laRegione
molestie-in-rsi-malandazzo-da-anni
TI-PRESS
Ticino
23.11.20 - 18:500
Aggiornamento : 19:50

Molestie in Rsi: malandazzo da anni

L’azienda radiotelevisiva collaborerà con il sindacato Ssm per «perfezionare ulteriormente gli strumenti esistenti»

«Si tratta di episodi avvenuti negli ultimi due o tre anni», afferma Rolando Lepori, co-segretario della Ssm del cantone, riferendosi ai trenta casi di molestie e mobbing presso la Rsi, segnalati alla sezione ticinese del Sindacato svizzero dei mass-media (Ssm). Dopo lo scandalo alla Rts (la radiotelevisione svizzera di lingua francese) anche la Rsi finisce nel ciclone delle molestie sul lavoro. Il 6 novembre la Ssm ha pubblicato sul proprio sito un link dedicato alle lavoratrici e ai lavoratori dell’azienda ticinese, da lì sono fioccate le segnalazioni: «La metà riguardano mobbing e metà molestie, comprese quelle sessuali e frasi o gesti lesivi nei confronti della personalità», e aggiunge che la maggior parte delle vittime sono donne, mentre i presunti autori sono principalmente uomini. «Si tratta di trenta situazioni e le segnalazioni sono di due tipologie – illustra –: Una persona che ne segnala un’altra o un gruppo che insieme indica il presunto responsabile del mobbing». Le vessazioni spesso durano per molto tempo come nel caso del bossing, cioè quando «il superiore mette sotto pressione un collaboratore per farlo andare via o farlo crollare», spiega Lepori.

Una situazione nuova alla Rsi? Secondo Lepori negli anni ci sono state poche segnalazioni. E i casi con un seguito legale o extragiudiziale molto rari: «Si trattava di episodi sporadici di lavoratori e lavoratrici e che volevano per lo più sfogarsi per una situazione indesiderata». La Ssm Ticino prenderà contatto con le persone interessate e chiederà un incontro alla direzione dell’emittente che si è già detta disponibile: «La Rsi agirà di concerto con Ssm, sezione Ticino, perfezionando ulteriormente gli strumenti esistenti, affinché ogni singolo caso possa essere affrontato e risolto col massimo rigore», comunica l’ufficio stampa che puntualizza: «La direzione è fermamente decisa a continuare a garantire a collaboratrici e collaboratori la più ampia protezione di fronte a ogni forma di abuso e da tempo mette loro a disposizione vari canali, anche anonimi, per indicare e denunciare episodi di abuso».

Voci che girano

«È un tema di cui in passato abbiamo sentito parlare, ma su cui non avevamo elementi o segnalazioni per intervenire in alcun modo», dice Nicola Morellato, segretario regionale del sindacato Syndicom riguardo alle segnalazioni di abusi presso la Rsi. «Sono situazioni molto difficili perché nessuno si è mai fatto avanti nei nostri confronti con documentazioni o altro materiale. Inoltre non abbiamo un contatto diretto con la direzione dato che non siamo il sindacato firmatario del contratto collettivo». Syndicom si è comunque messa a disposizione di Ssm qualora fosse richiesto sostegno.

La Società svizzera di radio televisione (Ssr), di cui fanno parte sia Rts che Rsi, ha comunicato all’Ats di essere a conoscenza delle segnalazioni ricevute e di essere in contatto con le parti sociali. «I casi segnalati alla Ssm verranno esaminati e comunicati dopo aver effettuato i chiarimenti necessari», conclude Ssr. Per quanto riguarda l’unità Srf di lingua tedesca, l’Ssm ha dichiarato di collaborare con la prima per definire il processo di gestione di eventuali segnalazioni di molestie.

TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
35 min
Scuola montana di Balerna: 'Si scarica sulle famiglie'
Interpellanza al Consiglio di Stato sulla decisione della scuola media di organizzare l'appuntamento invernale a Bosco Gurin in tempi di coronavirus
Bellinzonese
3 ore
Cadenazzo, intossicati tre dipendenti del centro della Posta
In corso le verifiche per accertare la cause dei malori accusati da tre persone nel frattempo trasportate all'ospedale. Lo stabile è stato evacuato.
Bellinzonese
3 ore
A Bellinzona due ore in più il sabato per tagliare l'erba
In pubblicazione, con alcune modifiche, la nuova Ordinanza comunale sulla repressione dei rumori molesti: cosa cambia dal giardinaggio ai cantieri edili
Ticino
6 ore
Altre dieci persone perdono la vita per il Covid
Sono 108 i nuovi casi nelle ultime 24 ore, mentre altri 14 pazienti sono stati ricoverati, per un totale di 291 degenti
Ticino
10 ore
Come sardine sui mezzi pubblici
Ogni mattina su alcune linee di bus e treni le persone viaggiano ammassate. Autopostale: ‘Non ci risulta’
Bellinzonese
10 ore
Trattative avviate per una piscina pubblica ad Acquarossa
Il sindaco Odis De Leoni: ‘Sarebbe sufficiente dai tre Comuni di valle un contributo totale di 1,5 milioni’. Serravalle e Blenio chiedono però dettagli
Luganese
17 ore
Lugano, Berna promuove il Polo sociale
Molino Nuovo, la Fondazione Vanoni ridimensiona il progetto del 2012: il costo stimato cala da 64 a 53 milioni. Atteso il messaggio governativo
Ticino
18 ore
Quadranti (Plr): 'Divisione giustizia, perché questo concorso?'
Viene contestato il bando apparso sul Foglio ufficiale, a un anno di distanza da una procedura tortuosa per un altro posto. Ma il discorso è molto più ampio
Ticino
20 ore
Magistratura, corsa a tre per il dopo Siro Quadri
Pretura di Vallemaggia, tre i candidati: Manuel Bergamelli, Brenno Martignoni Polti e Petra Vanoni. La 'Giustizia e diritti' li ha sentiti di recente
Bellinzonese
20 ore
L'azzardo si sposta online, sempre più giovani
L’allarme dal gruppo di prevenzione con sede a Bellinzona. Scende l’età dei giocatori.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile