tempo meteorologico è decisamente quello autunnale, ma il clima nel settore turistico ticinese è decisamente euforico sia per quanto riguarda i dati semestrali dei pernottamenti, sia per quanto riguarda le prospettive per le prossime settimane. «Nonostante la pioggia e il clima già autunnale, non abbiamo registrato grandi disdette. L’occupazione da qui a metà agosto è pari al 90% per molte strutture e per alcune è addirittura del 100%», afferma Lorenzo Pianezzi, presidente della sezione ticinese di HotellerieSuisse. La destinazione Ticino è stata quella più gettonata rispetto ai dati nazionali – ancora in affanno rispetto a due anni – tanto che per i primi sei mesi dell’anno si è registrato un +173% (a 1,2 milioni) di pernottamenti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e un +27% rispetto al primo semestre 2019, l’anno prima della pandemia. «Siamo di fronte a risultati eccezionali ancora dopati dall’effetto Covid, ma che fanno ben sperare per consolidare e fidelizzare parte dei nuovi ospiti che magari hanno visitato il Ticino per la prima volta», continua Pianezzi che saluta positivamente la strategia di TicinoTurismo e del Dfe (Vivi il tuo Ticino, ndr) di tentare di prolungare il più possibile la stagione. «Destagionalizzare, magari anticipando anche la primavera, vuol dire anche mantenere gli alberghi aperti più a lungo con beneficio per il mercato del lavoro». «È quindi importante oltre a valorizzare le attrazioni che ci sono – penso alle strutture balneari al coperto – anche pensare ad altri eventi culturali di richiamo», continua il presidente di HotellerieSuisse. «Ma questa è musica per il dopo pandemia».

La domanda turistica, infatti, è stata sostenuta in particolare dal mercato interno essendosi quella estera più che dimezzata (-55% a livello nazionale, ndr) per le note difficoltà a viaggiare. Tra Covid pass e restrizioni sanitarie varie la voglia di vacanza all’estero – per tutti – è stata più che scoraggiata. Stando ai dati diffusi ieri dall’Ufficio federale di statistica (Ust) nel periodo gennaio–giugno nella Confederazione sono stati registrati 11,4 milioni di pernottamenti. Vi è stato un aumento del 14% rispetto allo stesso periodo del 2020, ma il dato è ancora ben lontano dai 18,8 milioni osservati nel primo semestre 2019: la flessione è del 39 per cento.

Le difficoltà di reclutamento di personale segnalate a inizio stagione dalla ristorazione sono state invece meno percepite dal settore alberghiero. «Di più nel primo lockdown del 2020, quando anche il nostro settore ha chiuso per due mesi. Molti lavoratori, soprattutto gli stagionali, avevano trovato impiego altrove. Durante lo scorso autunno e inverno invece abbiamo potuto tenere aperto e quindi abbiamo mantenuto anche i livelli occupazionali praticamente inalterati», conferma Pianezzi. 

Campeggi bagnati, ma ancora ben frequentati

Stagione da incorniciare anche per i campeggi. «Fino alla fine di giugno abbiamo avuto dati straordinari che sono andati addirittura al di sopra di quelli per gli alberghi. Non abbiamo ancora i dati di luglio, ma la percezione è che nonostante la meteo avversa si è riusciti a contenere le partenze e gli ospiti sono rimasti lo stesso anche se hanno avuto una vacanza un po’ meno bella», conferma Simone Patelli, presidente dell’associazione Campeggi Ticino. 

E questo inizio di agosto ‘autunnale’ rischia di compromettere i risultati raggiunti? «È presto per dirlo. Non credo che ciò avverrà visto che abbiamo un bel margine. La stagione, anche se meteorologicamente non sembra, non è ancora finita. Abbiamo ancora davanti oltre ad agosto ancora settembre e ottobre. Se guardo ai numeri eccezionali dello scorso anno per questo periodo, resto ancora ottimista. Speriamo che la meteo almeno si stabilizzi. Il campeggiatore è un turista particolare che mette in conto di trovare un po’ di pioggia e non si scoraggia facilmente», aggiunge ancora Patelli. «Dipende dalle strutture, ma quelle più attrezzate offrono alternative anche con il brutto tempo. Inoltre il territorio offre anche impianti balneari al chiuso molto frequentati in questo periodo», conclude Patelli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
14 min
Bertoli sull’arresto del direttore: ’Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
1 ora
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17.
video
Locarnese
1 ora
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti.
Luganese
2 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
4 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
6 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
6 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
8 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
8 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
17 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved