laRegione
02.10.22 - 22:28

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane

di Teresa Bisignani
monte-inaugurati-gli-interventi-del-progetto-intergenerazionale
Ti-Press/Massimo Piccoli
Un villaggio per tutte le età

A Monte, frazione di Castel San Pietro, c’è un progetto che ha l’ambizione di migliorare la qualità di vita delle persone anziane che tuttora vivono in località discoste. Un’esperienza sulla quale sabato si sono accesi i riflettori, inaugurando i vari interventi realizzati sin qui con un investimento di mezzo milione di franchi. Con il tempo il progetto è diventato, infatti, un modello di sviluppo sostenibile riconosciuto dall’Ufficio federale dello sviluppo territoriale e da altri otto Uffici federali. Il Progetto Monte ha assunto nel corso della sua evoluzione un carattere intergenerazionale. In effetti, attraverso gli scambi tra le generazioni si possono creare i legami sociali fondamentali per invitare anche giovani famiglie e non a ripopolare i piccoli villaggi delle nostre valli.

Dall’architettura all’esperimento sociale

Iniziata come operazione prettamente architettonica, realizzata dallo Studioser di Rina Rolli e Tiziano Schürch di Zurigo, questo ‘esperimento’ ha generato un dinamismo sociale che ha portato al lancio di iniziative locali nell’ambito giovanile con Pro Juventute e di promozione della salute con l’Associazione per l’assistenza e la cura a domicilio del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Inoltre, si è arrivati a riaprire il preasilo dedicato alla prima infanzia grazie all’Associazione Progetto Genitori, si è avviata la formazione di tutor di comunità con il laboratorio Liss, e si sono attivati progetti scolastici con il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport e la Summer School di architettura. Risultati presentati con orgoglio dal Municipio guidato dalla sindaca di Castel San Pietro Alessia Ponti nel corso di una cerimonia ufficiale che ha visto intervenire il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa, la responsabile federale del Programma progetti modello Sviluppo sostenibile del territorio Melanie Gicquel, gli architetti Rina Rolli e Tiziano Schürch dello Studioser e l’ex consigliere nazionale Meinrado Robbiani.

Tra visite e aneddoti

Durante la giornata di festa è stata così offerta alla popolazione la possibilità di partecipare a visite guidate ai lavori, realizzati nell’arco di tre anni. A fare da ciceroni un architetto e un abitante di Monte, che ha regalato anche aneddoti sulla frazione. Punto di ritrovo e partenza dell’itinerario è stata ‘La Butega da Munt’, gestita da volontari e non, e considerata il vero e proprio cuore pulsante del paese. Illustra un’abitante: «Questa è la vera piazza del paese, sin da quando ero bambina. È sempre stato qui il luogo di ritrovo per grandi e piccini, pure di sera. Mentre si giocava sulla strada, le donne facevano la maglia». I visitatori hanno potuto poi curiosare in un piccolo mercatino con prodotti tipici della valle, ascoltare musica e conoscere l’esposizione di filmati allestita nella sala della Casa comunale e dedicata al progetto e ai lavori della Summer School, a cui hanno partecipato architetti di diverse nazionalità e università, tra cui l’Accademia di Mendrisio, il Politecnico di Zurigo e di Barcellona.

Quel corrimano per le biglie

Altro interessante tocco di originalità è il logo del Progetto Monte, realizzato da Gwen Togni, e presente sul sacchetto portabiglie regalato ai partecipanti su cui sono rappresentate due montagne da cui rotolano delle biglie e che rappresentano l’elemento giocoso del paese. Altra visione è quella dell’adulto e il bambino che si osservano e interagiscono tra loro, simboleggiando l’intergenerazionalità. Perché proprio delle biglie? Lo ha spiegato Rina Rolli: «Durante la ricerca che abbiamo fatto per il progetto, una signora anziana del paese ci ha raccontato che sulla piazza del paese, quella vera sulla strada cantonale, c’erano quattro blocchi in pietra – tuttora visibili – con dei buchi che erano la distanza giusta del baldacchino del Santissimo che si portava in processione un giorno all’anno, nel resto del tempo invece i bambini giocavano con le biglie e le utilizzavano come tana. Da qui l’idea delle biglie. Poi a un certo punto abbiamo pensato anche di integrarle nel corrimano delle scalinate, elemento funzionale per gli anziani e giocoso per i bambini».

Paesi da far rivivere

Di fatto nel corso dell’esperienza «ci si è domandato cosa volesse dire, come architetti, creare qualcosa che favorisse l’intergenerazionalità – ha fatto notare a ‘laRegione’ Tiziano Schürch –; ed è la multifunzionalità, ovvero il fatto che uno stesso elemento possa essere utilizzato in modo diverso quindi anche da persone diverse e questo è avvenuto in ogni intervento». Altro fondamentale obiettivo del progetto è quello di invitare nuovamente le persone e le giovani famiglie a ripopolare questi paesi, come ha confermato la stessa sindaca di Castello. «Abbiamo visto che ci sono sempre più famiglie che chiedono di vivere in valle, un po’ per il fatto che c’è meno traffico, il ritmo più soft, maggiore senso di collettività e di vicinanza con la popolazione e anche per una questione di affitti».

È l’esempio di una coppia del posto: «La nonna di mio marito è nata qui e sua mamma è stata la prima dispensiera della bottega, che all’epoca era cooperativa, e aveva 15 anni quando l’ha aperta. È davvero bello vedere di nuovo il paese popolato e attivo con tante famiglie giovani. Questo mi fa ricordare quando ci siamo sposati e vivevamo qui con la nostra prima figlia, c’erano 35 abitanti e si diceva ‘Monte va a morire’. Invece adesso sono un centinaio di abitanti e anche noi ci siamo appena ritrasferiti. Insomma, ritorniamo al paese di mio marito, nella casa vicino al luogo dove abitavano i suoi genitori».

È solo l’inizio

Cosa avverrà in futuro? Qui a rispondere è Alessia Ponti. Che ha spiegato: «Adesso ci piacerebbe, visto appunto il successo del progetto e le attestazioni di fiducia e stima che abbiamo ricevuto dalle autorità federali, che si possa andare avanti e magari pian piano aggiungere degli altri tasselli che fanno parte di un progetto più completo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
5 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
7 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
10 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
10 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
16 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
17 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
19 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
19 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
20 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
21 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
© Regiopress, All rights reserved