laRegione
09.12.20 - 06:00
Aggiornamento: 10.12.20 - 13:33

Non abbandonate i nuclei

La recente sfida a livello energetico è quella di ammodernare gli edifici più vecchi del centro paese

non-abbandonate-i-nuclei
ti-press

Quello dei nuclei è un cuore che, anche se debolmente, pulsa ancora. Spesso abbandonati a causa di costi troppo alti di ristrutturazione o a favore di residenze più recenti, gli edifici, che fino a qualche decennio fa erano il centro vitale dei comuni ticinesi, rimangono energeticamente poco efficienti e anche per questo sempre più disabitati. Il programma del Consiglio federale SvizzeraEnergia propone dunque diverse misure ai comuni, che possono ottenere il label di Città dell'energia. Riguardo alla tematica dei nuclei, verrà proposto un evento online giovedì.

Secondo i dati dell'associazione, gli edifici sono responsabili della metà delle emissioni di Co2 e quindi i nuclei non possono essere dimenticati nell'obiettivo del Consiglio federale che punta ad emissioni con un saldo netto pari a zero entro il 2050. Attualmente 29 comuni, che racchiudono il 64% della popolazione del cantone, hanno la certificazione ‘Città dell'energia’. Nella Confederazione il totale è di 700.

«Le Città dell’energia non sono perfette, ma si tratta piuttosto di comuni che a vari livelli e in base alla loro situazione si impegnano in modo continuo, sistematico e strutturato per un miglioramento a livello energetico (aumento dell’efficienza energetica, riduzione degli sprechi, aumento della quota parte di energie rinnovabili) e climatico (riduzione delle emissioni di gas serra / adattamento ai cambiamenti climatici), in sintonia con gli obiettivi della Confederazione», ci spiega Claudio Caccia, responsabile regionale di ‘SvizzeraEnergia per i comuni’. In queste manovre rientrano anche le parti più datate dei paesi e delle città: «Dal punto di vista dell'ecologia, la maggior parte dei nuclei sono ben fatti, perché sfruttano molto bene il terreno, dato che le costruzioni sono una vicino all'altra. Inoltre un tempo si scaldavano solo alcune stanze», continua Caccia. Le esigenze di comfort sono però cambiate negli anni e risanare determinati edifici non è semplice: «A volte mancano proprio gli spazi fisici per mettere un cappotto d'isolamento termico. Come pure i pannelli solari non sempre sono la soluzione migliore per una casa col tetto piccolo o dove arriva poco sole». A causa delle varie difficoltà è dunque importante per l'associazione dare gli stimoli e i consigli giusti ai proprietari per evitare che gli edifici dei centri storici vengano abbandonati.

Lo spopolamento dei nuclei ha anche un impatto economico importante nei confronti dei piccoli commerci presenti nella zona, che perdono via via sempre più clientela. «Ammodernare questi edifici vuol dire dare valore ai centri storici, offrendo delle case che posseggono gli standard abitativi attuali, sia dal punto di vista energetico che di comfort», ricorda Caccia che parla anche dell'aspetto paesaggistico: «Abbiamo deciso di coinvolgere anche chi si occupa di pianificazione del territorio perché i centri storici sono anche dei beni culturali e bisogna riuscire a trovare dei compromessi per avere delle soluzioni che rendano la struttura energeticamente efficiente, senza che perda la sua forma e unicità».

In Ticino alcuni proprietari di stabili hanno già realizzato degli importanti ammodernamenti, ma secondo ‘SvizzeraEnergia per i Comuni’, ”per una riqualifica in larga scala è indispensabile che i Comuni e le Città assumano un ruolo attivo e di primo piano – si legge nel comunicato –. Lo si nota ad esempio nei progetti di teleriscaldamento come quello recente di Airolo, in cui la soluzione più razionale per approvvigionare con calore prodotto con energia rinnovabile gli edifici situati nel nucleo è stata quella di realizzare ex-novo una centrale termica di quartiere”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
3 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
6 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
6 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
6 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
11 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
15 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
16 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
16 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved