laRegione
l-immobiliare-e-andato-meglio-delle-attese
Archivio Ti-Press
Domanda di immobili residenziali ancora elevata
laR
 
09.04.21 - 05:30

L’immobiliare è andato meglio delle attese

L’anno scorso le transazioni sono aumentate del 4,5% rispetto al 2019. La paura dell’inflazione sta però spingendo al rialzo i tassi ipotecari

Nonostante i timori generati dalla pandemia di coronavirus, il mercato immobiliare ticinese ha retto. Anzi, ha fatto segnare un aumento delle transazioni del +4,5% rispetto al 2019. È il dato che emerge dalla statistica delle transazioni immobiliari dell’Ustat ripreso da Brülhart & Partners. Eppure la prima parte dell’anno ha fatto temere per la tenuta del settore facendo registrare un calo del -8,9% delle compravendite rispetto allo stesso periodo del 2019. Da giugno a dicembre, con il ritorno alla normalità dopo il periodo di lockdown, si è invece assistito a una ripresa progressiva che ha determinato una variazione del +17,8% rispetto all’anno precedente.

E sul fronte dei prezzi? Stessa dinamica. Nonostante l’iniziale calo delle transazioni, i valori nominali degli oggetti transati non si sono discostati in maniera significativa. Nell’ultima parte dell’anno, segnala Brülhart nella ricerca di mercato, i prezzi sono cresciuti del +8,5%. Un dato che conferma che anche nel 2020 la domanda di immobili è restata alta facendo aumentare i prezzi soprattutto nel segmento residenziale. In calo invece la domanda degli appartamenti in affitto. La pandemia di coronavirus, invece, ha avuto un ruolo nel cambiamento della domanda: si ricercano superfici maggiori e l’accesso agli spazi verdi. Anche l’home office, notano gli esperti di Brülhart, sta spingendo la domanda in periferia verso zone che presentano un livello di prezzi più accessibile se confrontato con i centri urbani.

Sul fronte dell’offerta residenziale, considerando l’elevato numero di nuove costruzioni recentemente terminate di cantieri ancora in corso, gli effetti del rallentamento dell’attività edilizia si stanno verificando più lentamente in Ticino rispetto al resto della Svizzera dove il calo delle domande di costruzione ha registrato un -10% per gli appartamenti e -3,2% pre le case di unifamiliari. Il numero di licenze edilizie ha subito una diminuzione del -2,9% per gli appartamenti di proprietà e -0,8% per le case unifamiliari, rispetto all’intero 2019.

Timori dell’inflazione e l’incognita tassi ipotecari

I tassi ipotecari rimangono a livelli storicamente bassi, ma si incominciano a percepire segnali di inversione di tendenza. Lo registra il barometro Ipoteche di Comparis per il primo trimestre. All’inizio dell’anno i tassi indicativi per i mutui a dieci anni erano appena superiori all’1%, per poi attestarsi all’1,21% a fine marzo. Livelli così alti, scrivono gli esperti di Comparis, non si vedevano da più di un anno. Nel primo trimestre del 2020, spinti dallo shock del coronavirus i tassi ipotecari erano saliti all’1,19%. Meno forte è stato l’aumento dei tassi indicativi per le ipoteche a cinque e a due anni (0,92% e 0,86%) che sono ancora inferiori ai livelli del primo trimestre 2020.

La fine probabile della pandemia di Covid-19 sta alimentando le aspettative di un boom economico globale, spiegano gli esperti di Comparis. Il rovescio della medaglia è che inizia a farsi sentire la paura dell’inflazione con il conseguente aumento dei tassi sul mercato dei capitali. Se questi ultimi aumentano, spingono al rialzo anche i costi di rifinanziamento delle ipoteche.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
prezzi tassi ipotecari transazioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
3 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
3 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
3 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
4 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
4 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
4 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
4 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
5 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
6 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
6 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved