laRegione
14.10.20 - 19:51

'Sulle case per anziani, monitoriamo la situazione'

Il medico cantonale Giorgio Merlani non esclude di principio una stretta sulle residenze per la terza età in caso di evoluzione negativa dei contagi da Covid

di Generoso Chiaradonna
sulle-case-per-anziani-monitoriamo-la-situazione
Il dottor Giorgio Merlani (archivio Ti-Press)

L'epidemia di coronavirus continua il suo decorso. I dati a livello nazionale e cantonale indicano una chiara tendenza al rialzo. Il pensiero corre alle case per anziani dove negli scorsi mesi si sono registrati 150 decessi sui 351 totali registrati in Ticino. Abbiamo chiesto al dottor Giorgio Merlani, medico cantonale, se all'orizzonte è ipotizzabile una nuova stretta sulle residenze per anziani. «Stiamo valutando con attenzione la situazione epidemiologica e se del caso interverremo», spiega il dottor Merlani. «È vero che negli scorsi mesi si è imparato molto e si è molto più attenti, però è pacifico che se la situazione dovesse peggiorare magari non si arriverà a una chiusura ermetica delle case per anziani, ma la direttiva potrebbe essere adattata. Sarebbe temerario non farlo di principio», aggiunge il medico cantonale che precisa che «l'obiettivo è sempre quello di trovare un equilibrio tra la protezione delle persone più fragili e la libertà e gioia di vivere degli anziani».

Alla luce dell'aumento dei contagi in vari ambiti della società (scuole, famiglia, sport) è ipotizzabile che l'uso della mascherina diventi obbligatoria negli spazi pubblici. Ginevra, per esempio, lo ha fatto. «La raccomandazione di indossarla là dove non è possibile garantire la distanza è già in vigore ed è contenuta nell'ultima risoluzione governativa approvata pochi giorni fa», precisa Merlani. «Dipende dalla decisione di ogni singolo metterla. Io la consiglio perché è un'attenzione che riduce il rischio di contagio senza aspettare che sia l'autorità a imporla».

Non banalizzare gli asintomatici

Gli ultimi dati dei contagi mostrano che molti giovani trovati positivi (nelle scuole superiori, per esempio) sono asintomatici. Hanno il virus, ma non manifestano i segni della malattia e non si capisce bene come e con quale gravità contagino le altre persone. A maggior ragione servirebbero le mascherine.

«La questione degli asintomatici è un tema dal punto di vista scientifico relativamente nuovo nel senso che per la Sars, il virus precedente al Sars-CoV-2, non esistevano casi di asintomatici», aggiunge Merlani. «Verso la metà di aprile sono stati pubblicati alcuni studi che oltre ai giovani asintomatici ha dimostrato che anche negli anziani c’erano degli asintomatici. Che ruolo ha avuto questo aspetto nella diffusione della malattia è impossibile dirlo. Si sa però che circa il 60 per cento degli asintomaci non infetta nessuno e che il restante 40 per cento infettano più persone. Molto dipende dalla carica virale che non è correlata direttamente coi sintomi. È probabile che ci sia una fetta importante della popolazione che fa la malattia senza neanche accorgersene e che comunque non impatta sul sistema sanitario aumentando quella che si definisce immunità di gregge. Se così fosse sarebbe una buona notizia».

«Vista da un’altra ottica - negativa, secondo il medico - è che abbiamo gente asintomatica che poi infetta gli altri. Per questa ragione è bene mantenere sempre le regole d’igiene, mascherine comprese. Ricordo che si è molto più infettivi nelle 48 ore prima di presentare i sintomi come febbre e tosse».

Il dottor Merlani conferma inoltre che la percentuale di positivi rispetto ai tamponi è attorno al 10%. «C’è una sfasatura temporale tra i dati che abbiamo a disposizione visto che arrivano da diversi laboratori. Per quanto riguarda i tamponi analizzati dal laboratorio cantonale dell’Eoc, che sono circa il 60%, la quota di positivi è appunto del 10%».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
3 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
4 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
4 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
4 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
6 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
6 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
8 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
8 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
12 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
© Regiopress, All rights reserved