laRegione
20.06.21 - 14:59
Aggiornamento: 15:45

Impiegati impoveriti, Ocst chiede nuove regole

Si propongono contratti collettivi per migliorare la situazione di professioni sempre più minacciate dal dumping salariale

impiegati-impoveriti-ocst-chiede-nuove-regole
(Depositphotos)

Contratti collettivi per combattere la piaga del dumping nel terziario impiegatizio. Questa la proposta dell’Organizzazione cristiano-sociale ticinese (Ocst) che si rivolge ai datori di lavoro per aprire una nuova fase di confronto. In un comunicato, il sindacato ricorda che “il terziario impiegatizio è tradizionalmente la professione di sbocco più frequente per le lavoratrici e i lavoratori residenti”, ma ultimamente “abbiamo assistito a un costante deterioramento dei salari in tutte le multiformi aree di impegno delle impiegate e degli impiegati e, parallelamente, a un aumento costante del numero di lavoratrici e lavoratori frontalieri che occupano posizioni in questo ambito. Questa tendenza non è certo arretrata nell’era Covid, come dimostrano recenti dati della Seco e degli Uffici di statistica.”

L’Ocst stigmatizza la discriminazione salariale subita dai frontalieri, che trascina verso il basso anche i salari dei residenti. “Un unicum ticinese”, la cui denuncia ha portato all’introduzione dei Contratti normali di lavoro (Cnl: 23 in Ticino, “record assoluto in Svizzera”). Soluzioni che però per Ocst non sono sufficienti a escludere soprusi. I Cnl infatti “hanno lo scopo di arginare il dumping salariale e permettere ai partner sociali di sedersi a un tavolo e trattare in merito all’introduzione di un Contratto collettivo di lavoro (Ccl) di categoria. Se per quel che concerne i salari minimi l’effetto è stato concreto e con dei minimi salariali vincolanti per tutte le aziende, per contro purtroppo non ci sono state le condizioni per discutere dei Ccl che potessero salvaguardare tutti i dipendenti di questi settori professionali”.

La soluzione proposta: “L’istituzione di un contratto collettivo di categoria, decretato di obbligatorietà generale, che imponga dei salari minimi, e che, in questo modo, riporti su un terreno di equità le condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori, ma anche di concorrenza leale tra le imprese”. Il tutto tramite un approccio a due marce: introducendo Ccl dove ancora non ci sono e migliorando quelli già esistenti con l’inclusione di condizioni specifiche per gli impiegati. L’Ocst “chiede quindi alle associazioni dei datori di lavoro di accettare di partecipare a una discussione costruttiva”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
2 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
3 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
3 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
4 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
4 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
5 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
5 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
6 ore
Incidente sulla A2, code in direzione sud
Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Luganese
7 ore
Inserimento professionale, Lugano tira le somme
Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
© Regiopress, All rights reserved