laRegione
laR
 
25.05.21 - 18:34
Aggiornamento: 19:21

Tamponi per l'estero, boom in farmacia: 'Sempre più richieste'

Il portavoce dell'Ordine dei farmacisti Tamò: 'Ogni posto disponibile viene preso in poco tempo. Più ci si avvicina al weekend più son gettonati e si fatica'

tamponi-per-l-estero-boom-in-farmacia-sempre-piu-richieste
Ti-Press

«Scusi, può richiamare nel pomeriggio che al momento siamo impegnatissimi?». La risposta che ci dà il portavoce dell’Ordine dei farmacisti ticinesi Federico Tamò quando lo cerchiamo verso le 12 per chiedergli come sta andando con la gestione del boom di richieste di tamponi antigenici per andare all’estero - leggasi, in Italia - parla da sola. E quando nel primo pomeriggio riusciamo a raggiungerlo in un momento di pausa nella sua farmacia di Bellinzona ce lo conferma: «Sono giorni intensi. La richiesta di tamponi sta aumentando ogni giorno in modo esponenziale, e sicuramente tutte le farmacie stanno cercando di aumentare le proprie capacità». Aumenti che, rileva Tamò, «non si possono decidere da un giorno all’altro, ci vuole più tempo per organizzarsi. Ma ci siamo. Dall’anno scorso, dall’arrivo della pandemia - continua il portavoce dell’Ordine dei farmacisti - abbiamo cominciato ad aumentare il personale della farmacia. Questo per essere al riparo da eventuali quarantene e pronti alle richieste in arrivo. Adesso, per tutto quello che riguarda il drive-in dei tamponi, ci stiamo affidando a infermieri, personale di studi medici, personale sanitario che si mette a disposizioni».

‘Buona la collaborazione con gli infermieri’

Non solo la sua farmacia sta procedendo in questa direzione, ma molte, moltissime altre: «Partiamo dal fatto che con le risorse normali è impossibile far fronte a tutta questa domanda. Quando tutti vogliono la stessa cosa allo stesso momento non si può far altro che cercare soluzioni agili, e la collaborazione con gli infermieri è ottima - annota Tamò -. L’unico modo per uscirne è, a livello sanitario, metterci tutti insieme e trovare soluzioni da proporre alla popolazione. Stiamo avendo buoni risultati, e il nostro auspicio è che questa collaborazione vada avanti anche in futuro, e su altri progetti».

‘Ogni disponibilità viene riservata’

La domanda di tamponi cresce esponenzialmente, e quando si pensa alla stagione estiva in arrivo e alle regole che, prima del Green pass europeo, ogni Stato sta decidendo per gli ingressi dentro i propri confini viene da chiedersi anche quanto sia sostenibile per le farmacie questo sforzo e se si riesca, davvero, a far fronte alla richiesta. «Bella domanda», sospira Tamò in risposta. E aggiunge: «Adesso ogni disponibilità che viene messa fuori dalle farmacie viene presa. Ne creiamo di nuove ogni giorno, e vengono subito prenotate. Oggi verso mezzogiorno era ancora possibile riservare un tampone per il pomeriggio, abbiamo ancora qualche posto per giovedì, ma è chiaro che andando verso il fine settimana la situazione diventa molto più complessa essendo quelli più gettonati. Non siamo ancora al tutto esaurito nell’arco dei sette giorni, si riesce ancora a trovare qualche buco, ma è chiaro che occorre flessibilità. Quello che posso garantire è che le farmacie si stanno impegnando molto per offrire il servizio a più persone possibile». 

‘È importante sia riconosciuto anche l'essersi vaccinati o l'aver contratto il virus da meno di sei mesi’

Al Green pass europeo guarda con fiducia anche Tamò, quando ricorda che «nelle prossime settimane non saranno solo i tamponi a essere riconosciuti, ma è importante che lo siano anche le vaccinazioni e lo status di chi ha contratto il virus da meno di sei mesi. Questo dovrebbe compensare un po’ la richiesta di tamponi». Chiaro, per arrivare a questa situazione «ci vuole un po’ di clinica. Gli studi sui vaccini sono stati fatti principalmente sulla riduzione della mortalità e delle patologie gravi, tutti gli altri dati stanno arrivando adesso. Ci vuole del tempo, ma quelli finora giunti sono tutti positivi. Quando saranno sufficientemente robusti la speranza è che potranno essere cambiate anche le direttive».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
3 ore
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
3 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
4 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
5 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
5 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
5 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: ‘Mi piange il cuore’
Ticino
8 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
10 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
10 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved